Fitopatologie

Cocciniglia del corniolo (diospiro o kaki) (Eulecanium Corni (bouch), eulecanium Persicae (f.))

Identificazione dei sintomi

La femmina ha corpo ovale e convesso, percorso da solchi e di colore brunastro; la sua lunghezza è di 4-7 mm. Il maschio compare raramente ed è dotato di ali color giallognolo. La cocciniglia del corniolo infesta la pagina inferiore delle foglie; il danno si manifesta sulle foglie e sui peduncoli dei frutti ed è provocato dalle punture trofiche e dalla melata prodotta.

Descrizione dei danni arrecati

Le piante attaccate fioriscono male, i frutti restano piccoli; negli alberi da frutto si sviluppa spesso una intensa fumaggine.

Lotta

E' di tipo chimico e si effettua solo in caso di forte infestazione con interventi contro le neanidi. I prodotti utilizzati sono: - Carbaril; - Clorpirifos-metil; - Oli bianchi.

Descrizione fisica

2 Lecaniidae provocano danni considerevoli ai Vigneti. Le forme larvali sono molto difficili da distinguere. La distinzione tra le due specire si effettua a partire dalle forme adulte. E. corni: cocciniglia globulosa, lunga da 4 a 6 mm, larga 4 mm. Colore mogano scuro, luccicante, senza carena mediana marcata; rugosità marginali pronunciate. E. persicae: è più allungata, fino a 1 cm di lunghezza, rosso scuro, matta, con carena mediana ben pronunciata, senza rugosità marginali.

Ciclo biologico

Trascorre l'inverno come neanide di seconda età; il suo sviluppo si completa in primavera. Le femmine si riproducono per partenogenesi e depongono alcune centinaia di uova sotto il proprio corpo. Dopo 2-4 settimane nascono le neanidi (prima generazione). A questa ne può seguire una seconda. La cocciniglia del Corniolo compie 1-2 generazioni all' anno.

Ciclo biologico

Le uova si schiudono verso la meta' di giugno. La prima muta larvale ha luogo in agosto. Le larve migrano allora verso le radici, i rami, ed il tronco per passare qui l'inverno. Diventano adulte in aprile ed emigrano verso i giovani rami, i germogli, e le giovani foglie. La femmina accumula le sue uova per poi espellerle, in più giorni, tra la fine del mese di maggio e di luglio. Muore in seguito e la sua carcassa protegge le uova durante tutto lo sviluppo embrionale. I maschi diventano adulti quando le femmine subiscono la seconda muta.

Descrizione biologica

E. persicae si attacca alla Vigna, a Pesco, al Ribes (Rosa), al Glicine (Wistaria). E. corni, è più polifaga, si attacca anche al Pruni, al Ciliegio, all'Albicocco, al Nocciolo, al Noce, al Corniolo (Cornus). Le giovani larve si posizionano sullo strato inferiore della foglia e possono essere trasportate dal vento a grandi distanze; si fissano sullo strato inferiore della foglia, principalmente lungo le nervature. Fecondità delle femmine: da 1500 a 2000 uova. Le femmine non fecondate producono altre femmine e solo femmine. Durata dell'incubazione dai 15 ai 30 giorni.