Fitopatologie

Cancro batterico delle drupacee (Xanthomonas Campestris)

Identificazione dei sintomi

Il Cancro batterico delle Drupacee è una batteriosi. I sintomi sulle foglie si manifestano con tacche edematose, irregolari, spesso delimitate da delle piccole nervature; queste tacche necrotizzano e possono anche confluire in necrosi più ampie, in questi casi il lembo fogliare ingiallisce e le piante subiscono una filloptosi anticipata. Le piante possono reagire formando, in punta, una nuova vegetazione, con notevoli dispendi energetici. Sui frutti possono manifestarsi tacche necrotiche che evolvono in piccole lesioni in cui si instaurano, molto facilmente, gli agenti funginei dei marciumi.

Lotta

La lotta contro il Cancro batterico consiste essenzialmente in pratiche a agronomiche. Nei frutteti già infestati occorre asportare, con potature di rimonda, i rami, le foglie ed i frutti infetti e distruggerli con il fuoco. Inoltre si può intervenire con due o tre trattamenti preventivi durante la fase di caduta delle foglie (dall'inizio alla fine) con prodotti a base di Rame (batteriostatico).

Ciclo biologico

Le infezioni si verificano attraverso soluzioni di continuità naturali (stomi) o traumatiche (ferite e lesioni) in periodi in cui le condizioni termo-igrometriche sono elevate. La conservazione del patogeno sembra sia affidata o ai cancri rameali o ai residui della vegetazione infetta nel terreno e sulle piante. Inoltre sembra che un'eccessiva vigoria vegetativa sia correlata ad un aumento dell'attività del patogeno.