BUPIRIMATE

NOME CHIMICO
5-butyl-2-ethylamino-6-methylpyrimidin-4-yl dimethysulphamate (IUPAC)
5-nutyl-2-(ethylamino)-6-methyl-4-pyrimidinyl dimethylsulfamate (C.A.)
FORMULA BRUTA
C H N O S
13 24 4 3
GRUPPO CHIMICO
Azotorganici eterociclici IDROSSIPIRIMIDINE
CENNI STORICI
Fungicida introdotto da ICI Plant Protection Division (ora Zeneca Agrochemicals).
NOME COMUNE
bupirimate (BSI, ISO, ANSI)
NUMERO CAS
41483-43-6
PESO MOLECOLARE
316.4
STATO FISICO
Solido.
SOLUBILITA'
In acqua 22 mg/l (a pH 5.2 e 25°C).
Solubile nella maggior parte dei solventi organici.
PUNTO DI FUSIONE
50-51°C
PRESSIONE DI VAPORE
0.1 mPa a 20°C
STABILITA'
Viene rapidamente decomposto dalla luce u.v. in soluzione acquosa.
Instabile in condizioni di prolungato immagazzinamento a temperatura maggiore di 37°C.
IMPIEGHI AUTORIZZATI E INTERVALLI DI SICUREZZA (gg.)
  • Decreto 9 novembre 2007 (GU n 53 del 3-3-2008):
Melo21
Pesco, albicocco, vite14
Fragola3
Pomodoro, peperone, melanzana, cetriolo, cetriolino, zucchino, melone, zucca, cocomero, carciofo3
Rosa--
Nel rispetto dei nuovi Limiti Massimi di Residui (LMR) previsti dal Regolamento (CE) n 396/2005 e dal collegato Regolamento (CE) n 149/2008, sono state apportate le seguenti modifiche in etichetta a decorrere dal 1 settembre 2008:
  • Impieghi eliminati: carciofo
  • Modifiche degli intervalli di sicurezza: 14 giorni per melo e pesco
LIMITI MASSIMI DI RESIDUI (in mg/Kg = ppm)
  • Regolamento (UE) 2015/846 della Commissione del 28 maggio 2015:
Mele, pere0,2
Albicocche, pesche0,3
Uve da tavola, frutti di piante arbustive1,5
Uve da vino1
Fragole2
Ribes a grappoli, uva spina5
Altra frutta0,05*
Pomodori, peperoni, melanzane2
Cucurbitacee con buccia commestibile (escluse zucchine)1
Zucchine3
Cucurbitacee con buccia non commestibile0,3
Piselli (senza baccello)0,5
Altri ortaggi0,05*
Legumi da granella0,05*
Semi e frutti oleaginosi0,05*
Cereali0,05*
Tè, caffè, infusioni di erbe e cacao0,05*
Luppolo10
Spezie (escluso barbaforte o cren)0,05*
Barbaforte o cren0,05* (+)
Barbabietola da zucchero0,5
Altre piante da zucchero0,05*
Note:
(*) Indica il limite inferiore di determinazione analitica
(+) Il livello massimo di residui applicabile al barbaforte o cren (Armoracia rusticana) nel gruppo delle spezie (codice 0840040) è quello fissato per il barbaforte o cren (Armoracia rusticana) nella categoria degli ortaggi, gruppo degli ortaggi a radice e tubero (codice 0213040), tenendo conto delle variazioni del tenore di residui conseguenti alla trasformazione (essiccatura) a norma dell'articolo 20, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 396/2005.
