IDRAZIDE MALEICA

NOME CHIMICO
6-hydroxy-2H-pyridazin-3-one (IUPAC)
FORMULA BRUTA
C4 H4 N2 O2
C4 H4 K N2 O2 (sale potassico)
GRUPPO CHIMICO
Azotorganici PIRIDAZINE
CENNI STORICI
Fitoregolatore introdotto da U.S. Rubber Co. nel 1949 (ora Crompton Chemical Inc.).
NOME COMUNE
Maleic hydrazide (BSI, ISO), MH
NUMERO CAS
[51542-52-0] (sale potassico)
PESO MOLECOLARE
112.1
STATO FISICO
Solido cristallino bianco (dry tech.).
SOLUBILITA'
a 25°C: in acqua 4.507 g/l; in metanolo 4.179 g/l, in esano, toluene < 0,001 g/l.
PUNTO DI FUSIONE
298° - 300°C
STABILITA'
Stabile all'idrolisi a pH 3,6 e 9 (45°C). Viene degradato dalla luce (DT 50, a 25°C, 50 gg. a pH 5.7, 34 gg. a pH 9. Viene decomposto da agenti ossidanti e dagli acidi forti. Nessuna degradazione si osserva per oltre 1 anno in confezioni integre conservate a 25°C.
IMPIEGHI AUTORIZZATI E INTERVALLO DI SICUREZZA (gg.)
Si riporta di seguito il riepilogo degli impieghi autorizzati e degli intervalli di sicurezza (min/max) di questa sostanza attiva così come risultano dalle etichette dei prodotti fitosanitari che la contengono da sola o in miscela con altre sostanze attive.
Patata21/30
Aglio, cipolla10/15
Tabacco--/7/10
A titolo informativo, si riportano i precedenti impieghi autorizzati così come indicati nell’ultimo aggiornamento dell’allegato 5 del Decreto 27 agosto 2004:
  • Decreto 27 agosto 2004 (GU n 292 del 14 dicembre 2004, Suppl Ord n 179):
Colture:
Aglio, cipolla--
Tabacco--
LIMITI MASSIMI DI RESIDUI (in mg/Kg = ppm)
  • Regolamento (UE) n. 777/2013 della Commissione del 12 agosto 2013:
Frutta0,2* (+)
Patate50 (++)
Carote, pastinaca30 (+++)
Altri ortaggi a radice e tubero, esclusa la barbabietola da zucchero0,2* (+++)
Agli, cipolle, scalogni15 (++++)
Cipolline, altri ortaggi a bulbo0,2* (+++++)
Altri ortaggi0,2*
Legumi da granella0,2*
Semi oleaginosi0,5*
Olive da olio0,2*
Altri frutti oleaginosi0,5*
Cereali0,2*
Tè, caffè, infusioni di erbe e cacao0,5*
Luppolo0,5*
Spezie0,5*
Piante da zucchero0,2*
Note:
(R) = La definizione di residui è diversa per le seguenti combinazioni di antiparassitari e numeri di codice:
Idrazide maleica - codice 1020000: idrazide maleica e i relativi coniugati, espressi in idrazide maleica
(+) L' Autorità europea per la sicurezza alimentare ha riscontrato la mancanza di alcune informazioni relative ai metodi di analisi. Al momento del riesame degli LMR la Commissione terrà conto delle informazioni indicate nella prima frase se tali informazioni saranno presentate entro il 17 agosto 2015, o, qualora tali informazioni non siano presentate entro tale termine, della mancanza delle stesse.
(++) L' Autorità europea per la sicurezza alimentare ha riscontrato la mancanza di alcune informazioni relative ai metodi di analisi e all'idrolisi. Al momento del riesame degli LMR la Commissione terrà conto delle informazioni indicate nella prima frase se tali informazioni saranno presentate entro il 17 agosto 2015, o, qualora tali informazioni non siano state presentate entro tale termine, della mancanza delle stesse.
(+++) L' Autorità europea per la sicurezza alimentare ha riscontrato la mancanza di alcune informazioni relative ai metodi di analisi. Al momento del riesame degli LMR la Commissione terrà conto delle informazioni indicate nella prima frase se tali informazioni saranno presentate entro il 17 agosto 2015, o, qualora tali informazioni non siano presentate entro tale termine, della mancanza delle stesse.
(++++) L' Autorità europea per la sicurezza alimentare ha riscontrato la mancanza di alcune informazioni relative ai metodi di analisi e all'idrolisi. Al momento del riesame degli LMR la Commissione terrà conto delle informazioni indicate nella prima frase se tali informazioni saranno presentate entro il 17 agosto 2015, o, qualora tali informazioni non siano state presentate entro tale termine, della mancanza delle stesse.
