CARBOFURAN

NOME CHIMICO

2,3-dihydro-2,2-dimethylbenzofuran-7-yl methylcarbammate (IUPAC)
2,3-dihydro-2,2-dimethyl-7-benzofuranyl methylcarbamate (C.A.)

FORMULA BRUTA
C H NO

12 15 3

GRUPPO CHIMICO

Azotorganici

CARBAMMATI
CENNI STORICI

Insetticida-nematocida introdotto da FMC Corp. e da Bayer AG.

NOME COMUNE

carbofuran (BSI, ISO, ANSI, ESA)

NUMERO CAS

1563-66-2

NUMERO CEE

006-026-00-9

PESO MOLECOLARE

221.3

STATO FISICO

Solido cristallino

SOLUBILITA'

In acqua 320 mg/l a 20°C, 351 g/l a 25°C.
In diclorometano > 200 g/l, in isopropanolo 20-50 g/l, in toluene 10-20 g/l (20°C).

PUNTO DI FUSIONE

153-154°C

PRESSIONE DI VAPORE

0.031 mPa a 20°C

STABILITA'

Stabile in ambiente acido e neutro. Instabile in ambiente alcalino.

PROPRIETA' TOSSICOLOGICHE

DL 50 orale acuta ratto 8 mg/Kg
DL 50 orale acuta cane 15 mg/Kg
DL 50 dermale acuta ratto > 3000 mg/Kg
Irritazione dermale (coniglio): leggermente irritante
Irritazione oculare (coniglio): leggermente irritante
CL 50 inalatoria (4 h) ratto c. 0.075 mg/l
Tossicità per gli uccelli:
DL 50 Coturnix coturnix japonica 2.5-5 mg/kg
Tossicità per i pesci:
CL 50 (96 h) Salmo gairdneri 22-29 mg/l
CL 50 (96 h) Lepomis macrochirus 1.75 mg/l
Tossico per le api (tranne che per le formulazioni granulari)

IMPIEGHI AUTORIZZATI E INTERVALLI DI SICUREZZA (gg.)

Sostanza attiva non iscritta nell'allegato I della direttiva 91/414/CEE, con revoca delle autorizzazioni a decorrere dal 13 dicembre 2007 e possibilità di commercializzazione e utilizzo delle scorte fino al 13 dicembre 2008.
Impieghi precedentemente autorizzati come da Decreto 23 luglio 2008 (GU n 265 del 12-11-2008, Suppl Ord n 251):
Impieghi ammessi fino al 13.12.2008:
Colture:
Aglio, cipolla .......................... --
Patata .................................. --
Barbabietola da zucchero ................ --
Mais .................................... --
Note:
Solo applicazione al terreno.
Sostanza attiva non iscritta nell'allegato I del DL 17 marzo 1995, n 194 (Decisione della Commissione 2007/416/CE del 13.06.2007).
LIMITI MASSIMI DI RESIDUI (in mg/Kg = ppm)
Regolamento (UE) n. 899/2012 della Commissione del 21 settembre 2012:
Arance, mandarini .... 0,5
Frutta a guscio .... 0,02*
Altra frutta ...... 0,01*
Ortaggi a bulbo, erbe fresche .... 0,02*
Altrio ortaggi ..... 0,01*
Legumi da granella ...... 0,01*
Semi di colza .... 0,05
Semi di girasole, semi di cotone .... 0,1
Altri semi oleaginosi ...... 0,02*
Frutti oleaginosi ...... 0,02*
Cereali ...... 0,02*
Tè, caffè, infusioni di erbe e cacao ...... 0,05*
Luppolo ...... 0,05*
Spezie ...... 0,05*
Piante da zucchero ...... 0,01*
Note:
Somma di carbofuran e 3-idrossi-carbofuran, espressa in carbofuran
(*) Indica il limite inferiore di determinazione analitica
Il regolamento (CE) n. 396/2005, nella versione anteriore alle modifiche stabilite dal presente regolamento, continua ad essere applicato ai prodotti ottenuti in conformità delle norme prima del 26 aprile 2013: benfuracarb: tutti i prodotti (art. 2 regolamento 899/2013).
LMR in vigore fino al 31 agosto 2008:
- Decreto 20 aprile 2006 (GU n. 161 del 13-7-2006):
Agrumi .................................. 0,3
Altra frutta ............................ 0,02 (*)
Ortaggi ................................. 0,02 (*)
Legumi da granella ...................... 0,02 (*)
Semi oleaginosi ......................... 0,1
Patate .................................. 0,02 (*)
Tè ...................................... 0,05 (*)
Luppolo ................................. 0,05 (*)
Cereali ................................. 0,02 (*)
Barbabietole da zucchero ................ 0,1 (n)
Note:
Somma di carbofuran e di 3-idrossi carbofuran espressa come carbofuran
(*) Limite inferiore convenzionale di determinazione analitica
(n) Limiti massimi di residui provvisori nazionali in attesa di armonizzazione comunitaria

