LEPTOMASTIX DACTYLOPII

Leptomastix dactylopii è un Imenottero Encirtide parassitoide di Planococcus citri, noto anche come cocciniglia cotonosa o cotonello degli agrumi. Viene utilizzato principalmente negli agrumeti e in alcune colture ornamentali in serra, spesso abbinato a Cryptolaemus montrouzieri.
L'adulto del parassitoide, di colore giallo miele, presenta occhi bruno rossastri e 3 caratteristici ocelli rossi; la lunghezza del corpo della femmina varia da mm. 1,5 a m.2,1 mm; il maschio è generalmente più piccolo e misura mm. 0,6 - 0,95 mm. Le antenne di colore nerastro sono più lunghe del corpo e sono tipicamente portate in avanti.
Dopo l'accoppiamento la femmina depone il proprio uovo nel corpo della femmina adulta di P. citri, ma anche la neanide di terza età non è disdegnata; nell'arco della vita ciascuna femmina può deporre da 80 a 100 uova mentre pare trascurabile l'attività predatoria. Le larve sviluppano totalmente all'interno dell'ospite dal quale, a fine ciclo, il nuovo adulto emerge attraverso un foro di uscita dopo circa 15 giorni. Il corpo della cocciniglia parassitizzata subisce una progressiva modificazione, perdendo la cera che ne ricopre il tegumento ed assumendo una tipica forma arrotondata con la superficie liscia ed indurita.
COME SI IMPIEGA
Il parassitoide è attualmente commercializzato come adulto in confezioni che contengono 100-250 individui.
Sugli agrumi, da maggio in avanti, una volta accertata la presenza di femmine di Cotonello sui tronchi o sulle ramificazioni principali, è opportuno lanciare il parassitoide. Si consiglia un quantitativo di 600 adulti/ha lanciati direttamente sulle piante infestate. A questo, dopo circa 20-30 giorni, farà seguito un altro lancio ed eventualmente anche un terzo fino ad un totale di 1500-2500 individui per ettaro. La capacità di ricerca dell'ospite è notevole, e le cocciniglie vengono localizzate a distanza anche nelle condizioni dell'agrumeto.
Su piante ornamentali in serra si consiglia di iniziare i lanci con temperature notturne sopra i 16-18°C; è necessario suddividere il quantitativo di lancio in 2-3 riprese per un totale di 1-2 parassitoidi/m2.
COME SI CONSERVA
Il lancio di Leptomastix dactylopii deve essere eseguito non appena ricevuto il materiale, in quanto gli adulti sono molto sensibili agli sbalzi di temperatura.
Si consiglia quindi di non stoccare il parassitoide; se per qualche ragione il lancio dovesse essere ritardato di qualche ora conservare gli insetti a circa 15°C fino a un massimo di 24 ore.
Non esporre le confezioni alla luce diretta del sole.