(+++++) L' Autorità europea per la sicurezza alimentare ha riscontrato la mancanza di alcune informazioni relative ai metodi di analisi. Al momento del riesame degli LMR la Commissione terrà conto delle informazioni indicate nella prima frase se tali informazioni saranno presentate entro il 17 agosto 2015, o, qualora tali informazioni non siano presentate entro tale termine, della mancanza delle stesse.
(*) Indica il limite inferiore di determinazione analitica
LMR in vigore fino al 31 agosto 2008:
  • Decreto 31 luglio 2007 (GU n. 254 del 31-10-2007):
Frutta0,2* p
Carote, pastinaca30 p
Agli, cipolle, scalogni15 p
Altri ortaggi0,2* p
Legumi da granella0,2* p
Semi oleaginosi0,5* p
Patate50 p
0,5* p
Luppolo0,5* p
Cereali0,2* p n
Note:
(*) Limite inferiore di determinazione analitica
(p) Indica che la quantità massima di residui è stata fissata provvisoriamente a norma dell'articolo 4, paragrafo 1, lettera f), della direttiva 91/414/CE
(n) Limiti massimi di residui provvisori nazionali in attesa di armonizzazione comunitaria
REVISIONE EUROPEA
Sostanza attiva iscritta in allegato I con le seguenti disposizioni specifiche: "Possono essere autorizzate solo le utilizzazioni come fitoregolatore" (Parte A)
Riferimenti normativi:
  • Direttiva 2003/31/CE della Commissione dell'11 aprile 2003 che modifica la direttiva 91/414/CEE del Consiglio con l'iscrizione delle sostanze attive 2,4-DB, beta-ciflutrin, ciflutrin, iprodione, linuron, idrazide maleica e pendimetalin
  • Decreto 20 giugno 2003 (GU n. 219 del 20-9-2003) Inclusione delle sostanze attive 2,4-DB, beta-ciflutrin, ciflutrin, iprodione, linuron, idrazide maleica e pendimetalin nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, in attuazione della direttiva 2003/31/CE della Commissione dell'11 aprile 2003.
  • Decreto 30 giugno 2004 (GU n. 179 del 2-8-2004) Revoca delle autorizzazioni all'immissione in commercio di prodotti fitosanitari non conformi alle disposizioni definite dal decreto del Ministero della salute del 20 giugno 2003, relativo all'iscrizione della sostanza attiva idrazide maleica nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194.
  • Decreto 3 maggio 2006 (GU n. 113 del 17-5-2006) Ri-registrazione provvisoria dei prodotti fitosanitari, contenenti idrazide maleica, a seguito dell'iscrizione della sostanza attiva nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194.
  • Decreto 21 aprile 2011 (GU n. 127 del 3-6-2011 ) Ri-registrazione del prodotto fitosanitario, a base di idrazide maleica, a seguito dell'iscrizione nell'allegato I, alla luce dei principi uniformi di cui all'allegato VI del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194 sulla base del dossier EMME H 186,5 g/l SC di All. III. (11A07394)
  • Decreto 26 maggio 2011 (GU n. 139 del 17-6-2011 - Suppl. Ordinario n.149) Ri-registrazione di prodotti fitosanitari, a base di idrazide maleica, a seguito dell'iscrizione nell'allegato I, alla luce dei principi uniformi di cui all'allegato VI del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194 sulla base del dossier ROYAL MH 186,5 g/l SL di All. III. (11A07496)
  • Decreto 26 maggio 2011 (GU n. 139 del 17-6-2011 - Suppl. Ordinario n.149) Ri-registrazione di prodotti fitosanitari, a base di idrazide maleica, a seguito dell'iscrizione nell'allegato I, alla luce dei principi uniformi di cui all'allegato VI del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194 sulla base del dossier ROYAL MH 600 g/l WDG di All. III. (11A07494)
  • Decreto 30 maggio 2011 (GU n. 139 del 17-6-2011 - Suppl. Ordinario n.149) Ri-registrazione del prodotto fitosanitario, a base di idrazide maleica, a seguito dell'iscrizione nell'allegato I, alla luce dei principi uniformi di cui all'allegato VI del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194 sulla base del dossier EMME H 60 WS 600 g/Kg di All. III. (11A07495)
  • Regolamento (UE) n. 823/2012 della Commissione del 14 settembre 2012 recante deroga al regolamento di esecuzione (UE) n. 540/2011 per quanto riguarda le date di scadenza dell’approvazione delle sostanze attive 2,4-DB, acido benzoico, beta-ciflutrin, carfentrazone etile, Coniothyrium minitans di ceppo CON/M/91-08 (DSM 9660), ciazofamid, ciflutrin, deltametrina, dimethenamid-P, etofumesato, etossisulfuron, fenamidone, flazasulfuron, flufenacet, flurtamone, foramsulfuron, fostiazato, imazamox, iodosulfuron, iprodione, isoxaflutole, linuron, idrazide maleica, mecoprop, mecoprop-P, mesosulfuron, mesotrione, oxadiargil, oxasulfuron, pendimetalin, picoxystrobin, propiconazolo, propineb, propoxycarbazone, propizamide, piraclostrobin, siltiofam, triflossistrobina, warfarin e zoxamide
ALTRE DISPOSIZIONI
  • Con Decreto 22 luglio 2003 (G.U. n. 232 del 6.10.2003, s.o. n. 158) sono state aggiunte tra gli impieghi autorizzati le seguenti colture: aglio, cipolla.
