Fitopatologie

Pulgon della patata (Macrosiphum euphorbiae)

Descrizione dei danni arrecati

Le punture di alimentazione inducono un rallentamento della crescita delle piante ed una diminuzione del rendimento. Il principale danno di questo Afide risiede nel fatto che esso trasmette dei virus fitopatogeni, in particolare il virus Y della Patata (PYV) ed il virus dell' ingiallimento grave della Barbabietola (BYV).

Descrizione fisica

Adulto attero: Afide di grande taglia da 2,4 a 3,6 mm di lunghezza, colore grigio verde o rosa; fusiforme con antenne più lunghe del corpo, brune sulla metà apicale; cornicula cilindriche, 2 volte più lunghe della coda, che ha forma triangolare molto allungata con 8 o 11 setole.

Ciclo biologico

Specie dioica che comporta numerose popolazioni anolocicliche. Le uova d' inverno si osservano a volte sulle Rosacee (Rosa), ma la maggior parte delle popolazioni sopravvivono partenogeneticamente invernando sui germogli della Patata o in serre calde o fredde.

Descrizione biologica

Apparso in Europa nel 1917, questa specie è molto polifaga e cosmopolita; si osserva di solito sulla Patata, sulla Barbabietola, sul Cavolo, su piante da serra (Lattuga, Cicoria, Porro, Melanzana, Cocomero), su piante selvatiche e colture floreali: Cineraria (Senecio), Crisantemo (Chrysanthemum) Dalia, Garofano (Dianthus), ecc. Le popolazioni crescono rapidamente dall' inizio della primavera. In condizioni favorevoli, possono raddoppiarsi in 2,4 o 2,7 giorni, la fecondità di una virginopari varia da 30 a 50 larve. Le colonie si installano di preferenza sulle foglie e sui peduncoli florali. Questo Afide presenta 2 forma: una verde, l'altra rosa. Sulle Patate per esempio, le forme verdi, preferiscono le foglie inferiori e le piante più vecchie, mentre le forme rosa preferiscono i vari strati fogliari.