METIOCARB

NOME CHIMICO
4-methylthio-3,5-xylyl methylcarbamate (IUPAC)
FORMULA BRUTA
C H NO S
11 15 2
GRUPPO CHIMICO
Azotorganici CARBAMMATI
CENNI STORICI
Insetticida-acaricida introdotto da Bayer AG.
NOME COMUNE
Methiocarb
NUMERO CAS
2032-65-7
NUMERO CEE
006-023-00-2
PESO MOLECOLARE
225.3
STATO FISICO
Polvere cristallina incolore.
SOLUBILITA'
a 20°C: in acqua 30 mg/l, in diclorometano 500 g/l
PUNTO DI FUSIONE
117° - 118°C
PRESSIONE DI VAPORE
15 mPa a 60°C
STABILITA'
Viene idrolizzato in ambiente alcalino.
IMPIEGHI AUTORIZZATI E INTERVALLO DI SICUREZZA (gg.)
  • Decreto 27 agosto 2004 (GU n 292 del 14 dicembre 2004, Suppl Ord n 179):
Colture:
Mandorlo, pomacee, drupacee, vite, fragola,21
Carota, ravanello, solanacee, cucurbitacee, cavoli, lattughe e simili, spinaci e simili, erbe fresche, fagiolo, pisello, fagiolino, asparago, cardo, sedano, finocchio21
Patata21
Barbabietola da zucchero21
Erba medica, trifoglio21
Tabacco21
Floreali, ornamentali, forestali--
Altri impieghi:
Concia delle sementi di ortaggi, barbabietola da zucchero e mais.
Impiego su floreali e ornamentali da appartamento e da giardino domestico.
Tappeti erbosi e campi da golf.
Note:
Applicazione alla coltura, limitatamente a drupacee, mandorlo, pomacee, fragola, vite, cavoli, cocomero, melone, cetriolo, melanzana, patata, barbabietola da zucchero, floreali, ornamentali, forestali e al terreno sottoforma di esca insetticida-limacida.
Si segnala la registrazione del prodotto Mesurol 200 SC (reg. 15024 del 28.10.2011) che ha aggiunto agli impieghi autorizzati del metiocarb le seguenti colture: cipolla, aglio, porro e scalogno.
LIMITI MASSIMI DI RESIDUI (in mg/Kg = ppm)
LMR in vigore dal 1 settembre 2008 come da Regolamento (CE) n 839/2008 della Commissione del 31 luglio 2008:
Pompelmi, arance, mele, pere, banane, manghi, ananas0,1*
Uve da tavola e da vino0,3
Fragole1
Altra frutta0,2
Ortaggi a bulbo (escluse le cipolle), zucchine, meloni0,5
Pomodori, peperoni, cucurbitacee con buccia commestibile (escluse le zucchine), cucurbitacee con buccia non commestibile (esclusi i meloni), portulaca, fagioli (con baccello), piselli (con baccello), porri0,2
Lattughe e altre insalate, comprese le brassicacee (esclusa la scarola), spinaci e simili (esclusi gli spinaci, la portulaca e le bietole da foglia e da costa), foglie di vite, crescione acquatico, erbe fresche1
Altri ortaggi0,1*
Legumi da granella0,1*
Semi oleaginosi0,1*
Olive da olio0,2
Altri frutti oleaginosi0,1*
Cereali0,1*
Tè, caffè, infusioni di erbe e cacao0,1*
Luppolo0,1*
Spezie0,1*
Piante da zucchero0,1*
Note:
Somma del metiocarb e del metiocarb solfossido e solfone, espressa in metiocarb)
(*) Indica il limite inferiore di determinazione analitica
LMR in vigore dal 31 agosto 2008:
  • Decreto 27 agosto 2004 (GU n 292 del 14 dicembre 2004, Suppl Ord n 179):
Mandorle, pomacee, drupacee, uve, fragole0,05 (n)
Carote, ravanelli, solanacee, cucurbitacee, cavoli, lattughe e simili, spinaci e simili, erbe fresche, fagioli senza baccello, piselli senza baccello, fagiolini, asparagi, cardi, sedani, finocchi0,05 (n)
Patate0,05 (n)
Barbabietole da zucchero0,05 (n)
Erba medica, trifoglio0,05 (n)
(n) Limiti massimi di residui provvisori nazionali in attesa di armonizzazione comunitaria
REVISIONE EUROPEA
Sostanza attiva approvata a norma del regolamento (CE) n. 1107/2009 con le seguenti disposizioni specifiche: "Possono essere autorizzati solo gli impieghi come repellente nel trattamento delle sementi e insetticida." Al fine di impedire l’esposizione di uccelli, mammiferi e artropodi non bersaglio, è revocato l'uso come molluschicida entro il 19 settembre 2014, con eventuale periodo di tolleranza non oltre il 19 settembre 2015 (Regolamento n. 187/2014).
