6 Miliardi per nuovi investimenti

6 Miliardi per nuovi investimenti

Fonte articolo: Rivista "Agricommercio"
articolo di: Dulcinea Bignami

Un sostegno concreto alle imprese agricole e alle filiere, per una maggiore potenzialità di acquisto.

Un accordo di collaborazione per sostenere le imprese agricole e le
filiere agroalimentari del nostro Paese è stato siglato nei giorni scorsi tra Intesa Sanpaolo e Mi­paaf.
Firmato a Palazzo Chigi, alla pre­senza del presidente del Consiglio Matteo Renzi, il protocollo d'inte­sa mette a disposizione, nei pros­simi tre anni, 6 miliardi di euro di credito dedicato per le aziende del settore, con un primo ambito di azione relativo al settore zo­otecnico e al sistema lattiero-ca­seario nazionale. Secondo Intesa Sanpaolo dall'accordo potranno generarsi 70mila nuovi posti di lavoro e 10 miliardi di nuovi in­vestimenti.
«L'agricoltura è una delle pagi­ne, più belle del paese e vogliamo continuare a scriverla - ha detto Renzi L'export agroalimentare vale 36 miliardi e questo è un re­cord assoluto, ma è ancora poco perchè bisognà arrivare a 50 e l'I­talia ha tutte le possibilità per far­lo» partendo «dal mercato emer­gente, per noi, degli Stati Uniti». Il ministro Maurizio Martina ha posto l'accento sulla necessità di «specializzare il credito perché l'agricoltura è un settore partico­lare che ha bisogno di essere ca­pito e accompagnato con compe­tenze specificheIl protocollo sarà molto utile a semplificare il rapporto tra cre­dito e imprese e avvicinare questi due mondi».

«Con questo accordo Intesa San­paolo afferma con forza il proprio ruolo di banca leader per il com­parto, mettendo a disposizione un plafond di 6 miliardi per le im­prese del settore agricolo e agro-alimentare destinati prioritaria­mente alla realizzazione di inve­stimenti per valorizzare e svilup­pare le filiere produttive italiane, anche con l'obiettivo di agevolare processi di internazionalizzazio­ne - ha commentato Andrea Lec­ce, responsabile. Marketing Banca dei Territori di Intesa Sanpaolo Inoltre i finanziamenti potranno contribuire a favorire il ricambio generazionale, particolarmente importante in questo settore, ol­tre a sviluppare e-commerce, di­gitalizzazione, ricerca, sperimentazione, innovazione tecnologica e valorizzazione dei prodotti». «L'accordo, che la Banca gestirà capillarmente sul territorio gra­zie alla sua rete distributiva, è im­mediatamente operativo - ha pro­seguito Lecce Il pieno utilizzo delle risorse messe a disposizio­ne dal Gruppo sarà attuato anche grazie al concreto coinvolgimento di tutte le associazioni del setto­re, di Enti locali e di operatori del mercato agroalimentare».

HANNO DETTO

Cia: 
«L'agroalimentare richiede interventi e investimenti mirati e per questo è molto positivo il protocollo d'intesa Mipaaf-Intesa».

Confagricoltura: 
«il fatto che il governo consideri l'agroalimentare volano di sviluppo e preveda risorse per il credito ci trova pienamente favorevoli».

Coldiretti:
 «La possibilità di accesso al credito è determinante per il nuovo insediamento nell'agricoltura italiana di almeno 20mila giovani»

Copagri: 
«L'accordo fa sperare che si punti su un settore che per troppi anni è stato emarginato».

Intesa Sanpaolo è già dotata di un processo di valutazione dedicato all'agricoltura che adotta criteri specifici per il comparto: con ol­tre 50 specialisti sul territorio la Banca può presidiare tali peculia­rità per una migliore valutazione dell'azienda agricola.
L'accordo potrà generare sinergie con progettualità già attivate dal­la Banca, come ad es. il "Proget­to Filiere" che consente di lavo­rare in una logica che facilita e migliora l'accesso al credito, o il "Created in Italia" (www.createdinitalia.com), il canale di com­mercio on line del Gruppo Intesa l Sanpaolo.

Leave a Reply

* Name:
* E-mail: (Not Published)
   Website: (Site url withhttp://)
* Comment: