SULCOTRIONE

NOME CHIMICO
2-(2-chloro-4-mesylbenzoyl)cyclohexane-1,3-dione (IUPAC)
FORMULA BRUTA
C H SO Cl
14 13 5
GRUPPO CHIMICO
trichetoni
CENNI STORICI
Erbicida scoperto nei laboratori di Zeneca Agrochemicals.
NOME COMUNE
sulcotrione (ISO)
PESO MOLECOLARE
328,77
STATO FISICO
Solido tendente al giallo bruno.
SOLUBILITA'
In acqua 165 mg/l (a 25°C).
In acetone 40 g/l, in clorobenzene 10 g/l, in etanolo, xilene, kerosene < 6 g/l
PUNTO DI FUSIONE
139°C
PRESSIONE DI VAPORE
  • 6
5,3 x 10 Pa (a 25°C) (non volatile)
IMPIEGHI AUTORIZZATI E INTERVALLO DI SICUREZZA (gg.)
  • Decreto 27 agosto 2004 (GU n 292 del 14 dicembre 2004, Suppl Ord n 179):
Colture:
Mais--
Note: Applicazione in post-emergenza delle infestanti.
LIMITI MASSIMI DI RESIDUI (in mg/Kg = ppm)
LMR in vigore dal 1 settembre 2008 come da Regolamento (CE) n 149/2008 della Commissione del 29 gennaio 2008:
Frutta0,05*
Ortaggi0,05*
Legumi da granella0,05*
Semi e frutti oleaginosi0,05*
Cereali0,05*
Tè, caffè, infusioni di erbe e cacao0,05*
Luppolo0,05*
Spezie
Piante da zucchero0,05*
Note:
(*) Indica il limite inferiore di determinazione analitica
LMR in vigore fino al 31 agosto 2008:
  • Decreto 27 agosto 2004 (GU n 292 del 14 dicembre 2004, Suppl Ord n 179):
Mais (granella)0,05 (n)
Mais (foraggio)0,2 (n)
Note:
Somma di sulcotrione e del suo metabolita CMBA (Acido 2-cloro-metilsulfonil benzoico) espressa come sulcotrione
(n) Limiti massimi di residui provvisori nazionali in attesa di armonizzazione comunitaria
ALTRE DISPOSIZIONI
  • DIRETTIVA 2008/125/CE DELLA COMMISSIONE del 19 dicembre 2008 che modifica la direttiva 91/414/CEE del Consiglio al fine di iscrivere il fosfuro di alluminio, il fosfuro di calcio, il fosfuro di magnesio, il cimoxanil, il dodemorf, l'estere metilico dell'acido 2,5-diclorobenzoico, il metamitron, il sulcotrione, il tebuconazolo e il triadimenol quali sostanze attive.
  • DECRETO 31 agosto 2009 (GU n. 288 del 11-12-2009)
Inclusione delle sostanze attive fosfuro di alluminio, fosfuro di calcio, fosfuro di magnesio, cimoxanil, dodemorf, estere metilico dell'acido 2,5-diclorobenzoico, metamitron, sulcotrione, tebuconazolo e triadimenol, nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194. (09A14643)
CAMPO DI IMPIEGO
Diserbo del mais.
SPETTRO D'AZIONE
Infestanti sensibili: Abutilon theophrasti, Ambrosia artemisifolia, Bidens tripartita, Capsella bursa-pastoris, Chenopodium spp., Datura stramonium, Fumaria officinalis, Helianthus annuus, Polygonum lapathifolium, Polygonum persicaria, Raphanus raphanistrum, Sicyos angulata, Sinapis arvensis, Solanum nigrum, Sonchus oleraceus, Xanthium strumarium.
Infestanti sensibili nei primi stadi di sviluppo: Amaranthus spp., Digitaria sanguinalis, Echinochloa crus-galli, Panicum spp.
Sulcotrione svolge la migliore attività erbicida sulle dicotiledoni annuali (molte di queste sono ben controllate anche in stadi avanzati di sviluppo) mentre le graminacee annuali manifestano una sensibilità ridotta e variabile da specie a specie (Digitaria sanguinalis viene comunque ben contenuta con applicazioni entro le 2-3 foglie).
