GIBBERELLINE A4 E A7

NOME CHIMICO
IUPAC: (3S,3aR,4S,4aR,7R,9aR,9bR,12S)-12-hydroxy-3-methyl-6-methylene-2-oxoperhydro-4a ,7-methano-3,9b-propanoazuleno[1,2-b]furan-4-carboxylic acid (GA4);
(3S,3aR,4S,4aR,7R,9aR,9bR,12S)-12-hydroxy-3-methyl-6-methylene-2-oxoperhydro-4a ,7-methano-9b,3-propenoazuleno[1,2-b]furan-4-carboxylic acid (GA7)
FORMULA BRUTA
C H O (GA4)
19 24 5
C H O (GA7)
19 22 5
GRUPPO CHIMICO
Gibberelline
CENNI STORICI
Fitoregolatore introdotto da ICI Plant Protection Division (ora Syngenta AG).
NUMERO CAS
468-44-0 (GA4)
510-75-8 (GA7)
PESO MOLECOLARE
332.4 (GA4)
330.4 (GA7)
IMPIEGHI AUTORIZZATI E INTERVALLO DI SICUREZZA (gg.)
  • Decreto 27 agosto 2004 (GU n 292 del 14 dicembre 2004, Suppl Ord n 179):
Colture:
Melo, pero--
Altri impieghi:
Applicazione in vivaio sulle colture autorizzate in campo
LMR LIMITI MASSIMI DI RESIDUI (mg/kg)
  • Regolamento (CE) n. 839/2008 del 31 luglio 2008:
Sostanza attiva (gibberellina) inserita nell'allegato IV del regolamento (CE) n. 396/2005 che riporta l'elenco delle sostanze attive valutate a norma della direttiva 91/414/CEE per le quali non sono necessari LMR, di cui all’articolo 5, paragrafo 1.
LIMITI MASSIMI DI RESIDUI (in mg/Kg = ppm)
  • Decreto 27 agosto 2004 (GU n 292 del 14 dicembre 2004, Suppl Ord n 179):
Mele, pere0,1 (n)
(n) Limiti massimi di residui provvisori nazionali in attesa di armonizzazione comunitaria
REVISIONE EUROPEA
Sostanza attiva iscritta in allegato I con le seguenti disposizioni specifiche: "Possono essere autorizzati soltanto gli usi come fitoregolatore" (Parte A)
Riferimenti normativi:
  • Direttiva 2008/127/CE della Commissione del 18 dicembre 2008 recante modifica della direttiva 91/414/CEE del Consiglio per includervi alcune sostanze attive
  • Decreto 22 aprile 2009 (GU n. 147 del 27-6-2009) Inclusione di alcune sostanze attive nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, in attuazione della direttiva 2008/127/CE del 18 dicembre 2008 della Commissione. (09A07225)
  • Decreto 11 novembre 2010 (GU n. 281 del 1-12-2010 ) Elenco dei prodotti fitosanitari contenenti la sostanza attiva «gibberelline» revocati ai sensi dell'articolo 2, commi 2 e 3 del decreto del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali del 22 aprile 2009, relativo all'iscrizione della sostanza stessa nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194. (10A14409)
  • Decreto 12 novembre 2013 (GU n. 4 del 7-1-2014) Ri-registrazione provvisoria di alcuni prodotti fi tosanitari, a base della sostanza attiva gibberelline.
CAMPO DI IMPIEGO
Fitoregolatore il cui impiego è indicato sulle varietà di melo soggette, per vari motivi, a fisiopatie dovute a carenza di gibberelline naturali (es. rugginosità).
SPETTRO D'AZIONE
Previene la rugginosità, favorisce l'uniformità di pezzatura e induce l'allungamento dei frutti nelle Golden Delicious e Red Delicious, in conformità allo standard varietale.
FORMULAZIONI
¦ Liquido
Sono disponibili prodotti in miscela con 6-Benziladenina, per migliorare la forma dei frutti nel melo e favorire l'allegagione nel pero.
MODALITA' D'IMPIEGO
  • Per ridurre la rugginosità: eseguire il primo trattamento allo stadio di inizio caduta petali; in seguito si consigliano altri tre trattamenti ad intervalli di 10 giorni l'uno dall'altro. L'applicazione del prodotto deve essere distanziata di almeno tre giorni dai trattamenti con prodotti diradanti, in quanto le gibberelline potrebbero accentuarne l'effetto.
  • Per favorire l'allegagione nel pero (in miscela con benziladenina): eseguire due applicazioni, la prima all'inizio della fioritura e la seconda dopo alcuni giorni.
MECCANISMO D'AZIONE
Sono fitoregolatori appartenenti alla classe delle gibberelline, fitormoni presenti nelle piante superiori, in funghi e batteri.
Attualmente sono state identificate più di 120 gibberelline, contrassegnate dalla sigla GA seguita da un deponente.
Gli effetti delle gibberelline sulle piante sono molteplici, tra i più evidenti c'è l'allungamento cellulare.
Le gibberelline A4 e A7, già presenti in natura, sono ottenute industrialmente, come per le GA3, da processi di fermentazione fungina, in condizioni controllate.
In agricoltura le gibberelline A4 e A7 hanno trovato impiego prevalente, in epoca più recente rispetto all'acido gibberellico o GA3, per ridurre la rugginosità nelle mele Golden Delicious, fisiopatia frequente nelle zone di pianura e di fondovalle dove le condizioni pedoclimatiche la favoriscono.
La miscela delle stesse con la citochinina 6-benziladenina (6-BA) viene impiegata per conferire ai frutti di Golden Delicious e di Delicious Rosse quella forma tronco-conica allungata, tipica dello standard varietale e maggiormente gradita ai consumatori, che avrebbero se provenienti da ambienti vocati di collina e di montagna.
La stessa miscela ha trovato largo uso anche per favorire l'allegagione in alcune varietà di pero (es. Abate, Decana).
Da: Schiaparelli A., Schreiber G., Bourlot G. - FITOREGOLATORI IN AGRICOLTURA Storia, Prodotti, Impieghi, Normativa, Ricerca e Sviluppo Edagricole, 1995, Bologna, 319 pp
INFORMAZIONI MEDICHE
In caso di intossicazione chiamare il medico per i consueti interventi di pronto soccorso.
DL 50 orale acuta ratto > 5000 mg/kg
DL 50 dermale acuta ratto > 2000 mg/kg