DIFENILAMMINA

NOME CHIMICO

diphenylamine (IUPAC)

FORMULA BRUTA
C H N

12 11

NUMERO CAS

122-39-4

PESO MOLECOLARE

169.2

STATO FISICO

Cristalli.

SOLUBILITA'

Poco solubile in acqua; prontamente solubile nei solventi organici.

PUNTO DI FUSIONE

53-54°C

PUNTO DI EBOLLIZIONE

302°C

IMPIEGHI AUTORIZZATI E INTERVALLI DI SICUREZZA (gg.)

Sostanza attiva non iscritta nell'allegato I della direttiva 91/414/CEE (Decisione della Commissione 2009/859/CE del 30 novembre 2009), con commercializzazione e vendita consentita fino al 30 gennaio 2011 e utilizzo consentito fino al 30 maggio 2011 (Comunicato GU n. 139 del 17 giugno 2010 ). Il regolamento n. 578/2012 del 29 giugno 2012 ha poi confermato la non approvazione della difenilammina dopo che era stata presentata una nuova domanda di inclusione mediante la proceedura accelerata di cui agli articoli da 14 a 19 del regolamento (CE) n. 33/2008.
Considerata tuttavia l’importanza di questa sostanza attiva contro il riscaldo delle pomacee, e tenuto conto delle richieste inoltrate da alcune Associazioni di Agricoltori, il Ministero della Salute ha provveduto ad emanare dei provvedimenti di autorizzazione eccezionale della durata di 120 giorni:
- Anno 2011: con Decreto 1 agosto 2011 sono stati autorizzati in via provvisoria per 120 gg. (fino al 28 novembre 2011) alcuni prodotti a base di deifenilammina.
Impieghi precedentemente autorizzati come da Decreto 27 agosto 2004 (GU n 292 del 14 dicembre 2004, Suppl Ord n 179):
Derrate alimentari immagazzinate:
Mele (1) ............................... 30
Pere (1) ............................... 60
Note:
(1) L'impiego in post-raccolta deve essere effettuato in stabilimenti e depositi idoneamente attrezzati e preventivamente autorizzati dalla autorità sanitaria ai sensi dell'art. 2 della Legge 283/1962.
LIMITI MASSIMI DI RESIDUI (in mg/Kg = ppm)
- Regolamento (UE) n. 772/2013 della Commissione dell'8 agosto 2013:

Mele ...... 0,1 (+)
Pere ...... 0,1 (+)
Altra frutta ..... 0,05*
Ortaggi ...... 0,05*
Legumi da granella ...... 0,05*
Semi e frutti oleaginosi ...... 0,05*
Cereali ...... 0,05*
Tè, caffè, infusioni di erbe e cacao ...... 0,05*
Luppolo ...... 0,05*
Spezie ...... 0,05*
Piante da zucchero ...... 0,05*
Note:
(*) Indica il limite inferiore di determinazione analitica
(+) LMR temporaneo da riesaminare entro il 2 settembre 2015
LMR in vigore fino al 31 agosto 2008:
- Decreto 27 agosto 2004 (GU n 292 del 14 dicembre 2004, Suppl Ord n 179):
Mele ................................... 5
Pere ................................... 10
Altra frutta ........................... 0.05 (*)
Ortaggi ................................ 0.05 (*)
Leguminose da granella ................. 0.05 (*)
Semi oleaginosi ........................ 0.05 (*)
Patate ................................. 0.05 (*)
Tè ..................................... 0.05 (*)
Luppolo ................................ 0.05 (*)
(*) Limite inferiore convenzionale di determinazione analitica

REVISIONE EUROPEA

Sostanza attiva non iscritta nell'allegato I della direttiva 91/414/CEE (Decisione della Commissione del 30 novembre 2009), con commercializzazione e vendita consentita fino al 30 gennaio 2011 e utilizzo consentito fino al 30 maggio 2011 (Comunicato GU n. 139 del 17 giugno 2010 ).
Riferimenti normativi:
- Decisione della Commissione del 30 novembre 2009 concernente la non iscrizione della difenilammina nell’allegato I della direttiva 91/414/CEE del Consiglio e la revoca delle autorizzazioni di prodotti fitosanitari contenenti detta sostanza (2009/859/CE)
- Comunicato (GU n. 139 del 17-6-2010 ) Revoca dei prodotti fitosanitari contenenti la sostanza attiva difenilammina (10A07304)
- Regolamento di esecuzione (UE) n. 578/2012 della Commissione del 29 giugno 2012 concernente la non approvazione della sostanza attiva difenilammina conformemente al regolamento (CE) n. 1107/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo all'immissione sul mercato dei prodotti fitosanitari

(vedi scheda Aspetti legislativi)

CAMPO D'IMPIEGO

Antiossidante per la prevenzione del riscaldo comune delle mele e delle pere che si manifesta durante la frigoconservazione. Gli studi piu' recenti indicano che questa alterazione dipende dall'accumulo di prodotti ossigenati e composti volatili originati dal metabolismo dei frutti. Al di sopra di determinate soglie, questi composti generano delle macchie brune che si sviluppano rapidamente, in particolare durante il periodo di immissione al consumo dei frutti stessi.

