Fitopatologie

Cetonia pelosa (Tropinota hirta)

Descrizione dei danni arrecati

I danni degli adulti sulle piante di interesse ornamentale e sui fruttiferi possono essere contenuti ricorrendo alla cattura dei medesimi utilizzando pannelli cromoattrattivi di colore bianco o azzurro cosparsi di vischio entomologico o per topi Ottimi risultati si ottengono anche con la collocazione sulle piante di vasetti - trappola riempiti per metà con acqua, nei quali le tropinote attratte finiscono per annegare. Se il numero di piante è limitato si può ricorrere anche alla raccolta manuale degli adulti durante le ore del primo mattino, quando questi sono ancora intorpiditi.

Descrizione fisica

Adulto di colore nero opaco con il corpo rivestito da un'irta pubescenza grigia o fulva. Il protorace è munito di una piccola carena mediana e lo scudo appare interamente punteggiato. Le elitre portano piccole macchie trasversali bianco-giallastre. La costa esterna delle tibie anteriori è bidentata. L'addome presenta gli sterniti punteggiati sull'intera larghezza. Dimensioni. mm 8 - 13 di lunghezza. Uova sferoidali, bianche, con corion liscio. Dimensioni: mm 1,2 di diametro Larva di tipo melolontoide, di colore bianco-giallognolo con capo, zampe e stigmi giallo-rossicci. L'ultimo sternite presenta due linee di spine che si avvicinano all'estremità per formare un disegno ovale. Dimensioni. mm 2,0 - 2,5 di lunghezza Gli adulti frequentano i fiori dei fruttiferi (soprattutto quelli di melo e meno quelli di altre rosacee) , di piante da fiore (rose), arbustive (biancospino, sambuco, ecc.), boschive (acacia) e persino quelli di diverse piante erbacee coltivate e spontanee (cereali, leguminose, crucifere, tabacco, carduacee, ecc.). Essi divorano petali, stami e pistilli, causando danni soprattutto sulle piante da fiore e sui fruttiferi. Le larve si sviluppano a spese del legno deteriorato e marcescente di vecchie ceppaie o di resti vegetali in decomposizione. Distribuzione geografica - Il coleottero ha un'area di diffusione comprendente l'Europa, l'Asia centrale, il Medio Oriente e le regioni del bacino del Mediterraneo. In Italia è presente ovunque.

Ciclo biologico

Lo sviluppo embrionale dura mediamente una quindicina di giorni. Le larve si sviluppano in circa due mesi, dopo aver compiuto due mute. Raggiunta la maturità si chiudono entro una cella terrosa sferoidale con pareti interne levigate. Alcuni giorni dopo si possono riscontrare le prime pupe, mentre i nuovi adulti si formano in settembre, dopo 2 - 3 settimane di vita pupale. Questi rimangono all'interno delle rispettive celle alcuni giorni per indurire i tegumenti, quindi escono per breve tempo dal terreno per poi rifugiarvisi nuovamente per superare l'inverno. Il Coleottero compie pertanto una generazione all'anno.

Descrizione biologica

Gli adulti fuoriescono in aprile - maggio e frequentano i fiori delle diverse piante ospiti. In maggio - giugno, dopo l'accoppiamento, si interrano per deporre mediamente una ventina di uova sparse nel legno marcescente di vecchie ceppaie, nei terricci o nei terreni particolarmente ricchi di sostanze organiche in decomposizione.