METOBROMURON

NOME CHIMICO
3-(4-bromophenyl)-1-methoxy-1-methylurea (IUPAC)
FORMULA BRUTA
C H BrN O
9 11 2 2
GRUPPO CHIMICO
Azotorganici
DERIVATI DELL'UREA Feniluree
CENNI STORICI
Erbicida introdotto nel 1963 da Ciba AG (ora Ciba-Geigy AG).
NOME COMUNE
Metobromuron
NUMERO CAS
3060-89-7
PESO MOLECOLARE
259,1
STATO FISICO
Polvere cristallina.
SOLUBILITA'
a 20°C: in acqua 330 mg/l, in acetone 500 g/l, in diclorometano 550 g/l, in esano 2,6 g/l, in metanolo 240 g/l, in toluene 100 g/l
PUNTO DI FUSIONE
95,5° - 96°C
PRESSIONE DI VAPORE
0,40 mPa a 20°C
STABILITA'
Instabile in ambiente fortemente acido o alcalino.
INFIAMMABILITA'
Non infiammabile.
CORROSIVITA'
Non corrosivo.
IMPIEGHI AUTORIZZATI E INTERVALLO DI SICUREZZA (gg.)
Si riporta di seguito il riepilogo degli impieghi autorizzati e degli intervalli di sicurezza (min/max) di questa sostanza attiva così come risultano dalle etichette dei prodotti fitosanitari che la contengono da sola o in miscela con altre sostanze attive.
Colture:
Patata--
REVISIONE EUROPEA
Sostanza attiva approvata a norma del regolamento (CE) n. 1107/2009.
Si segnala che questa sostanza attiva era stata precedentemente non iscritta in allegato I con revoca delle autorizzazioni a decorrere dal 26 luglio 2003. Commercializzazione e utilizzo delle scorte consentita fino al 31 dicembre 2003.
Riferimenti normativi:
  • Regolamento (CE) n. 2076/2002 della Commissione del 20 novembre 2002 che prolunga il periodo di tempo di cui all'articolo 8, paragrafo 2, della direttiva 91/414/CEE del Consiglio e concernente la non iscrizione di talune sostanze attive nell'allegato I della suddetta direttiva e la revoca delle autorizzazioni di prodotti fitosanitari contenenti dette sostanze
Questa sostanza attiva fà parte del gruppo delle sostanze non iscritte nell'allegato I della direttiva 91/414/CEE ai sensi del Regolamento (CE) n. 2076/2002 del 20 novembre 2002, il quale prevede la revoca delle autorizzazioni da parte degli Stati membri entro il 25 luglio 2003. Lo smaltimento delle scorte dei prodotti revocati cosi'come il loro impiego sarà invece consentito fino al 31 dicembre 2003.
  • Decreto 24 giugno 2003 (GU n. 168 del 22-7-2003- Suppl. Ordinario n.115) "Revoca delle autorizzazioni all'immissione in commercio dei prodotti fitosanitari che contengono la sostanza attiva metobromuron che non e' stata iscritta nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, in attuazione del regolamento (CE) n. 2076/2002 della Commissione del 20 novembre 2002."
Con questo decreto le autorizzazioni all'immissione in commercio dei prodotti fitosanitari contenenti questa sostanza attiva sono revocate a decorrere dal 26 luglio 2003. La commercializzazione e l'utilizzo delle giacenze e' consentita fino al 31 dicembre 2003.
  • Regolamento di esecuzione (UE) n. 890/2014 della Commissione relativo all'approvazione della sostanza attiva metrobromuron, a norma del regolamento (CE) n. 1107/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo all'immissione sul mercato dei prodotti fitosanitari, e recante modifica dell'allegato del regolamento di esecuzione (UE) n. 540/2011 della Commissione
  • Decreto 12 maggio 2015 (GU n. 130 dell'8-6-2015) Ri-registrazione provvisoria dei prodotti fi tosanitari a base della sostanza attiva metrobromuron approvata con regolamento (UE) n. 890/2014 della Commissione, in conformità al regolamento (CE) n. 1107/2009 e recante modifica dell’allegato del regolamento di esecuzione (UE) n. 540/2011.
CAMPO D'IMPIEGO
Diserbo della patata.
SPETTRO D'AZIONE
Infestanti sensibili: Amaranthus retroflexus (amaranto comune), Capsella bursa-pastoris (borsapoastore), Chenopodium album (farinaccio), Galinsoga parvoiflora (galinsoga), Stellaria media (centocchio comune), Sinapsis arvensis (senape selvatica), Raphanus raphanistrum (ravanello), Poa annua (fienarola annuale), Setaria viridis (falo panico).
Infestanti mediamente sensibili: Echinochloa crus-galli (giavone).
MODO D'AZIONE
Diserbante selettivo di pre-emergenza della patata da impiegarsi subito dopo la messa a dimora dei tuberi o successivamente prima della nascita della pianta. Il suo meccanismo d'azione si esplica attraverso l'assorbimento radicale sui semi delle infestanti in fase di germinazione e per assorbimento fogliare e nelle primissime fasi di sviluppo.
FORMULAZIONI
Sospensione concentrata
MODALITA' D'IMPIEGO
Modalità e dosi di impiego riferite a prodotti al 41% di s.a. (500 g/l) sotto forma di sospensione concentrata.
