BUPROFEZIN

NOME CHIMICO
2-tert-butylimino-3-isopropyl-5-phenyl-1,3,5-thiaziadinan-4-one (IUPAC)
2-[(1,1-dimethylethyl)imino]tetrahydro-3-(1-methylethyl)-5-phenyl-4H-1,3,5-thia diazin-4-one (C.A.)
FORMULA BRUTA
C H N OS
16 23 3
GRUPPO CHIMICO
Insetticida regolatore di crescita appartenente alla famiglia chimica delle Tiadiazine.
CENNI STORICI
Sostanza attiva introdotta da Nihon Nohyaku Co.
NOME COMUNE
buprofezin (BSI, E-ISO)
NUMERO CAS
69327-76-0
PESO MOLECOLARE
305.4
STATO FISICO
Solido cristallino incolore.
SOLUBILITA'
In acqua 0.9 mg/l (20°C).
In acetone 240 g/l, in esano 20 g/l, in etanolo 80 g/l, toluene 320 g/l (25°C).
PUNTO DI FUSIONE
104.5-105.5°C
PRESSIONE DI VAPORE
1.25 mPa a 25°C
STABILITA'
Stabile in condizioni acide e alcaline.
Stabile al calore e alla luce.
IMPIEGHI AUTORIZZATI E INTERVALLI DI SICUREZZA (gg.)
Si riporta di seguito il riepilogo degli impieghi autorizzati e degli intervalli di sicurezza (min/max) di questa sostanza attiva così come risultano dalle etichette dei prodotti fitosanitari che la contengono da sola o in miscela con altre sostanze attive.
Agrumi7
Melo, pero, pesco, albicocco, nettarine, susino, ciliegio14
Vite21
Olivo, kiwi45
Pomodoro, melanzana, peperone, cetriolo, zucchino7
Floreali e ornamentali--
Note:
Inizialmente il buprofezin non era stato iscritto in allegato I con revoca delle autorizzazioni a decorrere dal 30 marzo 2009, commercializzazione e vendita delle scorte consentita fino al 30 novembre 2009 e utilizzo consentito fino al 30 marzo 2010. Con successivo provvedimento del 20 gennaio 2011 il buprofezin è stato iscritto in allegato I e con decreti dirigenziali del 10 maggio 2012 sono stati autorizzati due nuovi prodotti a base di questa sostanza attiva.
Impieghi precedentemente autorizzati come da Decreto 23 luglio 2008 (GU n 265 del 12-11-2008, Suppl Ord n 251):
Colture:
Limone, mandarino, clementino, tangerino, arancio, melo, pero, pesco7
Albicocco, ciliegio, susino, amarena14
Actinidia30
Vite15
Olivo28
Pomodoro2
Peperone, melanzana, cetriolo, zucchino, melone, zucca, cocomero, fagiolo, pisello, fagiolino3
Lattughe e simili, erbe fresche14
Frumento14
Riso21
Cotone24
Floreali, ornamentali, forestali--
Altri impieghi:
Applicazione in vivaio sulle colture autorizzate in campo
LIMITI MASSIMI DI RESIDUI (in mg/Kg = ppm)
  • Regolamento (UE) n. 520/2011 della Commissione del 25 maggio 2011:
Agrumi, uve da tavola e da vino, kiwi1
Mele, fragole3
Altre pomacee, banane0,5
Ciliege, prugne2
Mandorle, pesche0,7
Albicocche0,2
Altre drupacee, manghi0,1
Olive da tavola5
Altra frutta0,05*
Pomodori, melanzane, cetrioli, meloni, fagioli (con baccello)1
Cetriolini, zucchine, altre cucurbitacee con buccia commestibile, zucche, cocomeri, altre cucurbitace con buccia non commestibile0,7
Peperoni2
Altre ortaggi a frutto, lattughe e altre insalate, comprese le brassicacee, fagioli (senza baccello), piselli (senza baccello)0,5
Erbe fresche4
Altri ortaggi0,05*
Legumi da granella0,05*
Semi di cotone0,5
Altri semi oleaginosi0,05*
Olive da olio5
Altri frutti oleaginosi0,05*
Riso0,5
Altri cereali0,05*
Tè, caffè, infusioni di erbe e cacao0,05*
Luppolo5
Spezie0,05*
Piante da zucchero0,05*
Note:
(F) = Liposolubile
(*) Indica il limite inferiore di determinazione analitica
LMR in vigore fino al 31 agosto 2008:
  • Decreto 23 luglio 2008 (GU n 265 del 12-11-2008, Suppl Ord n 251):
Limoni, mandarini, clementini, tangerini, arance, mele, pere, ciliegie, amarene0,5 (n)
Albicocche0,2 (n)
Pesche0,7 (n)
Prugne0,3 (n)
Uve, actinidie, olive1 (n)
Pomodori, peperoni, melanzane, cetrioli, zucchine, meloni, cocomeri, zucche, lattuga e simili, erbe fresche, fagioli senza baccello, piselli senza baccello, fagiolini0,5 (n)
Frumento, riso0,5 (n)
Semi di cotone0,5 (n)
Olio3 (n)
Vino0,5 (n)
(n) Limiti massimi di residui provvisori nazionali in attesa di armonizzazione comunitaria
REVISIONE EUROPEA
Sostanza attiva iscritta in allegato I con le seguenti disposizioni specifiche: "Possono essere autorizzati solo gli impieghi come insetticida e acaricida." (Parte A)
Si segnala che il buprofezin era stato inizialmente non iscritto in allegato I con revoca delle autorizzazioni a decorrere dal 30 marzo 2009 e smaltimento delle scorte entro il 30 marzo 2010.