  • Si segnala che il prodotto Fazor ha ottenuto con Decreto 13 aprile 2012 l'estensione di impiego su patata con intervallo di sicurezza di 21 giorni.
  • Si segnala che con Decreto 30 maggio 2011 il prodotto Emme-H 60 WS (reg. 10931) ha ottenuto l'estensione di impiego su patata (intervallo di sicurezza di 30 gg.) e aglio e cipolla (intervallo di sicurezza di 15 gg.). Su tabacco è stato stabilito un intervallo di sicurezza di 7 gg.
  • Si segnala la registrazione di alcuni prodotti a base di idrazide maleica + acido pelargonico per impieghi come erbicida totale contro erbe infestanti, muschi e alghe per aree non coltivate, floreali e ornamentali, parchi privati e giardini domestici.
  • Decreto 6 novembre 2012 (GU n. 293 del 17-12-2012 ) Modifica del testo dell'etichetta relativamente all'intervallo di sicurezza su patata a 30 giorni, dei prodotti fitosanitari «EMME H 60 WG» e «PATAGERM». (12A13160)
CAMPO D'IMPIEGO
Fitoregolatore autorizzato su tabacco, aglio, cipolla e patata.
Formulato in miscela con acido pelargonico è autorizzato nel diserbo totale contro erbe infestanti, muschi e alghe in aree non coltivate, floreali e ornamentali, parchi privati e giardini domestici.
SPETTRO D'AZIONE
Nel tabacco, impedisce selettivamente lo sviluppo dei germogli ascellari. Nella patata, cipolla e aglio inibisce la germinazione durante la conservaizone in magazzino.
FORMULAZIONI
Liquido solubile - Granuli solubili - Polvere solubile
MODO D'AZIONE
Attivo per via sistemica. Viene assorbito dalla pianta per via fogliare e traslocato in ogni suo organo per via linfatica. Nei germogli, inibisce i processi respiratori delle cellule, riduce le attività enzimatiche, rallenta la moltiplicazione cellulare. La sommatoria di queste impedisce lo sviluppo dei germogli e dei succhioni principali e secondari. Sul tabacco, questo prodotto impedisce lo sviluppo dei germogli ascellari. Dato che il prodotto è sistemico e viene assorbito ed entra in circolo nella pianta, non è necessario irrorare l'intera pianta. Il miglior controllo si ottiene quando viene irrorata da 1/3 a 1/2 della parte superiore della pianta. Nella cipolla e nell'aglio il prodotto inibisce il germogliamento durante la conservazione in magazzino, evitando inoltre le perdite dovute alla disidratazione.
MODALITA' D'IMPIEGO
Dosi e modalità di impiego riferite a prodotti in polvere solubile al 60% di s.a.
  • Concentrazione e dosi di impiego
Tabacco: s'impiega alla dose di 4-5 kg di prodotto per ettaro diluito in circa 500 litri d'acqua. la dose inferiore si usa sui tabacchi di varietà chiara, la più alta sulle varietà scure.
Patata: s'impiega alla dise di 5 kg di prodotto per ettaro diluito in 400-600 litri d'acqua.
Cipolla: s'impiega alla dose di 3-3,75 kg di prodotto per ettaro diluito in 300-400 litri d'acqua.
Aglio: s'impiega alla dose di 4 kg di prodotto per ettaro diluito in 350-600 litri d'acqua.
  • Epoche di impiego
Tabacco: entro le 24 ore da ujna cimatura precoce, previa eliminazione dei germogli presenti.
Patata: quando i tuberi sono formati, le foglie ancora verdi, salvo quelle basali, e le piante sane ed attive, cioè circa da 15 a 10 giorni prima della raccolta.
Cipolla: quando i bulbi sono maturi e il 10% delle foglie sono piegate, ma interamente verdi, circa da 15 a 10 giorni prima della raccolta.