  • Patata: impiegare in pre-emergenza della coltura subito dopo la messa a dimora dei tuberi o successivamente prima della nascita della pianta, alla dose di 4 l/ha distribuiti con 200 l di acqua per ettaro.
Applicare il prodotto su terreno ben affinato e privo di zolle.
COMPATIBILITA'
Il prodotto si impiega da solo.
  • Le modalità di impiego qui sotto riportate si riferiscono invece ai precedenti impieghi del metobromuron scaduti il 31 dicembre 2003.
CAMPO D'IMPIEGO
Diserbo di carciofo, asparago, pomodoro, fagiolo, patata, mais, arachide, girasole, soia, tabacco.
SPETTRO D'AZIONE
Controlla le principali infestanti annuali mono e dicotiledoni, quali: Alopecurus spp., Amarathus spp., Ammi majus, Anagallis arvensis, Artemisia vulgaris, Avena fatua, Bilderdykia convolvulus, Brassica arvensis, Capsella bursa-pastoris, Chenopodium album, Fumaria officinalis, Galinsoga parviflora, Galium aparine, Lolium spp., Matricaria chamomilla, Matricaria inodora, Mercurialis annua, Papaver rhoeas, Poa annua, Polygonum aviculare, Polygonum persicaria, Portulaca oleracea, Raphanus raphanistrum, Sinapis spp., Solanum nigrum, Sonchus spp., Stachys annua, Stellaria media, Veronica media.
FORMULAZIONI
¦ Polvere bagnabile
Sono disponibili formulazioni in miscela a base di:
  • Metobromuron + Metolaclor per il diserbo di girasole, tabacco oppure di mais e soia;
  • Metobromuron + Pendimetalin per il diserbo di girasole, mais, patata, soia.
MODALITA' D'IMPIEGO
  • Patata: intervenire nella fase di pre-emergenza.
  • Soia: eseguire il trattamento subito dopo la semina.
  • Girasole: intervenire nella fase di pre-emergenza.
  • Tabacco: effettuare il trattamento 1-3 giorni prima del trapianto, anche in miscela con altri erbicidi.
  • Carciofo: intervenire alla ripresa vegetativa della coltura, su terreno libero da infestanti.
  • Mais: intervenire entro i 3 giorni seguenti la semina della coltura. Effettuare il trattamento su seminati che presentino una buona e uniforme profondità di semina.
  • Asparago: intervenire prima della fuoriuscita dei turioni dal terreno.
  • Fagiolo: intervenire subito dopo la semina (effettuata ad una profondità di almeno 4-5 cm).
Dosi di p.a.: 0.5-2.5 Kg/ha, in relazione alla coltura e alla natura del terreno (le dosi più elevate nei terreni pesanti).
ASSORBIMENTO E TRASLOCAZIONE
Viene assorbito dalle radici e secondariamente dalle foglie. E' traslocato per via xilematica.
COMPATIBILITA'
Miscibile con alaclor, metolaclor, pendimetalin e altri diserbanti.
Compatibile anche con i disinfestanti del terreno.
FITOTOSSICITA'
Può risultare fitotossico su diverse varietà di fagiolo e tabacco: l'eventuale sensibilità deve essere accertata mediante prove preliminari.
ALTRE NOTIZIE
Se ne sconsiglia l'impiego in terreni particolarmente sabbiosi o poveri di sostanza organica.
La sua persistenza assicura il controllo anche delle infestanti a germinazione scalare.
Grazie alla sua relativamente elevata solubilità in acqua, metobromuron non richiede un'alta umidità del terreno per agire.
MECCANISMO D'AZIONE
Inibisce la fotosintesi interferendo nella reazione di Hill.
MECCANISMO DI SELETTIVITA'
Selettivo per via stratigrafica e per inattivazione biologica; inoltre, per differente capacità e velocità di traslocazione.
PERSISTENZA
Persiste nel terreno per 3-5 mesi.
VIE DI DEGRADAZIONE
Nel terreno viene degradato principalmente per via microbica; nelle piante viene metabolizzato con formazione di gruppi metilici e metossi.
MOBILITA' NEL TERRENO
Relativamente mobile nei terreni molto sciolti.
Parzialmente adosrbito dai colloidi argillosi.
FOTODECOMPOSIZIONE E VOLATILIZZAZIONE
Scarse.
ALTRE NOTIZIE
Nei terreni ricchi di sostanza organica il p.a. può essere completamente disattivato.
INFORMAZIONI MEDICHE
In caso di intossicazione chiamare il medico per i consueti interventi di pronto soccorso.
PROPRIETA' TOSSICOLOGICHE
DL 50 orale acuta ratto 2603 mg tecn./Kg
DL 50 dermale acuta ratto > 3000 mg/kg
Irritazione dermale (coniglio): leggermente irritante
Irritazione oculare (coniglio): leggermente irritante
CL 50 inalatoria (4 h) su ratto > 1,1 mg/l d'aria
Tossicità per i pesci:
CL 50 (96 h) su Salmo gairdneri 36 mg/l
CL 50 (96 h) su Cyprinus carassius 40 mg/l
Poco tossico per gli uccelli.
Praticamente non tossico per le api.
Prodotti contenenti METOBROMURON