Fitopatologie

Carie o lupa dell'olivo (Phellinus Fresianus B. Fomes Spp. Coriolus Versicolor)

Descrizione dei danni arrecati

I danni sono evidenti e si notano dal disseccamento della zona interessata per occlussione dei vasi. La difesa è di tipo preventivo ponendo attenzione alla disinfezione degli attrezzi da potatura e protezione delle grosse ferite da taglio con mastici cicatrizzanti (operazione quasi mai esguita). Nelle zone delle pianta già colpita si esegue il risanamento con la "slupatura", che consiste nell' asportare la parte cariata e proteggere con mastici la parte messa a nudo.

Descrizione fisica

La malattia è causata da un complesso di funfghi come: Phellinus fresianus B.; Fomes spp.; Coriolus versicolor L. ; Poria medula-panis J. ; Coriolus hirsutus W. ; Irpex spp. Si manifesta come un marciume che altera profondamente la zona del tronco o delle branche colpite estendendosi fino al pedale della pianta. La zona colpita è evidente per il distacco della corteccia e per il rumore sordo che si può udire previa battitura.

Descrizione biologica

L' insediamento di tali miceti è agevolato da operazioni colturali che provocano delle ferite, tipo la potatura. I funghi una volta penetrati nelle branche o nel tronco si approfondiscono molto lentamente procedendo attraverso i raggi midollari interessando egno, cambio, cribro e corteccia. La difussione procede sia in senso basipeto che acropeto.