CIMOXANIL

NOME CHIMICO
1-(2-cyano-2-methoxyiminoacetyl)-3-ethylurea (IUPAC)
2-cyano-N-[(ethylamino)carbonyl]-2-(methoxyimino)acetamide (C.A.)
FORMULA BRUTA
C H N O
7 10 4 3
GRUPPO CHIMICO
Azotorganici alifatici ACETAMMIDI
CENNI STORICI
Fungicida introdotto da E.I. du Pont de Nemours & Co. (Inc.).
NOME COMUNE
cymoxanil (BSI,ANSI,ISO)
NUMERO CAS
57966-95-7
PESO MOLECOLARE
198.2
STATO FISICO
Solido cristallino incolore.
SOLUBILITA'
In acqua 890 mg/Kg (ph 5, 20°C).
In acetato di etile 28 g/l, in acetone 62.4 g/l, in metanolo 22.9 g/l, in esano 1.85 g/l.
PUNTO DI FUSIONE
160-161°C
PRESSIONE DI VAPORE
0.15 mPa a 20°C
IMPIEGHI AUTORIZZATI E INTERVALLI DI SICUREZZA (gg.)
Si riporta di seguito il riepilogo degli impieghi autorizzati e degli intervalli di sicurezza (min/max) di questa sostanza attiva così come risultano dalle etichette dei prodotti fitosanitari che la contengono da sola o in miscela con altre sostanze attive.
Vite10/45
Patata3/30
Aglio, cipolla10/20
Pomodoro3/40
Cetriolo, zucchino, melone10/20
Lattuga10/21
Scarola, indivia15/21
Cicoria, radicchio, crescione, barbarea, rucola, senape nera21
Spinacio10/20
Pisello10/20
Carciofo21
Porro10/20
Girasole, soia28
Tabacco10/40
Floreali e ornamentali--
Autorizzazioni in deroga (art. 53 Reg. 1107/2009)
  • Con Decreto 26 marzo 2015 il prodotto Electis Trio, a base di cimoxanil + fosetil al + zoxamide, ha ottenuto in via eccezionale l'estensione di impiego sulla coltura del tabacco per il controllo di Peronspora tabacina, per un periodo massimo di 120 giorni dal 1 giugno 2015 al 28 settembre 2015.
A titolo informativo, si riportano gli impieghi precedentemente autorizzati così come indicati nell’ultimo aggiornamento dell’allegato 5 del Decreto 27 agosto 2004:
  • Decreto 22 gennaio 2008 (GU n. 84 del 9-4-2008):
Colture:
Vite10
Aglio, cipolla, pomodoro (1), cetriolo, zucchino, melone, lattuga, indivia, spinacio, pisello, porro10
Carciofo21
Girasole, soia28
Patata10
Tabacco10
Rosa--
Altri impieghi
Impiego su floreali e ornamentali da appartamento e da giardino domestico.
(1) Anche applicazione in serra
Con l'armonizzazione dei limiti massimi di residui (LMR) entrata in vigore il 1 settembre 2008, questa sostanza attiva ha avuto una riduzione di LMR sulla patata (da 0,1 a 0,05 mg/kg) che ha determinato in alcuni prodotti l'eliminazione in etichetta della coltura della patata, in altri una modifica dell'intervallo di sicurezza.
Si segnala la registrazione del prodotto Curzate M68 WG (cimoxanil + mancozeb) autorizzato su patata e pomodoro rispettivamente con in intervallo di sicurezza di 7 e 3 giorni.
Si segnala la registrazione del prodotto Vitene Triplo R (reg. 15751 del 30.4.2013) autorizzato su vite, patata, pomodoro, lattughe, indivia, scarola e spinacio.