Riferimento normativi:
  • Regolamento di esecuzione (UE) n. 187/2014 della Commissione del 26 febbraio 2014 che modifica il regolamento di esecuzione (UE) n. 540/2011 per quanto riguarda le condizioni di approvazione della sostanza attiva metiocarb
  • Direttiva 2007/5/CE della Commissione del 7 febbraio 2007 che modifica la direttiva 91/414/CEE del Consiglio con l'iscrizione delle sostanze attive captan, folpet, formetanato e metiocarb.
  • Decreto 26 Aprile 2007 (GU n. 204 del 3-9-2007) Inclusione delle sostanze attive captan, folpet, formetanate e metiocarb nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, in attuazione della direttiva 2007/5/CE della Commissione del 7 febbraio 2007.
  • Decreto 31 marzo 2008 (GU n. 130 del 5-6-2008) Elenco dei prodotti fitosanitari contenenti la sostanza attiva «metiocarb», revocati ai sensi dell'articolo 2, commi 2 e 4, del decreto 26 aprile 2007.
  • Decreto 3 giugno 2008 (GU n. 146 del 24-6-2008) Ri-registrazione provvisoria di prodotti fitosanitari, a base di«metiocarb», a seguito dell'iscrizione della sostanza attiva nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n 194.
  • Decreto 4 giugno 2008 (GU n. 147 del 25-6-2008) Ri-registrazione provvisoria di prodotti fitosanitari, a base di «metiocarb», a seguito della sua iscrizione nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194.
  • Regolamento di esecuzione (UE) n. 187/2014 della Commissione del 26 febbraio 2014 che modifica il regolamento di esecuzione (UE) n. 540/2011 per quanto riguarda le condizioni di approvazione della sostanza attiva metiocarb
  • Regolamento di esecuzione (UE) 2015/404 della Commissione dell'11 marzo 2015 che modifica il regolamento (UE) n. 540/2011 per quanto riguarda la proroga dei periodi di approvazione delle sostanze attive beflubutamid, captano, dimetoato, dimetomorf, etoprofos, fipronil, folpet, formetanato, glufosinato, metiocarb, metribuzin, fosmet, pirimifosmetile e propamocarb
ALTRE DISPOSIZIONI
  • Con D.M. 8 giugno 2001 (G.U. n. 203 del 1-9-2001- Suppl. Ordinario n.223) è stata approvata l'estensione di impiego su floreali e ornamentali da appartamento e da giardino domestico (PPO).
CAMPO D'IMPIEGO
Insetticida per trattamenti in viticoltura, frutticoltura (melo, pero, drupacee, mandolo, fragola) ed orticoltura (patata, melanzana, cocomero, melone, cetriolo, cavoli), barbabietola da zucchero, colture floreali, ornamentali e forestali e per la concia della semente di barbabietola da zucchero e mais con azione repellente contro i danni degli uccelli (fagiani).
SPETTRO D'AZIONE
Insetticida che si caratterizza per la sua spiccata efficacia nei confronti dei tripidi ma controlla anche afidi, psille, cicaline, dorifora.
Nelle applicazioni al terreno (sotto forma di esca granulare) combatte Lumache, Chiocciole, Limacce, Grillotalpa, Agrotidi e Grilli.
MODO D'AZIONE
Agisce per contatto e ingestione.
E' privo di proprietà sistemiche.
FORMULAZIONI
  • Polvere bagnabile
  • Esca granulare
  • Sospensione concentrata
MODALITA' DI IMPIEGO
Modalità e dosi di impiego riferite a prodotti al 50% di p.a. sotto forma di polvere bagnabile.
Trattamenti liquidi: 0,2 % (200 g in 100 litri di acqua, pari a 1 sacchetto da kg 1 in 500 litri di acqua).
N.B. La dose si riferisce ai trattamenti a volume normale.
