Pellet Canadian A1 View larger

PELLET CANADIAN A1

Invia ad un amico

Pellet Canadian A1

Pellet Canadian A1

Pellet di puro abete decortecciato Classe A1

Destinatario:

Annulla  o 

Pellet di puro abete decortecciato Classe A1

Il pellet Canadian A1 è un pellet di alta qualità di puro abete! Ideale per stufe e caldaie.

Il pellet prodotto è assolutamente privo di additivi, è un prodotto realizzato esclusivamente con legno di abete vergine!  Questo pellet ha un elevato potere calorifico e un basso contenuto di cenere.

Caratteristiche pellet Canadian:

Prodotto: puro abete rosso

  • Provenienza: Canada
  • Diametro ca: 6 mm
  • Residuo Ceneri: < 0,5 %
  • Umidità: < 8 %
  • Lunghezza ca: fino a 40mm
  • Calore: ca 5,3 KWh/Kg
  • Confezione: sacchi polietilene da 15 kg
  •                     sacchi polietilene da   7 kg
  •                     sacchi big bag    da 750 kg
  • Bilico: n. 26 bancali x 70 sacchi ciascuno (27.300 Kg.)

Ma vediamo in dettaglio quanto costa e quanto fa risparmiare il pellet. Premettendo che il prezzo ha variazioni stagionali (più basso nel periodo da maggio a luglio, ha un rincaro verso agosto e si stabilizza durante l'iverno), osserviamo che ora, a ottobre 2013, una tonnellata viene venduta a circa 320 euro e il consumatore va a pagare un sacco da 15 kg tra 4,8 e 5,5 euro, molto più caro di quanto costava nello stesso periodo del 2012: circa 250-290 euro a tonnellata e 3,6-4 euro a sacco (in media).

La convenienza comunque resta. Basta guardare il grafico qui sotto che mostra il costo a MWh dei vari carburanti, calcolato da AIEL in base ai prezzi aggiornati:

Grafico potere calorifico fonti energetiche

Considerando che una stufa a pellet produce 7,2 MWh termici in un anno (cioè consumi 1,5 tonnellate di pellet, un dato medio per molte case al nord Italia), il pellet farebbe risparmiare circa 1.200 euro nel caso vada ad integrare un impianto a GPL, che diventano 525 nel caso del gasolio e circa 100 per il metano.

Ma come scegliere il pellet migliore? Il consiglio principale di optare, quando possibile per prodotti certificati: le certificazioni che possiamo trovare sul pellet in commercio sono la tedesca Din e Din Plus, l'austriaca ÖNORM M7135, la svizzera SN 166000 e l'ENPlus che si sta diffondendo a livello internazionale.

"La nostra associazione - spiega l'esperta - promuova unicamente l’uso sostenibile dekle biomasse legnose. Per tale motivo, promuoviamo unicamente il pellet di qualità certificata ENplus che considera non solo la qualità del prodotto, ma anche la tracciabilità e il ciclo di vita del pellet", spiega Annalisa Paniz, Responsabile certificazione qualità biocombustibili solidi e apparecchi domestici di AIEL e autrice tra l'altro del nostro Speciale Tecnico sul tema.

Il marchio europeo ENplus divide i prodotti in 3 categorie a seconda delle caratteristiche chimico-fisiche del pellet: la A1 per il pellet più pregiato, una seconda, detta A2, e una terza contrassegnata con la lettera B nella quale finisce il pellet più scadente, adatto solo ad esser bruciato per usi industriali. “Per essere sicuri che il pellet sia davvero certificato – ci spiega Paniz – non basta però che ci sia il marchio: deve sempre essere accompagnato da un numero identificativo dell'azienda, altrimenti non ha alcuna validità”. Il numero è formato da due lettere che indicano il paese di provenienza (es. IT per Italia) e da tre cifre. I numeri da 0 a 299 identificano i produttori, quelli oltre 300 gli importatori: sul sito di EN Plus si può verificare che il codice corrisponda al produttore o all'importatore effettivo.

Detto questo, molto pellet in commercio non è certificato, anche perché circa l'80% di quello presente sul mercato italiano è di importazione: gran parte proviene da Europa e Paesi dell'Est, ma una quota anche da Usa, Canada, Sudamerica, Australia e perfino Nuova Zelanda. Se il marchio di certificazione non è segnalato, bisogna verificare che ci siano almeno il nome e i riferimenti del produttore o dell'azienda responsabile della commercializzazione.

Informazioni utili – come residuo di ceneri, potere calorifico e contenuto idrico - ci vengono poi dall'etichetta. Come leggere questi valori? “Si può fare riferimento alla norma per la certificazione – ci spiega Paniz - il parametro più importante è il residuo di ceneri: per il pellet certificato A1 deve essere inferiore allo 0,7% e per quello certificato A2 deve essere inferiore all'1,5%. Pertanto un pellet con residuo inferiore all'1,5% è accettabile, ma è ancora migliore con un residuo inferiore allo 0,7%".

Per quel che riguarda il potere calorifico, scopriamo che l'importanza di quanto scritto in etichetta è relativa: “Diversi produttori indicano valori fuorvianti, scrivendo il potere calorifico del pellet allo 'stato anidro': possiamo trovare sulle etichette valori tipo 5,3 kWh/kg. In realtà il potere calorifico reale del pellet è attorno ai 4,7-4,8 kWh/kg, ossia circa 16 MegaJoule. Cifre più alte sono false: il potere calorifico non può essere considerato allo stato anidro ma va misurato per quello specifico pellet con il suo contenuto idrico, mediamente del 6-8%".

Anche la materia prima non è determinante per capire la qualità, fatto salvo che il pellet – come previsto dalla normativa – deve essere fatto con legno vergine che ha subito unicamente trattamenti di tipo meccanico (dunque niente scarti di falegnameria verniciati o incollati). La specie legnosa – spiega l'esperta – conta fino a un certo punto. “Anche se certe specie possono essere particolarmente difficili, va detto che non si trova pellet di castagno o di quercia puro, ma sempre mischiato ad altre specie, ad esempio a faggio o abete”.

Ma la qualità del pellet si può capire a una semplice ispezione visiva? La nota distinzione tra pellet chiaro e pellet scuro, scopriamo, “non ha fondamento: può dipendere dal tipo di essicatoio, quello a tamburo tende a tostare leggermente il pellet, dandogli un colore più scuro”. “La cosa importante – consiglia Paniz - è prendere in mano il sacco e vedere quanti residui di pellet sbriciolato ci sono: deve essere compatto, molti residui indicano pellet di scarsa qualità e che ha subito lunghi spostamenti

PRENOTALO SUBITO !!!

0,00 €

Ultimi articoli in magazzino!!

Potrebbero interessarti anche: