OXASULFURON

NOME CHIMICO
oxetan-3-yl-2-[(4,6-dimethylpyrimidin-2-yl)-carbamoylsulfamoyl]benzoate (IUPAC)
FORMULA BRUTA
C H N O S
17 18 4 6
GRUPPO CHIMICO
Solfoniluree
CENNI STORICI
Erbicida introdotto da Novartis.
NUMERO CAS
144651-06-9
NOME COMUNE
oxasulfuron (BSI,ISO)
PESO MOLECOLARE
406.4
STATO FISICO
Polvere bianca inodore.
SOLUBILITA'
In acqua 52 ppm (pH 5.1, 25°C).
In acetone 9300 g/l, in diclorometano 6900 g/l, in metanolo 1500 g/l, in toluene 320 g/l.
PUNTO DI FUSIONE
158°C (decomposizione)
PRESSIONE DI VAPORE
  • 3
< 2 x 10 mPa (25°C)
IMPIEGHI AUTORIZZATI E INTERVALLO DI SICUREZZA (in gg.)
  • Decreto 27 agosto 2004 (GU n 292 del 14 dicembre 2004, Suppl Ord n 179):
Soia--
Note:
Applicazione in post-emergenza delle infestanti
LIMITI MASSIMI DI RESIDUI (in mg/kg = ppm)
  • Regolamento (UE) n. 289/2014 della Commissione del 21 marzo 2014:
Frutta0,01*
Erbe aromatiche0,02*
Altri ortaggi0,01*
Legumi da granella0,01*
Semi e frutti oleaginosi0,01*
Cereali0,01*
Tè, caffè, infusioni di erbe e cacao0,05*
Luppolo0,05*
Spezie (escluso barbaforte o cren)0,05*
Barbaforte o cren0,01* (+)
Piante da zucchero0,01*
Note:
(*) Indica il limite inferiore di determinazione analitica
(+) Il livello massimo di residui applicabile al barbaforte o cren (Armoracia rusticana) nel gruppo delle spezie (codice 0840040) è quello fissato per il barbaforte o cren (Armoracia rusticana) nella categoria degli ortaggi, gruppo degli altri ortaggi a radice e tubero (codice 0213040), tenendo conto delle variazioni del tenore di residui conseguenti alla trasformazione (essiccatura) a norma dell'articolo 20, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 396/2005.
LMR in vigore fino al 31 agosto 2008:
  • Decreto 27 agosto 2004 (GU n 292 del 14 dicembre 2004, Suppl Ord n 179):
Valori in vigore fino al 3.6.2005:
Semi di soia0,02 (n)
Valori in vigore dal 4.6.2005:
Frutta0,05 (*)
Ortaggi0,05 (*)
Legumi da granella0,05 (*)
Semi oleaginosi0,05 (*)
Patate0,05 (*)
0,1 (*)
Luppolo0,1 (*)
Cereali0,05 (*)
Note:
Limiti massimi comunitari provvisori
(*) Limite inferiore convenzionale di determinazione analitica
(n) Limiti massimi di residui provvisori nazionali in attesa di armonizzazione comunitaria
REVISIONE EUROPEA
Sostanza attiva iscritta in allegato I con le seguenti disposizioni specifiche: "Possono essere autorizzate solo le utilizzazioni come erbicida."
Riferimenti normativi:
  • Direttiva 2003/23/CE della Commissione del 25 marzo 2003 che modifica la direttiva 91/414/CEE del Consiglio con l'iscrizione delle sostanze attive imazamox, oxasulfuron, etossisulforon, foramsulfuron, oxadiargil e ciazofamid
  • Decreto 20 giugno 2003 (GU n. 206 del 5-9-2003) "Inclusione delle sostanze attive imazamox, oxasulfuron, etoxysulfuron, foramsulfuron, oxadiargyl e ciazofamid nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, in attuazione della direttiva 2003/23/CE della Commissione del 25 marzo 2003."
