Fitopatologie

Tripide della vite (Drepanothrips reuteri)

Identificazione dei sintomi

Il tripide della Vite è un piccolo insetto di colore giallo-verdastro; attacca la vegetazione all'apertura delle gemme con punture trofiche che provocano un rallentamento dello sviluppo dei germogli stessi e con lesioni dell'ovopositore che provocano tacche necrotiche. Inoltre le sue punture provocano deformazioni, increspature delle lamina e striature superficiali sugli acini.

Lotta

La lotta si effettua solamente in caso di forte infestazione con un trattamento chimico; i principi attivi più utilizzati sono: - Acefate; - Dimetoato; - Quinalfos; - Feniltrotion microincapsulato. Vengono utilizzate anche trappole cromotropiche blu; il tripide può essere controllato con utilizzo di antagonisti naturali quali i Rincoti Antocoridi.

Ciclo biologico

Sverna allo stadio adulto sotto la scorza dei tralci già lignificati; compare all'inizio della stagione primaverile (al germogliamento) portandosi in seguito sui giovani germogli sui quali vi ovidepongono (dentro i tessuti vegetali). Dalle uova ha origine la prima generazione i cui adulti sfarfallano tra maggio e giugno. A questa generazione seguono altre il cui numero dipende dalle condizioni ambientali.