LMR in vigore fino al 31 agosto 2008:
  • Decreto 9 novembre 2007 (GU n 53 del 3-3-2008):
Melo, albicocco, pesco0,5 (n)
Vite, fragola2 (n)
Pomodoro, melanzana1 (n)
Peperone, carciofo2 (n)
Cetriolo, cetriolino, zucchino, melone, zucca, cocomero0,5 (n)
(n) Limiti massimi di residui provvisori nazionali in attesa di armonizzazione comunitaria
REVISIONE EUROPEA
Sostanza attiva iscritta in allegato I con le seguenti disposizioni specifiche: "Può essere autorizzato solo l'utilizzo come fungicida." (Parte A)
Questa sostanza attiva faceva parte del gruppo delle sostanze “revocate volontariamente “ ("voluntarily withdrawn") per le quali era stata poi presentata una nuova domanda di inclusione secondo la procedura accelerata prevista dal regolamento (CE) n. 33/2008. Per queste sostanze era stato fissato inizialmente al 31 dicembre 2010 il termine per la revoca delle autorizzazioni, al 31 agosto 2011 il termine per la commercializzazione e la vendita delle scorte e al 31 dicembre 2011 quello relativo all’utilizzo (Decisione 2008/934/CE del 5 dicembre 2008 e successivo Comunicato GU n. 144 del 24 giugno 2009). Questi tempi sono stati poi ritenuti insufficienti per il completamento dell’esame di tutte le sostanze “voluntarily withdrawn" e per questo le scadenze sono state prorogate di un anno: al 31 dicembre 2011 quella relativa alla revoca delle autorizzazioni e al 31 dicembre 2012 quella relativa allo smaltimento delle scorte (Decisione 2010/455/UE del 13 agosto 2010 e Regolamento 741/2010 del 17 agosto 2010). L'iter si è poi concluso positivamente con l'scrizione in allegato I stabilita con la Direttiva 2011/25/UE della Commissione del 3 marzo 2011.
Riferimenti normativi:
  • Decisione della Commissione del 5 dicembre 2008 concernente la non iscrizione di alcune sostanze attive nell'allegato I della direttiva 91/414/CEE del Consiglio e la revoca delle autorizzazioni di prodotti fitosanitari contenenti dette sostanze (2008/934/CE).
Con questo provvedimento gli Stati membri sono tenuti a ritirare le autorizzazioni relative ai prodotti fitosanitari contenenti questa sostanza attiva entro il 31 dicembre 2010, con possibilità di smaltimento scorte entro il 31 dicembre 2011. Va tuttavia sottolineato che la mancata iscrizione di questa sostanza non si basa sulla presenza di chiare indicazioni di effetti nocivi e non pregiudica la presentazione da parte del notificante di una nuova domanda con procedura accelerata che ne permetta l'iscrizione in allegato I prima della scadenza dei tempi fissati per la revoca delle autorizzazioni.
  • Comunicato del 21 maggio 2009 (GU n. 144 del 24-6-2009) Comunicato relativo alla non inclusione di alcune sostanze attive nell'allegato I della direttiva 91/414/CEE recepita con decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194. (09A06896)
Le sostanze attive riportate in allegato al presente comunicato non sono incluse nell'allegato I della direttiva 91/414/CEE recepita con decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194 in attuazione della decisione della Commissione 2008/934/CE del 5 dicembre 2008.
Pertanto le autorizzazioni all'immissione in commercio dei prodotti fitosanitari che contengono tali sostanze attive, sono revocate a decorrere dal 31 dicembre 2010. La commercializzazione, da parte dei titolari delle autorizzazioni dei prodotti fitosanitari, a base delle sostanze attive riportate in allegato al presente comunicato, nonche' la vendita, da parte dei rivenditori e/o distributori autorizzati, di tali prodotti fitosanitari revocati, sara' consentita fino al 31 agosto 2011. L'utilizzo dei prodotti fitosanitari, a base delle sostanze attive riportate in allegato al presente comunicato, e' consentito fino 31 dicembre 2011.
