Fitopatologie

Mal del piombo parassitario delle drupacee (Stereum Purpureum)

Identificazione dei sintomi

Lo Stereum purpureum è l'agente eziologico di una malattia che provoca una sintomatologia analoga d alterazioni di natura fisiologica (danno da caldo o stress idrico). la malattia è definita "Mal del piombo parassitaria". Il sintomo iniziale si manifesta a carico delle foglie che schiariscono, assumendo una colorazione argentea e plumbea; questa colorazione è dovuta alla rifrangenza dell'area che entra tra il tessuto a palizzata e l'epidermide superiore. I due tessuti si staccano per la presenza di sostanze tossiche ad azione enzimatica, prodotte dal fungo stesso. Le foglie colpite, nel corso dell'estate, tendono ad accartocciarsi per tanto l'attività fotosintetica della pianta diminuisce. Il sintomo si ripete anche negli anni successivi provocando un forte deperimento della pianta. La pianta in fase di grave debilitazione, non è più in grado di fermare un apparato aereo normale ed uniforme. Le alterazioni fogliari sono la conseguenza dell'attività del fungo che localizzato negli organi legnosi Il fungo, infatti, colpisce direttamente i grossi fusti, le branche o le brachette e le grosse radici.

Lotta

La lotta è attuabile solo in via preventiva agronomica; la lotta chimica diretta e improponibile in quanto si tratta di un fungo lignicolo, quasi impossibile da eradicare con mezzi chimici. Le pratiche agronomiche sono pertanto molto determinanti; e sono: - identificazione ed eliminazione tempestiva dei focolai d'infezione. Le piante infette vanno divelte completamente e le buche vanno disinfettate - disinfezione dei tagli di potatura.

Ciclo biologico

La principale forma di conservazione del patogeno è rappresentata dai Carpofori che liberano basidiospore. Le basidiospore sono responsabili delle eventuali reinfezioni durante i periodi umidi e piovosi che sono favorevoli al fuoco. Le basidiospore penetrano soprattutto dalle ferite.

In caso di contatti tra radici l'infezione avviene mediante il micelio che passa attraverso le radici.

La sintomatologia descritta sia sulle foglie si sugli organo legnosi è dovuta: - direttamente l'attività del fungo; - alla reazione della pianta che tende ad isolare il patogeno.

Descrizione biologica

La principale forma di conservazione del patogeno è rappresentata dai Carpofori che liberano basidiospore. Le basidiospore sono responsabili delle eventuali reinfezioni durante i periodi umidi e piovosi. Le basidiospore penetrano soprattutto dalle ferite. In caso di contatti tra radici l'infezione avviene mediante il micelio che passa attraverso le radici.