Fitopatologie

Tignola degli agrumi (Prays citri)

Identificazione dei sintomi

L'adulto è una farfalla (circa 12 mm di apertura alare) di colore grigio, con le ali anteriori variegate di nero e quelle posteriori frangiate. La larva è bruno-verdasta. I danni sono prevalentemente a carico dei boccioli fiorali e dei fiori già aperti; le larve penetrano nei fiori, riunendo con fili sericei, e ne rodono l'interno, fino all'ovario. Gli attacchi possono provocare la perdita dei boccioli fiorali che sono soggetti a colature. Le larve possono attaccare i germogli e i frutticini, sui quali compaiono erosioni, svuotandoli e determinandone la cascola.

Descrizione dei danni arrecati

  • I bottoni floreali, attacati dalle larve, si seccano e muoino. I giovani frutti attaccati, divorati dall'interno e riempiti di escrementi, abortiscono. I frutti più vecchi si deformano, restano piccoli ed irregolari.

Lotta

E' di tipo chimico e segue i criteri della lotta guidata ed integrata. In natura è controllata allo stadio di uovo e di larva da Imennotteri Calcidoidei. La lotta chimica è guidata ed i monitoraggi delle popolazioni vengono effettuati con trappole sessuali e campionamenti visivi. Tra i prodotti da utilizzare ricordiamo: Fosalone, Dimetoato, Azinfos-metile, Acefate, Triclorfon, Fenitrotion, Carbaril. Contro le larve è impiegabile anche il Bacillus Thuringensis.

Descrizione fisica

  • Adulto: da 10 a 12 mm di apertura alare, di colre grigio tenue. Le antenne sono relativamente corte. Ali fortemente frangiate. Le ali anteriori sono grigio brunastre zigrinate, più sombrie sul bordo inferiore e all'apice; le ali postreriori sono molto strette, grigio bruno uniforme e grigio fumo verso l'estremità.
  • Uova: ovali, leggermente convesse, da 0,15 a 0,2 mm, sono opalescenti con il corion finemente reticolato. Larva: decolorata e molto piccola alla schiusura dell'uovo, misura 6,5 mm di lunghezza e 1,8 di larghezzza, alla fine della crescita. Corpo di colore chiaro, brunastro o biancastro con la testa e la placca toracica più scura.
  • Crisalide: si trova in un bozzolo molto morbido, bianco e affilato.

Ciclo biologico

La Tignola sverna come crisalide in bozzoli sericei, oppure come larva ed in fine come uovo o adulto a secondo delle condizioni ambientali. L'ovideposizione inizia in primavera ed avviene sui boccioli fiorali; il tempo di sviluppo da uovo ad adulto è variabile (in estate 1 generazione si completa circa in un mese). Nel corso dell'anno si compiono più generazioni ed in alcuni casi si può arrivare fino a 10 gennerazioni. Sui frutti si può rivenire anche la Tignola rigata che compie tre generazioni all'anno; sverna come crisalide o larva.

Ciclo biologico

  • 11 generazioni per anno il Sicilia ed anche nel Basso Mediterraneo: 1 invernale, 3 primaverili, 4 estive e 3 autunnali. L'evoluzione completa dell'insetto si compie in meno di 30 giorni durante i mesi estivi, e in 60 gg in inverno. Inoltre, a causa delle generazioni annuali, P. citri si incontra a tutti gli stadi durante tutti i mesi dell'anno.

Descrizione biologica

  • Piante ospitanti: tutti gli Agrumi con una preferenza verso il Limone (Citrus limonum), il Cedro (Citrus decumana) e a un grado medio l'Arancio (Citrus aurantium).
  • Farfalla: dopo la sua appparizione, si nutre si sostanze succhiate. Vola al crepuscolo e di giorno, si tiene a riposo nelle piante ospitanti. L'accopiamento ha luogo poco dopo l'uscita. Qualche ora più tardi, la femmina depone da 1 a 3 uova, su un bottone floreale poi cambia bottone.
  • Fecondità totale osservata: da 60 a 150 uova. Il giovane bruco penetra all'interno del bottone floreale e divora gli organi floreali ripiegati. Poi, esce da un foro laterale circolare e guadagna un altro bottone floreale che incide nella stessa maniera. Tesse dei fili di seta che somigliano alle infiorescenze attaccate. In seguito si attacca al giovane frutto nel quale penetra lateralmente dal ricettacolo. A seconda della stagione si nutre ugualmente di germogli teneri e di giovani foglie che agglutina nella sua tela. Penetra anche nei frutti maturi forando una galleria dello spessore della cuticola.