  • Pomacee (melo, pero): contro afidi (Aphis spp.), psilla del pero (Psylla pyri), cicaline (Empoasca spp.).
  • Drupacee (pesco, nettarino, albicocco, susino, ciliegio, mandorlo): contro afidi (Myzus spp.), tripidi (Frankliniella occidentalis), cicaline (Empoasca spp.).
  • Vite: contro tripidi (Frankliniella occidentalis), cicaline (Empoasca spp.), tignola (Clysia ambiguella), tignoletta (Lobesia botrana).
  • Fragola: contro: tripidi (Frankliniella occidentalis), afidi (Aphis spp.).
  • Barbabietola da zucchero: contro afidi (Aphis spp.), mamestra (Mamestra brassicae).
  • Patata e melanzana: contro dorifora (Leptinotarsa decemlineata), afidi (Aphis spp.).
  • Cocomero, melone, cetriolo, cavoli: contro cicaline (Empoasca spp.), tripidi (Frankliniella occidentalis), afidi (Aphis spp.).
  • Floreali, ornamentali, forestali: contro afidi (Aphis spp.), cicaline (Empoasca spp.), tripidi (Frankliniella occidentalis). Non trattare su fiore aperto.
  • Mais e barbabietola da zucchero (concia delle sementi): 1 kg per q di seme. Per far aderire alle cariossidi di mais il prodotto è necessario inumidirle preventivamente impiegando ½ litro (per ogni q) di latte magro o acido o anche latte intero o altra sostanza con azione collante. La concia può essere eseguita anche in betoniera od altri apparecchi.
N.B. I semi trattati e residuati non possono essere destinati all’alimentazione umana o del bestiame.
COMPATIBILITA'
Il prodotto nei trattamenti liquidi non è miscibile con gli antiparassitari a reazione alcalina. Sulle varietà di melo soggette alla rugginosità dei frutti (Golden Delicious ad es.) è consigliabile non miscelarlo con prodotti liquidi. La concia delle cariossidi di mais può essere effettuata anche se sono state precedentemente trattate con TMTD o Captan.
FITOTOSSICITA'
Drupacee e Pomacee: non impiegare il prodotto in fioritura. Limitatamente alle Pomacee non impiegare il prodotto nei 30 giorni successivi alla fioritura. Floreali ed ornamentali: non trattare su fiore aperto.
MECCANISMO D'AZIONE
Agisce sulla trasmissione degli impulsi nervosi inibendo l'attività dell'acetilcolinesterasi, con meccanismo diverso da quello dei fosforganici: i carbammati, infatti, non reagiscono chimicamente con l'enzima ma lo inibiscono per sostituzione, agendo in competizione con esso a causa di una analogia strutturale.
Somma del metiocarb e del metiocarb solfossido e solfone, espressa in metiocarb
INFORMAZIONI MEDICHE
SINTOMI: inibitore della acetilcolinesterasi con la quale forma un legame labile che, determinando una facile regressione della sintomatologia, può indurre il paziente a sottovalutare l'intossicazione.
Sintomi muscarinici: disturbi dell'accomodazione, ambliopia, miosi, lacrimazione; scialorrea e broncorrea con broncospasmo; vomito, diarrea; bradicardia.
Sintomi nicotinici: tremori e fibrillazioni muscolari, convulsioni, ipertensione, tachicardia, paralisi flaccida generalizzata, collasso cardiocircolatorio.
TERAPIA: atropina.
CONTROINDICAZIONI: ossime.
  • da Circolare 3 settembre 1990, n. 20 (Supplemento ordinario G.U. n. 216 del 15 settembre 1990):
Simbolo/indicazione di pericolo: T (tossico)
Frasi di rischio (R) : 23/24/25
Consigli di prudenza (S) : 2-13-44
PROPRIETA' TOSSICOLOGICHE
DL 50 orale acuta ratto ca. 20 mg/Kg
DL 50 orale acuta cane 25 mg/kg
DL 50 dermale acuta ratto > 5000 mg/Kg
CL 50 inalatoria acuta (4 h) ratto > 0.3 mg/l d'aria
Tossicità per i pesci:
CL 50 (96 h) su Salmo gairdneri 0.64 mg/l
CL 50 (96 h) su Cyprinus carpio 1.0-10 mg/l
Prodotti contenenti METIOCARB
MESUROL 200 SCInsetticida di Bayer cropscience...