  • Decisione della Commissione del 13 agosto 2010 che modifica le decisioni 2008/934/CE e 2008/941/CE per quanto riguarda la data fino alla quale le autorizzazioni possono restare in vigore ed il periodo di moratoria, nei casi in cui il notificante ha presentato una domanda secondo la procedura accelerata di cui al regolamento (CE) n. 33/2008 (2010/455/UE)
  • Regolamento (UE) n. 741/2010 della Commissione del 17 agosto 2010 che modifica i regolamenti (CE) n. 1490/2002 e (CE) n. 2229/2004 per quanto riguarda la data fino alla quale le autorizzazioni possono restare in vigore nei casi in cui il notificante ha presentato una domanda secondo la procedura accelerata di cui al regolamento (CE) n. 33/2008
  • Il Comunicato del 29 dicembre 2010 modifica il Comunicato del 21 maggio 2009, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 144 del 24 giugno 2009, per: a) il termine fissato per la revoca delle autorizzazioni, che è prorogato al 31 dicembre 2011; b) il termine fissato per lo smaltimento delle giacenze in commercio, che è prorogato al 31 dicembre 2012, con la commercializzazione, da parte dei titolari delle autorizzazioni e dei quantitativi regolarmente prodotti fino al momento della revoca, e la vendita da parte dei rivenditori e/o distributori autorizzati di detti prodotti fitosanitari revocati, consentita per 8 mesi dalla data di revoca e pertanto fino al 31 agosto 2012, mentre l’utilizzo dei prodotti revocati è invece consentito per 12 mesi a partire dalla data di revoca.
  • Direttiva 2011/25/UE della Commissione del 3 marzo 2011 che modifica la direttiva 91/414/CEE del Consiglio con l’iscrizione del bupirimate come sostanza attiva e che modifica la decisione 2008/934/CE
  • Decreto 21 aprile 2011 (GU n. 201 del 30-8-2011) Inclusione delle sostanze attive tau-fluvalinato, fenoxycarb, cletodim e bupirimate nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, in attuazione, rispettivamente della direttiva 2011/19/UE, 2011/20/UE, 2011/21/UE e 2011/25/UE della Commissione, che modificano inoltre la decisione 2008/934/CE. (11A11568)
  • Decreto 21 novembre 2011 (Decreto 21 novembre 2011, GU n. 1 del 2-1-2012, Supplemento ordinario n. 1) Revoca dei prodotti fi tosanitari contenenti la sostanza attiva bupirimate ai sensi dell’art. 3, commi 2 e 3 del decreto del Ministero della salute 21 aprile 2011 relativo all’iscrizione della sostanza attiva stessa nell’allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194.
  • Decreto 9 ottobre 2012 (GU n. 251 del 26-10-2012) Ri-registrazione provvisoria dei prodotti fitosanitari contenenti la sostanza attiva bupirimate approvata in conformita' al Regolamento (CE) n.1107/2009. (12A11344)
ALTRE DISPOSIZIONI
  • Con il Decreto 21 novembre 2006 (GU n 279 del 30-11-2006) è stata autorizzata per il prodotto Nimrod (reg n 2983) l'estensione di impiego su cocomero, zucca, zucchino, cetriolo, fragola (intervallo di sicurezza di 3 gg) e la riduzione dell'intervallo di sicurezza su melone da 21 a 3 gg
  • Con il Decreto 3 aprile 2007 è stata autorizzata l'immissione in commercio del prodotto Nimrod 250 EW (reg n 13771) con impiego sulle seguenti colture: pesco (con intervalo di sicurezza ridotto a 14 giorni), albicocco, vite, fragola, cucurbitacee, pomodoro, melanzana, peperone, carciofo e rosa.
  • Con il Decreto 9 novembre 2007 (GU n. 53 del 3-3-2008) sono state aggiunte tra gli impieghi autorizzati le seguenti colture: albicocco, vite, fragola, pomodoro, peperone, melanzana, cetriolo, cetriolino, zucchino, zucca, cocomero, carciofo, e ridotto il tempo di carenza su pesco da 21 a 14 gg. e del melone da 21 a 3 gg.