Riferimenti normativi:
  • Decisione della Commissione del 30 settembre 2008 concernente la non iscrizione del buprofezin nell'allegato I della direttiva 91/414/CEE del Consiglio e la revoca delle autorizzazioni di prodotti fitosanitari contenenti detta sostanza.
  • Comunicato (GU n 96 del 27-4-2009) Non inclusione della sostanza attiva «buprofezin» nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n 194, e revoca dei prodotti fitosanitari che contengono tale sostanza attiva in applicazione della decisione della commissione 2008/771/CE (09A04677)
  • Direttiva 2011/6/UE della Commissione del 20 gennaio 2011 che modifica la direttiva 91/414/CEE del Consiglio con l'iscrizione della sostanza attiva buprofezin
  • Decreto 18 marzo 2011 (GU n. 109 del 12-5-2011) Inclusione della sostanza attiva buprofezin nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, in attuazione della direttiva 2011/6/UE. (11A05974)
ALTRE DISPOSIZONI
  • Con Decreto 11 dicembre 2006, non pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, il prodotto Applaud 40 SC (reg n 8022) ha ottenuto l'estensione di impiego sulle seguenti colture: albicocco, susino, ciliegio, amarena, con intervallo di sicurezza di 14 giorni; cocomero e zucca, con intervallo di sicurezza di 3 giorni; simili della lattuga (crescione, scarola, indivia, cicoria, radicchio, dolcetta, rucola), con intervallo di sicurezza di 14 giorni; erbe fresche (prezzemolo, erba cipollina, cerfoglio, basilico, rosmarino, menta, slavia, timo, melissa, maggiorana), con intervallo di sicurezza di 14 giorni.
  • Con il Decreto 23 luglio 2008 (GU 265 del 12-11-2008) sono state aggiunte tra gli impieghi autorizzati le seguenti colture: albicocco, ciliegio, susino, amarenza, zucca, cocomero, simili della lattuga, erbe fresche.
  • Nel rispetto dei nuovi Limiti Massimi di Residui (LMR) previsti dal Regolamento (CE) n 396/2005 e dal collegato Regolamento (CE) n 149/2008, sono state apportate le seguenti modifiche a decorrere dal 1 settembre 2008: è revocato l'impiego, ove presente, su frumento.
CAMPO D'IMPIEGO
Insetticida per la difesa di agrumi, melo, pero, pesco, nettarine, albicocco, ciliegio, susino, vite, olivo, kiwi, colture protette (pomodoro, melanzana, lattuga, cetriolo, zucchino, peperone), florali e ornamentali.
SPETTRO D'AZIONE
E' un insetticida specifico che agisce su un limitato numero di insetti dannosi quali Aleurodidi, Cicaline, Cocciniglie nonche' acari Eriofidi e Tarsonemidi, negli stadi pre-immaginali. Possiede inoltre azione sterilizzante sulle femmine, interferendo sull'ovogenesi e sull'embriogenesi.
Grazie a questa sua elevata specificita' risulta innocuo sulla maggior parte degli organismi utili, quali:
  • insetti predatori e parassitoidi: Rincoti eterotteri, Imenotteri, Neurotteri, Ditteri, Coleotteri (tranne i Coccinellidi);
  • acari predatori: Fitoseidi, Stigmeidi, ecc.;
  • insetti pronubi: api e bombi;
MODO D'AZIONE
E' un insetticida regolatore di crescita (chitino-inibitore) che agisce per contatto, ingestione ed ha anche una modesta attivita' di vapore. Non e' dotato di proprieta' sistemiche ma parzialmente citotropiche. Blocca la crescita di diversi insetti negli stadi pre-immaginali interferendo nei processi di formazione della chitina. Possiede inoltre una azione sterilizzante sulle femmine.
FORMULAZIONI
Polvere bagnabile
MODALITA' DI IMPIEGO
Modalità e dosi di impiego riferite a prodotti al 25% di p.a. sotto forma di polvere bagnabile.