LIMITI MASSIMI DI RESIDUI (in mg/Kg = ppm)
  • Regolamento (UE) n. 978/2011 della Commissione del 3 ottobre 2011:
Uve da tavola e da vino0,2
Altra frutta0,05*
Cipolle, cetrioli, cetriolini, piselli (con baccello)0,5
Pomodori, lattughe, scarola0,2
Ortaggi a frutto (escluse solanacee, cetrioli e cetriolini), carciofi0,1
Spinaci0,07
Altri ortaggi0,05*
Piselli (da granella)0,5
Altri legumi da granella0,05*
Semi di soia0,5
Altri semi oleaginosi0,1
Frutti oleaginosi0,05*
Cereali0,05*
Tè, caffè, infusioni di erbe e cacao0,05*
Luppolo2
Spezie0,05*
Piante da zucchero0,05*
Note:
(*) Indica il limite inferiore di determinazione analitica
LMR in vigore fino al 31 agosto 2008:
  • Decreto 27 agosto 2004 (GU n 292 del 14 dicembre 2004, Suppl Ord n 179):
Uve0,1 (n)
Agli, cipolle, zucchine, meloni, lattuga, spinaci, piselli senza baccello, porri .. 0,05 (n)
Pomodori, carciofi0,1 (n)
Cetrioli0,2 (n)
Semi di girasole e di soia0,05 (n)
Patate0,1 (n)
(n) Limiti massimi di residui provvisori nazionali in attesa di armonizzazione comunitaria
REVISIONE EUROPEA
Sostanza attiva iscritta in allegato I con le seguenti disposizioni specifiche: "Può essere autorizzato soltanto l'uso come fungicida" (Parte A)
Riferimenti normativi:
  • Direttiva 2008/125/CE della Commissione del 19 dicembre 2008 che modifica la direttiva 91/414/CEE del Consiglio al fine di iscrivere il fosfuro di alluminio, il fosfuro di calcio, il fosfuro di magnesio, il cimoxanil, il dodemorf, l'estere metilico dell'acido 2,5-diclorobenzoico, il metamitron, il sulcotrione, il tebuconazolo e il triadimenol quali sostanze attive.
  • Decreto 31 agosto 2009 (GU n. 288 del 11-12-2009) Inclusione delle sostanze attive fosfuro di alluminio, fosfuro di calcio, fosfuro di magnesio, cimoxanil, dodemorf, estere metilico dell'acido 2,5-diclorobenzoico, metamitron, sulcotrione, tebuconazolo e triadimenol, nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194. (09A14643)
  • Decreto 20 gennaio 2011 (GU n. 38 del 16-2-2011) Elenco dei prodotti fitosanitari contenenti la sostanza attiva cymoxanil revocati ai sensi dell'articolo 2, commi 2 e 3 del decreto del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali del 31 agosto 2009 relativo all'iscrizione della sostanza attiva stessa nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194. (11A01928)
  • Comunicato 30 luglio 2014 Elenco autorizzazioni revocate automaticamente
ALTRE DISPOSIZIONI
  • Con D.M. 8 giugno 2001 (G.U. n. 203 del 1-9-2001- Suppl. Ordinario n.223) è stata approvata l'estensione di impiego su floreali e ornamentali da appartamento e da giardino domestico (PPO).
  • Con Decreto 22 luglio 2003 (G.U. n. 232 del 6.10.2003, s.o. n. 158) sono state aggiunte tra gli impieghi autorizzati le seguenti colture: cetriolo.
CAMPO D'IMPIEGO
Fungicida utilizzato su vite, ortaggi (carciofo, pomodoro, cetriolo, lattuga, spinacio, melone, zucchino, pisello, cipolla, aglio, porro), patata, girasole, soia, tabacco, rosa.
SPETTRO D'AZIONE
Agisce contro le Peronospore delle colture (Peronospora spp., Phytophtora spp., Plasmopara spp., etc.).
MODO D'AZIONE
Fungicida caratterizzato da proprietà citotropiche e translaminari.
Nei confronti dei patogeni esplica attività preventiva, curativa, ed eradicante con una persistenza d'azione di 4-5 giorni a seconda delle condizioni climatiche che si verificano dopo l'applicazione e dello stadio fenologico e di sviluppo delle colture.
L'attività biologica del prodotto è il risultato di diverse proprietà complementari:
  • preventiva per contatto (inibisce la penetrazione del fungo nei tessuti fogliari);
  • preventiva per assorbimento fogliare (inibizione della penetrazione dall'interno dei tessuti vegetali);
  • stoppante di post-infezione (impedisce l'ulteriore sviluppo del micelio fungino all'interno dei tessuti entro 2 gg dalle avvenute infezioni).
FORMULAZIONI
  • Polvere bagnabile
  • Granuli idrodispersibili
Sono disponibili formulazioni in miscela con altri p.a. fungicidi.
MODALITA' D'IMPIEGO
Modalità e dosi di impiego riferite a prodotti al 30% di p.a. sotto forma di polvere bagnabile.
