Fitopatologie

Afide minore del noce (Chromaphis juglandicola)

Descrizione dei danni arrecati

Le colonie di questi Afidi no hanno buoni rapporti con le formiche. A pparentemente il fogliame non reagisce alla presenza di questi individui anche se abbondanti. All'azione diretta di questi afidi si uniscono i danni causati dalla fumaggine che si sviluppa a causa della produzione di melata.

Descrizione fisica

Le femmine adulte alate virginopari hanno un colrito giallastro chiaro, le generazioni d'autunno a volte includono 1 o 2 coppie di macchie addominali di colore nero. Sono lunghe piu' o meno 2 mm circa, non ci sono femmine virginopari attere. Le larve hanno lo stesso colore ma sulla parte superiore dell'addome hanno 4 coppie di macchie nere. Gli adulti maschi alati, sono simili alle femmine ma hanno testa e torace di colore nero. Le femmine sessuate ovipare attere sono somiglianti alle larve delle virginopari alate con la differenza che le prime hanno sulla testa, sul torace, e sull'addome macche nere. Le uova hanno forma ellissoidale, colore nero e diametro di 1,14 x 0,57 mm.

Ciclo biologico

La fondatrice nasce da un uovo di inverno nei mesi di aprile e maggio. Si nutre a spese dei germogli e delle giovani foglie. Le generazioni (da 8 a 11) sono composte da individui tutti alati che si sviluppano in primavera ed estate. Le femmine assicurno la dispersione della specie. Le forme sessuate nascono nei mesi di settembre e novembre; le uova vengono deposte sulla corteccia, alla base dei germogli o sulla cicatrice delle foglie dopo la loro caduta.

Descrizione biologica

E' una specie infeudata al Noce. Vive generalmente sullo strato inferiore delle foglie; spesso possiamo trovarla sugli strati fogliari terminali lungo il bordo delle nervature.