ALTRE DISPOSIZIONI

- Direttiva 2006/4/CE della Commissione del 26 gennaio 2006 che modifica gli allegati delle direttive 86/362/CEE e 90/642/CEE del Consiglio per quanto riguarda le quantità massime di residui di carbofuran.
- Decisione della Commissione del 13 giugno 2007 concernente la non iscrizione del carbofuran nell'allegato I della direttiva 91/414/CEE del Consiglio e la revoca delle autorizzazioni di prodotti fitosanitari contenenti detta sostanza.
Questo provvedimento stabilisce:
Articolo 1: Il carbofuran non è iscritto come sostanza attiva nell'allegato I della direttiva 91/414/CEE
Articolo 2: Gli Stati membri provvedono a che: a) le autorizzazioni per i prodotti fitosanitari contenenti carbofuran siano revocate entro il 13 dicembre 2007; b) non siano più concesse né rinnovate autorizzazioni di prodotti fitosanitari contenenti carbofuran a partire dalla data di pubblicazione della presente decisione
Articolo 3: Il periodo di moratoria eventualmente concesso dagli Stati membri, conformemente all'articolo 4, paragrafo 6, della direttiva 91/414/CEE, è il più breve possibile e scade entro il 13 dicembre 2008
- Decreto 7 Novembre 2007 (GU n. 274 del 24-11-2007 )
Non iscrizione della sostanza attiva carbofuran, nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, e revoca dei prodotti fitosanitari contenenti detta sostanza attiva, in attuazione della decisione della Commissione 2007/416/CE del 13 giugno 2007.

CAMPO D'IMPIEGO

Geodisinfestante per barbabietola da zucchero, mais, patata, cipolla e aglio.

SPETTRO D'AZIONE

Risulta efficace sia contro i parassiti terricoli che attaccano le radici (elateridi, blaniuli, scutigerelle, grillotalpa, larve di ditteri e di maggiolini, nematodi) sia, grazie alle sue proprietà sistemiche, contro i parassiti che attaccano precocemente l'apparato fogliare (altica, atomaria, cleono, mosca, afidi, tignole e cicaline).
Sulla patata risulta particolarmente efficace nei confronti della dorifora, di cui vengono controllate le forme svernati, riducendo cosi' gli attacchi di questo parassita.

MODO D'AZIONE

Insetticida sistemico attivo per contatto e ingestione.

FORMULAZIONI

Granulare

MODALITA' D'IMPIEGO

Modalità e dosi di impiego riferite a prodotti al 4,5% di p.a. sotto forma granulare.
Si impiega prima e durante le operazioni di semina. L'applicazione deve essere effettuata esclusivamente con attrezzatura meccanica. Il prodotto deve essere interrato; si impiega da solo oppure in miscela con i concimi granulari.
- Barbabietola da zucchero, contro Altica, Cleono, Lisso, Mosca, Afidi radicicoli, Nematodi: 10-12 kg/ha trattamenti localizzati; 40-60 kg/ha trattamenti a pieno campo.
- Mais, contro Altica, Cleono, Lisso, Mosca, Afidi radicicoli, Nematodi: 8-12 kg/ha.
- Patata, Cipolla, Aglio, contro Altica, Cleono, Lisso, Mosca, Afidi radicicoli, Nematodi: 15-20 kg/ha.

ASSORBIMENTO E TRASLOCAZIONE

Insetticida sistemico che agisce principalmente per contatto e ingestione.

COMPATIBILITA'

Miscibile con concimi granulari ma non con altri antiparassitari.

FITOTOSSICITA'

Non provoca fenomeni di fitotossicità.

ALTRE NOTIZIE

Non trasmette odori o sapori alle piante.
Il prodotto è tossico per animali domestici, pesci e bestiame .

Meccanismo d'azione

Agisce sulla trasmissione degli impulsi nervosi inibendo l'attività dell'acetilcolinesterasi, con meccanismo diverso da quello dei fosforganici: i carbammati, infatti, non reagiscono chimicamente con l'enzima ma lo inibiscono per sostituzione, agendo in competizione con esso a causa di una analogia strutturale.

INFORMAZIONI MEDICHE

SINTOMI: inibitore della acetilcolinesterasi con la quale forma un legame labile che, determinando una facile regressione della sintomatologia, può indurre il paziente a sottovalutare l'intossicazione.
Sintomi muscarinici: disturbi dell'accomodazione, ambliopia, miosi, lacrimazione; scialorrea e broncorrea con broncospasmo; vomito, diarrea; bradicardia.
Sintomi nicotinici: tremori e fibrillazioni muscolari, convulsioni, ipertensione, tachicardia, paralisi flaccida generalizzata, collasso cardiocircolatorio.
TERAPIA: atropina.
CONTROINDICAZIONI: ossime.
- da Circolare 3 settembre 1990, n. 20 (Supplemento ordinario G.U. n. 216 del 15 settembre 1990):
Simbolo/indicazioni di pericolo: T (molto tossico)
Frasi di rischio (R) : 26/28
Consigli di prudenza (S) : 1-13-45