Fitopatologie

Cocciniglia del fico (Ceroplastes rusci)

Descrizione dei danni arrecati

La presenza di questa Cocciniglia porta ad un indebolimento dei germogli e delle foglie che in seguito può provocare la morte della pianta. La melata che questo individuo secerne è in generale invasa dalla fumaggine, che riduce la fotosintesi. Quando è fresca, questa mielata, costiutuisce un forte richiamo per la Formica D'Argentina (Iridomyrmex humilis may); questa attacca con aggressività tutti i parassiti e predatori di tale Cocciniglia.

Descrizione fisica

Femmina adulta: guscio ovale (da 4 a 5 mm x 3 a 4 mm); spesso, globuloso, formato da 8 placche tegumentarie unite, di colore bruno chiaro. - Maschio: la larva è protetta da un guscio biancastro allungato; l'adulto è alato (un solo paio di ali), mobile, e sprovvisto di protezione cerosa. - Uova: ovoidali (0,32 x 0,23 mm); inizialmente color ocra, prendono un colore cannella o ruggine in seguito. Riposano sotto il guscio della femmina dopo la deposizione. Larva: al primo stadio la larva appena nata è di forma ovale, di colore ruggine, e misura 0,47 x 0,23 mm. Qualche giorno dopo la nascita, la larva secerne una specie di falda cerosa sul dorso. Al 2° stadio questa falda si inspessisce e si ingrandisce. Al 3° stadio, il dimorfismo sessuale è molto pronunciato. Nei 2 sessi la muta è preceduta da un periodo di inattivita'.

Ciclo biologico

Esistono 1 o 2 generazioni l'anno in Portogallo; 2 sul litorale Sud. Per la prima generazione la deposizione delle uova comincia nel mese di maggio, e si completa nel mese di giugno. Per la seconda generazione, nel Sud, occorre aspettare luglio agosto. Le larve mobili si sparpagliano sull' albero, e nel giro di una settimana, colonizzano le nervature delle foglie. Le larve del 2° stadio che si fissano sui germogli del Fico, vi restano fino alla primavera successiva, dopo aver invernato.

Descrizione biologica

L'ospitante preferito è il Fico, ma questa Cocciniglia infesta anche una ventina di altri vegetali. Dopo l'accoppiamento le femmine depongono da 750 a 900 uova in tutta la loro vita; da una dozzina a centinaia al giorno. Le larve si schiudono nel giro di 3 o 4 settimane dopo aver passato tre stadi.