Fitopatologie

Anguillula dell'orzo (Heterodera Avenae Wollenweber)

Descrizione dei danni arrecati

La presenza di questo individuo si traduce in primavera con una riduzione della vegetazione. Le piante attaccate presentano, in giugno, radici corte e cespugliose. I danni sono agevolati nei periodi di forte umidità in inverno o in primavera, seguiti da secchezza alla fine della primavera.

Descrizione fisica

  • E' un Anguillula a cisti. Le femmine fecondate sono bianche e brune, grosse come delle teste di spillo. Le uova sono contenute nelle cisti.

Descrizione biologica

  • Piante ospitanti: questo Nematode è specifico delle Graminacee. In Europa sono state individuade sette razze biologiche di questa specie. Le razze meridionali attaccano di preferenza il Grano duro, mentre quelle settentrionali l'Avena. Il Grano tenero e l 'Orzo sono sensibili a tutte le razze. La Segale è poco attaccata, mentre solo di recente si sono registrati attacchi sul Mais. Le femmine si sviluppano sulle radici per poi trasformarsi in cisti alla luce del sole (*). Queste costituiscono gli organi nei quali le uova possono resistere molti anni in attesa che si presentino di nuovo piante ospitanti nuove che permetterebbero lo schiudersi delle uova, lo sviluppo delle larve e la riproduzione. N.B. CISTI: stadio della vita di vermi parassitari.