Fitopatologie

Cercospora della barbabietola (Cercospora Beticola)

Identificazione dei sintomi

La sintomatologia principale si manifesta sulle lamine fogliari sulle quali compaiono delle caratteristiche macchie tondeggianti che ben presto necrotizzano. Le macchie presentano il centro grigiastro circondato da un alone bruno scuro. La pianta colpita emette un'altra rosetta di foglie con le evidenti ripercussioni sull'accumulo di saccarosio nel fittone.

Lotta

La lotta è di tipo chimico e si avvale di alcune pratiche agronomiche (rotazioni). E' buona norma utilizzare miscele di prodotti chimici per evitare l'insorgenza di fenomeni di resistenza. I prodotti che possono essere utilizzati sono: - Rameici: Ossicloruri e Idrossidi di Rame o Poltiglia bordolese; - Clortalonil; - Stannorganici: Fentin idrossido, Fentin acetato; - Triazoli: Tetraconazolo, Ciproconazolo, Bromuconazolo. Il numero di trattamenti varia da uno a due a tre a quattro per ciclo produttivo.

Ciclo biologico

Si conserva nell'ambiente come fase miceliare, nei residui interrati di vegetazione infetta. La conservazione in fase conidica è molto rara. In primavera, in corrispondenza di condizioni termo-igrometriche ideali, i conidi formatisi sul micelio si staccano e arrivano sulla vegetazione. La penetrazione avviene per via stomatica successivamente il micelio invade i tessuti provocando i sintomi già descritti. Il periodo di incubazione varia da una due settimane e dipende dalle condizioni climatiche ed ambientali.