Fitopatologie

Afide verde scuro delle drupacee e delle graminacee (Rhopalosiphum padi)

Descrizione dei danni arrecati

  • Sotto l'effetto delle punture di questo Afide, le foglie delle Graminacee si accartocciano a spirale. I cereali di primavera sono i più colpiti. Soprattutto, R.padi, è l' agente di molte malattie portate da virus dei cereali. Trasmette di solito il Virus dell' Ingiallimento nanificante (BYDV), di cui è il principale vettore; quando l'Orzo ne viene colpito tende a prendere un colorito giallognolo.

Descrizione fisica

  • Adulto attero di forma globulosa, colore verde scuro, antenne a 6 articoli. Le cornicula sono corte, scure e flesse, ristrette all' estremità, con delle macchie rossastre intorno alle loro inserzioni.

Ciclo biologico

  • Presenti dal mese di giugno sulle Graminacee e notoriamente sul Mais, questi Afidi, R. padi, pullulano soprattutto in autunno, da settembre a novembre, quando le condizioni climatiche diventano sfavorevoli allo sviluppo di micosi e di insetti afidifagi. Alla fine del ciclo vegetativo del Mais, R. padi, ritorna sui semi dei cereali d'inverno. La rarità dell'ospitante primario nelle regioni a cerealicultura intensiva, comporta molto spesso l'anolociclicità.

Descrizione biologica

  • Ospitante primario, Ciliegio a grappoli (Prunus padus). Ospitanti secondari sono le Graminacee e notoriamente il Mais, l'Orzo, l' Avena, ed il Grano. L' uovo d'inverno è deposto sul Ciliegio a grappoli. In primavera, la fondatrice e 2 o 3 generazioni di fondatrigeni si sviluppano su questo ospitante provocandone il raggrinzimento fogliare sui giovani rami. In seguito le fondatrigeni alate emigrano per colonizzare le Graminacee, ed in particolare il Mais, si localizzano quindi sui gambi e sulla guaina delle foglie, sotto le spate del Mais, o sullo strato inferiore delle foglie. Dopo la fioritura gli individui si sviluppano sulla pannocchia, sulle foglie vicine alle spighe. In autunno vengono prodotti i maschi alati sulle Graminacee; questi ritorneranno sull' ospitante primario in seguito. Le femmine saranno deposte sull' ospitante primario da ginopari alate provenienti dalle Graminacee.