Aglio: quando i bulbi sono maturi, appena prima del viraggio al color giallo delle foglie, circa da 15 a 10 giorni prima della raccolta.
  • Metodi di applicazione
E' determinante per il buon esito che il prodotto venga assorbito dalle foglie della pianta, che pertanto devono essere verdi e non appassite e che il getto sia nebulizzato.
Tabacco: è bene che sia bagnata la metà superiore della pianta. Collocare il trattamento dopo un ciclo di raccolta delle foglie cosi' da posizionare la successiva raccolta dopo 7 giorni. Interventi integrati con prodotti contattocidi come gli alcoli grassi o sistemici-locali come le dinitroaniline, prima e dopo il trattamento sono vivamente consigliati. Non trattare piante destinate alla produzione del seme. Il trattamento può procurare un ingiallimento delle foglie. Tale precoce ingiallimento non esendo indice di maturità fisiologica, non può essere preso come riferimento per la raccolta.
Patata: non applicare su varietà a bassa capacità di conservazione e su patate destinate alla semina. Una pioggia o una irrigazione entro le 24 ore dal trattamen to ne possono ridurre l'efficacia. La raccolta va posizionata dopo 30 giorni dal trattamento.
Cipolla e aglio: non applicare su varietà a bassa capacità di conservaizone. Una pioggia o un'irrigazione entro le 24 ore dal trattamento ne possono ridurre l'efficacia. la raccolta va posizionata 15 gkiorni dopo il trattamento.
  • Numero di applicazioni
E' sufficiente un solo trattamento.
L'efficacia del trattamento dipende dalla quantità di sostanza attiva assorbita e disclocata dalla pianta, pertanto si consiglia di trattare quando la pianta è attiva: i giorni successivi a un'irrigazione, di prima mattina o con cielo nuvoloso. Si consiglia di trattare con temperature elevate, su poiante appassite e in presenza di venti. le foglie debbono essere asciutte e turgide.
COMPATIBILITA'
Il prodotto va usato da solo.
FITOTOSSICITA'
Non tratatre piante ammalate, malnutrite o comunque sofferenti.
ALTRE NOTIZIE
Poiché il p.a. viene assorbito perfettamente nel giro di poche ore, una pioggia che cada 10 ore dopo il trattamento non ne compromette l'efficacia.
MECCANISMO D'AZIONE
Fitoregolatore ritardante di crescita, assorbito per via fogliare e radicale e traslocato per via xilematica e floematica verso i meristemi dove inibisce la moltiplicazione cellulare, interferendo sulla respirazione, l'attività enzimatica, la sintesi proteica.
E' stato il primo inibitore a trovare impiego in agricoltura fin dagli anni cinquanta e attuamente è usato come antigermogliante del tabacco, cipolla ed aglio.
Da: Schiaparelli A., Schreiber G., Bourlot G. - FITOREGOLATORI IN AGRICOLTURA Storia, Prodotti, Impieghi, Normativa, Ricerca e Sviluppo Edagricole, 1995, Bologna, 319 pp.
PERSISTENZA
Viene rapidamente degradato nel terreno per via microbica (DT 50 c. 11 h).
MOBILITA' NEL TERRENO
Praticamente nulla.
(R) = La definizione di residui è diversa per le seguenti combinazioni di antiparassitari e numeri di codice:
Idrazide maleica - codice 1020000: idrazide maleica e i relativi coniugati, espressi in idrazide maleica
INFORMAZIONI MEDICHE
SINTOMI: irritante per cute e mucose, tremori, convulsioni fino al coma.
TERAPIA: sintomatica.
Avvertenze: consultare un Centro Antiveleni.
  • da Circolare 3 settembre 1990, n. 20 (Supplemento ordinario G.U. n. 216 del 15 settembre 1990):
Simbolo/indicazioni di pericolo: Xn (nocivo)
Frasi di rischio (R) : 22
Consigli di prudenza (S) : 36
PROPRIETA' TOSSICOLOGICHE
DL 50 orale acuta ratto > 5000 mg/Kg
DL 50 dermale acuta coniglio > 5000 mg/Kg
DL 50 inalatoria acuta ratto 4 mg/l (4 h)
Tossicità per gli uccelli:
DL 50 orale acuta Anas platyrhynchos > 4640 mg/Kg
CL 50 (8 gg.) Anas platyrhynchos e Colinus virginianus > 10000 ppm
Tossicità per i pesci e altri organismi acquatici:
CL 50 (96 h) Lepomis macrochirus 1608 mg/l
CL 50 (96 h) Salmo gairdneri 1435 mg/l
CL 50 (48 h) Daphnia spp. 108 ppm