Fitopatologie

Ifantria americana (Hyphantria cunea)

Identificazione dei sintomi

E' un Lepidottero defogliatore, molto polifago, di origine americana. Gli adulti sono farfalle con ali di colore bianco spesso punteggiate di nero; le larve inizialmente sono giallastre, in seguito tendono ad imbrunire e presentano delle file longitudinali di tubercoli nerastre da cui partono ciuffi di peli. Il danno è spesso devastante per la natura delle larve.

Descrizione dei danni arrecati

E' sia di tipo chimico, sia biologico che biotecnologico. L'Hyphantria si combatte, generalmente, quando è allo stadio larvale. I prodotti da utilizzare sono dei larvicidi come: Carbaril, Azinfos - metile, Fenitrotion, Lambda - cialotrina, ecc. Si sta sperimentando l'unione di preparati microbiologici con preparati a base di funghi. Tra i nemici naturali ricordiamo i Rincoti Antocoridi del genere Orius e alcuni Imenotteri Icneumonidi. Buoni risultati si sono avuti, in via sperimentale, con l'utilizzo di un Protozoo (la Thelohania hyphantriae) e di un Baculovirus (l'HcGV).

Ciclo biologico

Sverna allo stadio di crisalide negli anfratti della scorza. In primavera sfarfallano gli adulti di primi volo, immediatamente si ha l'accoppiamento e l'ovideposizione che avviene nelle pagine inferiori delle foglie. Dalle uova, verso i primi giorni di giugno, fuoriescono le larve che dopo un mese costruiscono dei grossi nidi sulle piante. La Hyphantria compie due generazioni all'anno.