Fitopatologie

Oziorrinco del ligustico (Otiorhynchus ligustici)

Descrizione dei danni arrecati

Gli adulti praticano dei morsi di maturazione sui bordi delle foglie, arrecando a volte una sfogliazione totale. I germogli,, i fiori sono spesso colpiti anch'essi. I germogli del Luppolo così attaccati sono cascanti. L'Oziorrinco della Vite si installa massicciamente, gli organi aerei del Luppolo, possono essere direttamente divorati. Sulle radici delle Leguminose e del Luppolo, le larve scavano delle gallerie a forma di incavi e di buchi: la pianta si infeltrisce, non cresce più, muore. Sull'Erba medica e sul Trifoglio, la soglia di nocività corrisponde a 1 adulto per 40 mq.

Descrizione fisica

  • Adulto: circa 10 - 14 mm di lunghezza, di forma molto convessa, ricoperto di scaglie grigio brunastre e di setole chiare a riflessi metallici. Addome ovale; le elitre sono finemente granulose. Il rostro è largo, inciso sui bordi inferiori; la sua facciata superiore porta una carena mediana, il femore porta sullo strato superiore un dente corto e morbido.
  • Larva: da 10 a 12 mm di lunghezza, colore biancastro, corpo leggermente incurvato. Capsula cefalica marrone. Apode.

Ciclo biologico

Invernazione sotto terra. Riproduzione soprattutto partenogenetica; i maschi sono quasi inesistenti. Gli adulti abbandonano i loro nascondigli sotterranei in aprile, portandosi sui campi di Erba medica o ,in assenza di questa, su altre piante. Sono incapaci di volare, i loro stiletti sono uniti. Le uova sono deposte sulle radici delle piante dalle quali si nutriranno. Le larve si alimentano fino all'autunno, poi si fermano in un guscio sotterraneo, che abbandoneranno in primavera. Si nutono fino al mese di giugno, periodo in cui comincia la ninfosi. Se le condizioni climatiche sono sfavorevoli, alcune larve non entrano in ninfosi, se non dopo un' invernazione supplementare, nel terzo anno. Siccità ed inverni dolci favoriscono l'accrescimento della popolazione.

Descrizione biologica

Insieme al Luppolo, sono attaccate anche le Leguminose, soprattutto l'Erba Medica ed il Trifoglio. Se queste piante sono assenti, l'adulto può attaccare la Vite, le giovani Barbabietole, i Piselli, i Cereali, il Fagiolo, l'Asparago ecc. Le uova sono deposte isolatamente o in gruppi. La fecondità media va da 400 a un massimo di 800 uova per femmina. Le uova hanno uno sviluppo embrionale che da 1,5 a 3 settimane. La larva: durata dello sviluppo 1 anno. Inverna nel suolo ad una profondità di 30 - 40 cm.