Fitopatologie

Cilindrosporiosi del ciliegio (Coccomyces Hiemalis Cylindrosporium Padi)

Descrizione dei danni arrecati

I danni sono soprattutto a carico dell' apparato fogliare e in condizioni di forte infestazione, si possono avere seri danni anche per l'annata successiva. Difesa con lotta chimica a base di Sali di Rame o con prodotti che peò risultano fitotossici nei mesi estivi come Ziram, Dodina o derivati Benzimidazolici.

Descrizione fisica

La malattia causata da un micete, si manifesta soprattutto sull' apparato fogliare ma anche su frutti e rami. Le foglie colpite si presentano con una serie di macchioline rossastre diffuse su pagina superiore e successivamente su quella inferiore. Al centro delle macchie si manifestano delle efflorescenze biancastre che rappresentano gli organi di propagazione del patogeno. Le foglie colpite, successivamente ingialliscono si ripiegano e cadono già nei mesi estivi con danni che si ripercuotono nell' annata successiva.

Ciclo biologico

Il ciclo della malattia comincia in primavera con il risveglio della pianta e prosegue nel periodo estivo. Ciclo imperfetto: Micelio - Acervuli - Conidi - Micelio

Descrizione biologica

La forma ascofora Coccomyces hiemalis nel nostro paese non è mai stata rilevata, mentre è la forma imperfetta deuteromicete Cylindrosporium padi l' agente della malattia. Lo svernamento avviene lungo i rami e in primavera erompono gli acervuli che liberano i conidi.