  • Vite: contro la Peronospora (Plasmopara viticola) alla dose di g 65-85 per q.le di acqua, iniziando gli interventi quando si verificano le condizioni climatiche che favoriscono l'infezione fino all'ingrossamento degli acini. Il prodotto può essere impiegato alla dose di 30-40 g/hl di acqua in miscela con prodotti a base di Rame, Ditiocarbammati, Folpet, Dithianon, Diclofluanide, Dodina, ecc..; questi ultimi dovranno essere impiegati ad un dosaggio pari al 60-70% rispetto a quello "pieno" riportato nelle rispettive etichette.
  • Patata, Pomodoro, Lattuga, Spinacio, Melone, Zucchino, Cipolla, Aglio, Porro, Pisello, Carciofo, Girasole, Soia, Tabacco, Rosa: contro le Peronospore (Phitophtora infestans, Bremia lactucae, Peronospora spinaciae, Pseudoperonospora cubensis, Peronospora schledeni, Phytophtora porri, Peronospora pisi, Peronospora helianti , Peronospora manshurica, Peronospora tabacina, Peronospora sparsa) alla dose di 65-85 g/hl iniziando i trattamenti allorché si verificano le condizioni favorevoli allo sviluppo dell'infezione. Nel caso vi siano infezioni in atto effettuare due interventi ravvicinati a distanza di 4-5 giorni l'uno dall'altro.
Nel caso di impiego in miscela con altri formulati, il prodotto può essere applicato al dosaggio più basso previsto; è tuttavia consigliabile non impiegare mai meno di 400 g/ha di formulato.
COMPATIBILITA'
Non è miscibile con antiparassitari a reazione alcalina (es. Poltiglia solfocalcica, Poltiglia bordolese alcalina) o fortemente acida.
ALTRE NOTIZIE
E' caratterizzato da un'azione fungicida che si esplica a basse dosi.
MECCANISMO D'AZIONE
Altera la respirazione ed interferisce con la sintesi di acidi nucleici e aminoacidi.
Agisce sia sugli elementi di propagazione del patogeno (azione preventiva) sia all'interno dei tessuti vegetali, arrestando lo sviluppo del micelio (azione endoterapica).
PERSISTENZA
L'emivita nel terreno è inferiore a 7 giorni.
INFORMAZIONI MEDICHE
SINTOMI: durante l'impiego può causare congiuntivite, rinite, nonchè irritazione della gola e della cute.
L'ingestione può causare gastroenterite, nausea, vomito e diarrea. Sono citati subittero ed ematuria.
TERAPIA: sintomatica.
  • da Circolare 3 settembre 1990, n. 20 (Supplemento ordinario G.U. n. 216 del 15 settembre 1990):
Simbolo/indicazione di pericolo: Xn (nocivo)
Frasi di rischio (R) : 22
Consigli di prudenza (S) : 36
PROPRIETA' TOSSICOLOGICHE
DL 50 orale acuta ratto maschio 1196 mg/Kg
DL 50 orale acuta ratto femmina 1390 mg/Kg
DL 50 dermale acuta coniglio > 3000 mg/Kg
Irritazione dermale (coniglio): non irritante
Irritazione oculare (coniglio): leggermente irritante
CL 50 inalatoria (4 h) ratto > 5.06 mg/l
Tossicità per gli uccelli:
DL 50 orale acuta Colinus virginianus > 2250 mg/kg
DL 50 orale acuta Anas platyrhynchos > 2250 mg/kg
CL 50 (8 gg.) Colinus virginianus > 5620 mg/kg dieta
CL 50 (8 gg.) Anas platyrhynchos > 5620 mg/Kg dieta
Tossicità per i pesci e altri organismi acquatici:
CL 50 (96 h) Salmo gairdneri 61 mg/l
CL 50 (96 h) Lepomis macrochirus 29 mg/l
CL 50 (48 h) Daphnia 27 mg/l
Non risulta tossico per le api:
DL 50 (contatto, 48 h) > 25 µg/ape
CL 50 (orale, 48 h) > 1000 ppm
Prodotti contenenti CIMOXANIL
VITENE TRIPLO RFungicida di Oxon italia s.p.a.
Altri prodotti
CYMOXANIL 20
CYMOXSAN CU
CYMOXSAN MZ
OXANIL PB
RAMESSE