CAMPO D'IMPIEGO
Fungicida per la difesa di melo, pesco, albicocco, vite, fragola, melone, cocomero, zucca, zucchino, cetriolo, cetriolino, pomodoro, melanzana, peperone, rosa.
SPETTRO D'AZIONE
Specifico per il controllo dell'Oidio.
MODO D'AZIONE
Ha azione citotropica e translaminare ed è quindi in grado di raggiungere il micelio del fungo già penetrato all'interno degli organi vegetali. Può essere cosi' impiegato sia in fase preventiva sia curativa.
L'assorbimento del prodotto da parte dei germogli in accrescimento lo rendono in grado di difendere la nuova vegetazione in fase di sviluppo.
FORMULAZIONI
Emulsione olio/acqua
MODALITA' DI IMPIEGO
Modalità e dosi di impiego riferite a prodotti al 23,8% (250 g/l) sotto forma di emulsione olio/acqua.
  • Melo: 30-60 ml/hl
  • Pesco, Albicocco: 50-100 ml/hl
  • Vite: da inizio germogliamento a prefioritura: 0,8-1 l/ha; da prefioritura: 1-1,5 l/ha
  • Fragola: 1 l/ha
  • Melone, cocomero, zucca: 50-100 ml/hl
  • Zucchino, cetriolo, cetriolino: 100 ml/hl
  • Pomodoro, melanzana, peperone: 200-300 ml/hl
  • Rosa: 150-300 ml/hl
Bagnare abbondantemente. Impiegare la dose più alta nel caso di forte infestazione.
Epoca di intervento:
  • Melo: in prefioritura (orecchiette di topo). Successivamente ad intervalli di circa 10 giorni a seconda dell'andamento della malattia.
  • Vite: da inzio germogliamento ad intervalli di circa 10 giorni a seconda dell'andamento della malattia.
Altre colture: inizio comparsa della malattia. Ripetere i trattamenti a 10 giorni di distanza.
COMPATIBILITA'
Miscibile con olio bianco e con la maggior parte degli insetticidi e dei fungicidi. Non impiegare in miscela con prodotti a base di Dodina e con prodotti a reazione alcalina.
FITOTOSSICITA'
Impiegare fino allo stadio dei "mazzetti affi oranti" e non oltre sulle varietà di melo Idared e Gravenstein.
ALTRE NOTIZIE
Non è dannoso per gli animali e gli insetti utili, compresi i predatori del ragno rosso, per cui può essere impiegato anche durante la fioritura ed inserito nei programmi di lotta guidata o integrata.
Risulta attivo anche alle basse temperature.
MECCANISMO D'AZIONE
Agisce presumibilmente mediante interferenze nella formazione e funzione dei cofattori dell'acido folico, sostanze che rivestono un ruolo fondamentale nello svolgimento di gran parte dei processi metabolici di sintesi.
INFORMAZIONI MEDICHE
In caso di intossicazione chiamare il medico per i consueti interventi di pronto soccorso.
PROPRIETA' TOSSICOLOGICHE
DL 50 orale acuta ratto > 4000 mg/Kg
DL 50 orale acuta topo > 4000 mg/Kg
DL 50 dermale acuta ratto 4800 mg/kg
Irritazione dermale (coniglio): leggermente irritante
Irritazione oculare (coniglio): leggermente irritante
Tossicità per gli uccelli:
DL 50 orale acuta Columba spp. > 2700 mg/Kg
DL 50 orale acuta Coturnix coturnix > 5200 mg/Kg
Tossicità per i pesci e altri organismi acquatici:
CL 50 (96 h) su Salmo gairdneri 1.0 mg/l
CL 50 (48 h) Daphnia 7.3 mg/l
Prodotti contenenti BUPIRIMATE
TRINEX 250 EWFungicida di Adama makhteshim ltd