SPETTRO D'AZIONE

Protegge mele e pere dall'accumulo sull'epidermide di prodotti ossigenati e composti volatili originati dal metabolismo del frutto.

FORMULAZIONI

- Liquido emulsionabile
- Liquido pronto all'uso
- Formulato aerosolizzabile

MODALITA' D'IMPIEGO

(1)
Modalità e dosi di impiego riferite a prodotti al 31% di p.a. (318 g/l) sotto forma di liquido emulsionabile, per trattamenti per immersione o aspersione (drencher).
Il trattamento va eseguito entro una settimana dalla dalla raccolta mediante immersione dei frutti in vasca o per aspersione degli stessi tramite sistema Drencher (non usare sistemi spay o la nebulizzazione); il tempo di contatto dei frutti con la soluzione non deve comunque superare i 30 secondi.
Dosi:
- varietà di mele Delicious rosse e Granny Smith: 580 ml/hl d'acqua;
- altre varietà di mele: 280 ml/hl d'acqua;
- varietà di pere: 180-220 ml/hl.
Preparare la soluzione versando lentamente il prodotto in acqua senza agitare. Per il trattamento in immersione occorre mantenere in agitazione la soluzione; quest'ultima deve essere cambiata ogni 24 ore (48 ore in caso di uso limitato).
Al momento del trattamento i frutti devono avere una temperatura maggiore di 10°C (non trattare mai frutti appena usciti dalle celle frigorifere), mentre la temperatura dell'acqua non deve essere inferiore a 5°C.
Occorre lasciar sgocciolare e non sciacquare i cassoni prima dello stoccaggio nelle celle frigorifere ed evitare di coprire i frutti ed i contenitori durante la frigoconservazione.
I trattamenti devono essere effettuati in centri appositamente attrezzati per
le operazioni meccanizzate che escludono l'intervento diretto dell'operatore e
che consentano l'immagazzinamento con frigo-conservazione.
La soluzione eccedente al trattamento dovra' essere prelevata da ditte
specializzate per la sua depurazione (fisica o microbiologica). Le acque di
scarico e di lavaggio sono comunque soggette alla osservanza della legge
riguardante l'abbattimento dei prodotti inquinanti. Non esporre il prodotto al
sole, al freddo, al gelo. Utilizzare il contenuto di una confezione entro 4
mesi dalla sua apertura.
Prodotto da impiegare esclusivamente in centri appositamente attrezzati, previo consenso delle autorità locali agricole e sanitarie, nel quadro delle istruzioni impartite al riguardo.
(2)
Modalità e dosi di impiego riferite a prodotti al 10% (103 g/l) di p.a. sotto forma di liquido pronto all'uso, distribuito tramite nebulizzazione.
Il prodotto si applica esclusivamente all'interno dei locali di frigoconservazione, dopo aver stoccato le derrate, intervenendo entro un mese dalla raccolta. Il prodotto va applicato indiluito, utilizzando una attrezzatura di nebulizzazione, operando attraverso il foro o la griglia di ispezione della cella frigorifera.
Dosi:
- Mele Golden e altre varietà di mele: 250 ml per tonnellata di derrata in trattamento unico; 120 ml per tonnellata di derrata, con trattamenti ripetuti trimestralmente;
- Pere: 120 ml per tonnellata di derrata.
Non rientrare nei locali trattati prima di 48 ore.
Prodotto da utilizzare in stabilimenti o depositi attrezzati e preventivamente autorizzati dall'autorità sanitaria ai sensi dell'Art.2 della legge 283/1962.
(3)
Modalità e dosi di impiego riferite a prodotti al 10% di p.a. sotto forma di formulato aerosolizzabile.
- Mele, pere: il trattamento si effettua su frutta stoccata entro un mese dalla raccolta applicando il prodotto tal quale sulla frutta, in camere sigillate mediante apposita macchina di termonebulizzazione in ragione di 12 ml/T su mele e pere o trattamenti ripetuti trimestralmente a 120 ml/T di frutta. Su mele Golden e altre mele anche trattamento unico a 50 ml/T di frutta.

Meccanismo d'azione

Esplica una azione antiossidante proteggendo mele e pere dall'accumulo sull'epidermide di prodotti ossigenati e composti volatili originati dal metabolismo del frutto.

INFORMAZIONI MEDICHE

Sintomi: irritante per cute e mucose, nausea, vomito, diarrea, possibile formazione di metaemoglobina.
Terapia sintomatica, blu di metilene se comparsa di metaemoglobina superiore al 30%, se inferiore vit. C ad alte dosi (4-5 g).
Consultare un Centro Antiveleni.
- da Circolare 3 settembre 1990, n. 20 (Supplemento ordinario G.U. n. 216 del 15 settembre 1990):
Simbolo/indicazione di pericolo: T (tossico)
Frasi di rischio (R) : 23/24/25-33
Consigli di prudenza (S) : 28-36/37-44

Giorni di carenza
Mele 30
Pere 60