La miscela con Nicosulfuron (Ghibli) completa lo spettro d'azione di quest'ultimo prodotto permetendo un controllo pressoché totale delle infestanti tipiche della coltura.
FORMULAZIONI
¦ Sospensione concentrata
MODALITA' DI IMPIEGO
Applicare il prodotto in post-emergenza del mais: da 2-3 foglie a 7-8 foglie, con la coltura in buono stato vegetativo ed infestanti in fase di attiva crescita.
In presenza di graminacee annuali, effettuare il trattamento allo stadio massimo di 2-3 foglie, oppure in miscela con graminicida specifico a base di Nicosulfuron.
In presenza di Sorghetta da seme si consiglia la miscela con prodotti a base di Nicosulfuron, Rimsulfuron o Primisulfuron.
In presenza di dicotiledoni perenni o poco sensibili al Sulcotroine, miscelare con Bentazone, Piridate o Dicamba.
Dose di impiego: 1,0-1,25 l/ha (prodotti al 26% di principio attivo). Impiegare volumi d'acqua compresi tra 200 e 400 l/ha utilizzando pompe a media o bassa pressione ed ugelli a ventaglio.
ASSORBIMENTO E TRASLOCAZIONE
Agisce prevalentemente per via fogliare, con complementare assorbimento radicale. La traslocazione avviene sia per via floematica sia per via xilematica con accumulo nei tessuti meristematici.
I primi sintomi compaiono dopo 2-3 giorni dal trattamento con decolorazioni fogliari (imbiancamenti); in seguito si osserva un graduale e progressivo appassimento che si completa con la distruzione della pianta in un tempo di 10-15 giorni.
COMPATIBILE
Oltre che con Nicosulfuron, Sulcotrione è miscibile con altri principi attivi di comune impiego nel diserbo del mais, come bentazone, piridate, dicamba, fluroxipir, terbutilazina, dimetenamid.
L'aggiunta di dosi ridotte di prodotti ormonici è consigliata dove debbano essere controllate Convolvulus arvensis e Calystegia sepium.
ALTRE NOTIZIE
Altamente selettivo per il mais.
Non impiegare su linee pure utilizzate per la produzione di mais da seme.
MECCANISMO D'AZIONE
E' dotato di un meccanismo d'azione diverso da quello dei più comuni erbicidi del mais; infatti Sulcotrione agisce interferendo con la biosintesi dei carotenoidi, provocando la distruzione della clorofilla ed il manifestarsi dei sintomi tipici.
PERSISTENZA
Nel terreno viene rapidamente degradato per via microbica; la mezza vita varia da 1 a 10 giorni.
INFORMAZIONI PER IL MEDICO
In caso di intossicazione chiamare il medico per i consueti interventi di pronto soccorso.
PROPRIETA' TOSSICOLOGICHE
DL 50 orale acuta ratto > 5000 mg/kg
DL 50 dermale acuta coniglio > 4000 mg/kg
CL 50 inalatoria ratto > 1,63 mg/l
Irritazione oculare: non irritante
Irritazione cutanea: non irritante
Tossicità per gli uccelli:
DL 50 Germano reale > 1350 mg/kg
CL 50 Germano reale > 5620 ppm (dieta 5 gg.)
DL 50 Colino > 2250 mg/kg
CL 50 Colino > 5620 ppm (dieta 5 gg)
Tossicità per gli organismi acquatici:
CL 50 (96 h) Trota iridata 227 mg/l
CL 50 (96 h) Carpa a specchi 240 mg/l
CE 50 (48 h) Dafnia > 848 mg/l
CE 50 Alga verde 3,5 mg/l
Tossicità su altri organismi:
DL 50 (48 h, contatto) Ape > 200 µ/ape
DL 50 (48 h, orale) Ape > 50 µ/ape
CL 50 Lombrichi > 1000 mg/kg di terreno (14 gg.)