Fitopatologie

Peronospora del tabacco (Peronospora Tabacina)

Identificazione dei sintomi

E' una grave malattia. Può colpire le piante in qualsiasi momento del loro sviluppo, i sintomi si manifestano sulle foglie e variano a seconda dello stadio di sviluppo della pianta (avvizzimenti, disseccamenti, presenza di macchie giallastre, ecc., in certe condizioni la Peronospora tabacina colpisce il germoglio centrale provocando l'arresto dello sviluppo, la deformazione e la bollosità delle giovani foglie che tendono a necrotizzare. In altri casi si hanno alterazioni del germoglio centrale dovute alle necrosi dei vasi.

Lotta

La lotta è di tipo chimico e viene effettuata sia in semenzaio che in pieno campo. La lotta chimica interviene in modo mirato seguendo l'evoluzione delle condizioni epidemiologiche ambientali e adottando dei turni fissi d'intervento con antiperonosporici. Ciò determina la necessità di continua copertura della vegetazione. L'intervallo adottato tra gli interventi dipende soprattutto: - dal tipo di prodotto utilizzato; - dalla fase di sviluppo della pianta; - dalle condizioni ambientali. In ogni caso gli intervalli variano da 7 - 8 giorni a 10 - 14 giorni. I prodotti da utilizzare sul tabacco si dividono in due grandi categorie: - prodotti di copertura: Mancozeb, Propineb, Maneb, Zineb, Clortalonil; - prodotti endoterapici: Benalaxyl + Mancozeb; Metalaxyl + Mancozeb; Cimoxanil; Propamocarb (specialmente nei semenzai). Ottimi risultati si sono ottenuti con l'utilizzo del antiperonosporico Dimetomorf (in via sperimentale).

Ciclo biologico

Si conserva nel terreno tra i residui della vegetazione infetta, come oospora o come micelio. Le infezioni sono determinate dai conidi. La penetrazione avviene: - attivamente, perforando la cuticola; - passivamente, attraverso gli stomi. La germinazione dei conidi e la penetrazione avvengono in presenza di condizioni ambientali con umidità relativa elevata e bagnatura della vegetazione (pioggia, nebbie intense e rugiade). Le temperature cardinali di attività di questo patogeno sono piuttosto ampie; vanno da 8-10 °C fino a 30 °C , con un ottimo tra i 15-16 °C e 24-25 °C. Il ciclo di incubazione della malattia varia da 5-6 fino a 10 giorni, a seconda delle condizioni ambientali