  • Decisione della Commissione del 30 novembre 2009 che rettifica la direttiva 2003/23/CE che modifica la direttiva 91/414/CEE del Consiglio con l’iscrizione delle sostanze attive imazamox, oxasulfuron, etossisulforon, foramsulfuron, oxadiargil e ciazofamid (2009/874/CE)
  • Regolamento (UE) n. 823/2012 della Commissione del 14 settembre 2012 recante deroga al regolamento di esecuzione (UE) n. 540/2011 per quanto riguarda le date di scadenza dell’approvazione delle sostanze attive 2,4-DB, acido benzoico, beta-ciflutrin, carfentrazone etile, Coniothyrium minitans di ceppo CON/M/91-08 (DSM 9660), ciazofamid, ciflutrin, deltametrina, dimethenamid-P, etofumesato, etossisulfuron, fenamidone, flazasulfuron, flufenacet, flurtamone, foramsulfuron, fostiazato, imazamox, iodosulfuron, iprodione, isoxaflutole, linuron, idrazide maleica, mecoprop, mecoprop-P, mesosulfuron, mesotrione, oxadiargil, oxasulfuron, pendimetalin, picoxystrobin, propiconazolo, propineb, propoxycarbazone, propizamide, piraclostrobin, siltiofam, triflossistrobina, warfarin e zoxamide
CAMPO DI IMPIEGO
Diserbo della soia.
SPETTRO D'AZIONE
Abutilon theophrasti (cencio molle), Amaranthus retroflexus (amaranto), Bidens tripartita (forbicina), Capsella bursa-pastoris (borsa pastore), Chenopodium album (farinaccio), Polygonum persicaria (persicaria), Stellaria media (stellaria), girasole spontaneo (Helianthus annuus) ed alcune graminacee: Echinochloa crus-galli (giavone) e Sorghum halepense (sorghetta) da seme.
Esercita una utile attività collaterale su Solanum nigrum (erba morella).
MODO D'AZIONE
Viene assorbito per via fogliare e radicale.
FORMULAZIONI
Granuli idrodispersibili
MODALITA' DI IMPIEGO
MOdalità e dosi di impiego riferite a prodotti al 75% di p.a. sotto forma di granuli idrodispersibili.
Dosi: 100 g per ettaro in 100-400 litri di acqua. Il prodotto va sempre applicato addizionato di un appropriato additivo (non-ionico) alla dose di 0,3% sul volume d'acqua (300 ml ogni 100 l di soluzione).
Epoca d'impiego: post emergenza precoce. La massima sensibilità sulle malerbe dicotiledoni è dallo stadio cotiledonare a 4 foglie vere.
Avvertenze agronomiche:
  • Non applicare il prodotto su coltura sofferente a causa di andamento climatico avverso, carenze nutritive, asfissia radicale.
  • In caso di distruzione accidentale della coltura (per esempio a causa di grandine) la soia può essere riseminata immediatamente.
  • Il prodotto è rapidamente degradato nel terreno. Per questo non è necessario raccomandare alcuna particolare pratica precauzionale relativamente a colture in successione a soia seminate secondo i normali intervalli agronomici.
  • L'uso ripetuto di questo prodotto o di erbicidi con la stessa modalità di azione può portare alla selezione di infestanti resistenti. Allo scopo di evitare o ritardare la comparsa di biotipi di infestanti resistenti è consigliabile alternare prodotti aventi un diverso meccanismo di azione.
FITOSSICITA'
Il prodotto può risultare fitotossico per le colture non indicate in etichetta; evitare la deriva su colture adiacenti.
COMPATIBILITA'
La miscela con graminicidi di post-emergenza non è raccomandata in quanto può portare a riduzione dell'attività dei graminicidi.
MECCANISMO D'AZIONE
Inibitore dell'enzima acetolattatosintetasi (ALS). Agisce attraverso l'inibizione della sintesi degli aminoacidi essenziali valina e isoleucina portando al blocco della divisione cellulare e della crescita della pianta.
MECCANISMO DI SELETTIVITA'
La selettività per la coltura deriva dalla sua capacità di metabolizzare rapidamente il p.a.
INFORMAZIONI PER IL MEDICO
IN caso di intossicazione chiamare il medico per i consueti interventi di pronto soccorso.
Terapia sintomatica.
Consultare un Centro Antiveleni.
DL 50 orale acuta ratto > 5000 mg/kg
DL 50 dermale acuta coniglio > 2000 g/kg
Irritazione dermale (coniglio): non irritante
Irritazione oculare (coniglio): non irritante
CL 50 inalatoria ratto > 5.08 mg/l
Tossicità per gli uccelli:
DL 50 orale acuta Anas platyrhynchos > 2250 mg/kg
CL 50 Anas platyrhynchos > 5620 ppm (dieta)
Tossicità per i pesci:
CL 50 Lepomis macrochirus > 111 mg/l
CL 50 Samo gairdneri > 116 mg/l
Tossicità per le api:
DL 50 > µg/ape
Prodotti contenenti OXASULFURON