Fitopatologie

Marciume bruno

Identificazione dei sintomi

E' un fungo molto polifago, abbastanza dannoso. I sintomi principali si manifestano al colletto ed al rizoma e consistono in appassimenti, portamento epinastico delle foglie, arresto dello sviluppo ed infine disseccamento dell'intera pianta; tuttavia può colpire anche i frutti che si ricoprono di una efflorescenza miceliare biancastra seguita da marcescenza del frutto stesso.

Ciclo biologico

Si può conservare sia nel terreno sia nei residui vegetali come oospora. Le infezioni si sviluppano sugli organi ipogei, in presenza di lesioni o in piante non in ottime condizioni sanitarie. Le infezioni sono favorite da periodi piovosi e da irrigazioni frequenti in terreni a difficile sgrondo. La penetrazione del patogeno è favorita da temperature di 15-23 °C.

Lotta

E' sia di tipo agronomico preventivo sia di tipo chimico. Questo patogeno è difficilmente controllabile anche per la sua lunga persistenza nel terreno come saprofita. Le pratiche agronomiche sono: - rotazioni lunghe; - scelta di piante sane; - evitare lesioni e microferite. I prodotti chimici da utilizzare sono: - Clortalonil; - Ditianon; - Fosetil di Alluminio; - Propamocarb.