  • Agrumi
100-150 g/hl (2-3 Kg/ha): contro Cocciniglie, alla migrazione delle neanidi e Mosca bianca e altri Aleurodidi.
100-150 g/hl (2 Kg/ha): contro Cicaline.
  • Melo, Pero
150-200 g/hl (2 Kg/ha): contro Cocciniglie e Cocciniglia di San Josè intervenire nella fase pre fiorale in presenza di larve di prima e di seconda età. In alternativa intrvenire in fase di migrazione delle generazioni successive.
100-150 g/hl (1,5 Kg/ha): contro Cicaline.
  • Pesco, Nettarine, Albicocco
150-200 g/hl (2 Kg/ha): contro Cocciniglia di San Josè intervenire nella fase di bottoni rosa su larve di prima e di seconda età. In alternativa intrvenire in fase di migraizone delle generazioni successive. Contro Cocciniglia bianca (Diapsis pentagona) intervenire preferibilmente in migrazione della prima generazione dell'anno.
100-150 g/hl (1,5 Kg/ha): contro Cicaline.
  • Ciliegio, Susino
150-200 g/hl (2 Kg/ha): contro Cocciniglia di San Josè intervenire nella fase di bottoni rosa su larve di prima e di seconda età.
  • Vite
100-150 g/hl (1,5 Kg/ha): contro Cicaline (Empoacsa v itis, Scaphoides titanus)
150 g/hl (1,5 kg/ha): contro Cocciniglie.
  • Olivo
100-150 g/hl (2 kg/ha): contro Cocciniglie (Saissetia oleae) impiegare in fase di avanzata migrazione dell'unica generazione annua (luglio, agosto).
  • Kiwi
150-200 g/hl (2 kg/ha): contro Cocciniglie (Pseudolacaspis pentagona) intervenire preferibilmente in migrazione della prima generazione dell'anno (maggio).
  • Colture protette: Pomodoro, Melanzana, lattuga, Cetriolo, Zucchino, Peperone
100 g/hl (1 kg/ha): contro Aleurodidi.
  • Colture floreali e ornamentali
150-200 g/hl (1,5-2 kg/ha): contro Cocciniglie forma giovanili in migrazione. Aleurodidi.
Per agrrumi è consigliabile l'impiego unitamente ad oli narrow range (es. Biolid) alla dose di 0,5-1%.
Per fruttiferi nei trattamenti pre-fiorali è consigliabile l'aggiunta di olio minerale alla dose di 0,5%.
Contro le specie di Cocciniglie che presentano più generazioni all'anno si consiglia di eseguire l'eventuale trattamento sulle cocciniglie in migrazione contrro la generazione che precede quella che può attaccare i frutti.
ALTRE NOTIZIE
Buprofezin blocca la produzione della chitina impedendo la muta dell'insetto sensibile; pertanto non agisce direttamente sugli adulti ma interferisce sulla loro attivita' riproduttiva riducendo il numero delle uova deposte e la loro schiusura. Nel caso fosse necessario un effetto abbattente immediato deve essere usato in miscela con un idoneo adulticida.
Il prodotto e' idoneo ad essere inserito in diversi programmi di lotta integrata, tra i quali:
  • gli interventi in serra contro Aleurodidi dove viene effettuato il lancio di parassitoidi come Encarsia spp.;
  • la difesa degli agrumi contro Aleurotrixus f. utilizzando contemporanemente il parassitoide Cales noacki;
  • la lotta alle Cocciniglie su melo, pero, pesco e agrumi.
MECCANISMO D'AZIONE
E' un insetticida regolatore di crescita: blocca la crescita di diversi insetti degli stadi pre-immaginali interferendo nei processi di formazione della chitina.
Possiede inoltre un'azione sterilizzante sulle femmine.
MOBILITA' NEL TERRENO
Nel terreno viene adsorbito dai colloidi. Non vi sono quindi pericoli di inquinamento delle falde.
(F) = Liposolubile
INFORMAZIONI MEDICHE
In caso di intossicazione chiamare il medico per i consueti interventi di pronto soccorso.
PROPRIETA' TOSSICOLOGICHE
DL 50 orale acuta ratto maschio 2198 mg/Kg
DL 50 orale acuta ratto femmina 2355 mg/Kg
DL 50 orale acuta topo > 10000 mg/Kg
DL 50 dermale acuta ratto > 5000 mg/Kg
Irritazione dermale (coniglio): non irritante
Irritazione oculare (coniglio): non irritante
Tossicita' per pesci e crostacei:
CL 50 (48h) Cyprinus carpio 2.7 mg/l
CL 50 (48h) Salmo gairdneri > 1.4 mg/l
CL 50 (3h) Daphnia 50.6 mg/l
Nessun effetto diretto su api a 2000 mg/l (formulazione WP).
Nessun effetto su predatori e parassiti vari.
Prodotti contenenti BUPROFEZIN