Fitopatologie

Rogna dell'olivo (Pseudomonas savastanoi pv. savastanoi)

Identificazione dei sintomi

E' responsabile di una batteriosi che si manifesta soprattutto su rametti giovani; i sintomi sono piccole escrescenze tumorali tondeggianti con superficie corrugata e fessurata. Il batterio può colpire anche le foglie, i frutti e le radici manifestando delle deformazioni e maculature; quando l'attacco interessa gli apparati radicali, in genere, gli esiti della malattia sono più gravi.

Lotta

La lotta è di tipo preventivo agronomico; essa si avvale di pratiche colturali, al fine di evitare il contagio dell'infezione, quali: - distruzione di rametti infetti; - disinfettare gli strumenti da taglio; - protezione delle ferite, in genere con sali di rame; - utilizzare materiale di propagazione sano; - attuare una lotta contro il Dacus oleae e altri fitofagi vettori del batterio; - intervenire con pratiche dendrochirurgiche al fine di eliminare gli ammassi tumorali.

Ciclo biologico

Il batterio penetra attraverso le lesioni causate sia da potature, da idrometeore che da basse temperature. Il batterio può essere trasmesso direttamente ai frutti dalle punture di ovideposizione del Dacus oleae e si diffonde all'interno della pianta mediante il flusso linfatico. Il periodo d'incubazione varia da 30 giorni a qualche mese; le infezione sono favorite da temperature miti e umidità elevata.