INDOXACARB

NOME CHIMICO
methyl (S)-N-[7-chloro-2,3,4a,5-tetrahydro-4a-(methoxycarbonyl)indeno[1,2-e][1,3,4]oxa diazin-2-ylcarbonyl]-4'-(trifluoromethoxy)carbanilate (IUPAC)
FORMULA BRUTA
C22H17ClF3N3O7
GRUPPO CHIMICO
Ossadiazine
CENNI STORICI
Insetticida sviluppato da Du Pont Agricultural Products.
NUMERO CAS
144171-61-9 (DPX-JW062)
173584-44-6 (DPX-KN128)
NOME COMUNE
indoxacarb (BSI, ISO, ANSI)
COMPOSIZIONE
DPX-JW062 è una miscela 1:1 degli isomeri (S) attivo ed (R) inattivo.
DPX-MP062 è una miscela 3:1 degli isomeri (S) ed (R).
DPX-KN128 è l'isomero (S) puro.
DPX-KN127 è l'isomero (R) puro.
PESO MOLECOLARE
527.8
STATO FISICO
Polvere bianca.
SOLUBILITA'
In acqua 0.20 mg/l (DPX-KN128).
In acetone > 250 g/kg, in acetonitrile 139 g/l, in metanolo 103 g/l, in n-ottanolo 14,5 g/l, a 25°C (DPX-MP062)
PUNTO DI FUSIONE
88.1 °C
PRESSIONE DI VAPORE
2.5 X 10-5 mPa a 25°C.
IMPIEGHI AUTORIZZATI E INTERVALLI DI SICUREZZA (gg.)
Si riporta di seguito il riepilogo degli impieghi autorizzati e degli intervalli di sicurezza (min/max) di questa sostanza attiva così come risultano dalle etichette dei prodotti fitosanitari che la contengono da sola o in miscela con altre sostanze attive.
Colture:
Melo, pero, albicocco, pesco, nettarino7
Ciliegio14
Nocciolo35
Vite10
Pomodoro, melanzana, peperone, cetriolo, cetriolino, zucchino, melone, cocomero, zucca, cavolo broccolo, cavolo cappuccio, cavolfiore, cavolo cinese, lattuga, scarola, indivia, radicchio, cicoria3
Spinacio10
Carciofo5
Mais dolce7
Mais, barbabietola da zucchero14
Soia21
A titolo informativo, si riportano i precedenti impieghi autorizzati così come indicati nell’ultimo aggiornamento dell’allegato 5 del Decreto 27 agosto 2004:
  • Decreto 23 luglio 2008 (GU n 265 del 12-11-2008, Suppl Ord n 251):
Colture:
Melo, pero, albicocco, pesco, nettarino7
Vite10
Pomodoro, melanzana, peperone, cetriolo, cetriolino, zucchino, melone, cocomero, zucca, cavolo broccolo, cavolo cappuccio, cavolfiore, cavolo cinese, lattuga, scarola, indivia3
Spinacio, carciofo5
Mais dolce7
Mais14
LIMITI MASSIMI DI RESIDUI (in mg/kg = ppm)
  • Regolamento (UE) n. 2015/845 della Commissione del 27 maggio 2015:
Mele (+), pere, more di rovo0,5
Fragole, lamponi0,6
Drupacee, mirtilli giganti americani1
Uve da tavola e da vino2
Altra piccola frutta e bacche (esclusi mirtilli giganti americani)0,8
Banane0,2
Altra frutta0,02*
Pomodori, melanzane, cucurbitacee con buccia commestibile, cucurbitacee con buccia non commestibile,fagioli freschi (con baccello)0,5
Ravanelli, peperoni, cavoli broccoli (++), cavolfiori (++), altri cavoli a infiorescenza0,3
Cavoli cappucci, carciofi0,2
Cavoli cinesi, cardi, finocchi, rabarbaro3
Cavoli ricci, altri cavoli a foglia0,4
Cavoletti di Bruxelles0,06
Lattughe e altre insalate, comprese le brassicacee (escluse dolcetta, lattuga, rucola, foglie e germogli di brassica), spinaci e simili (esclusi spinaci)1
Dolcetta30
Lattuga3
Rucola (++), foglie e germogli di Brassica (++), spinaci, erbe fresche (escluso basilico), sedani2
Basilico15
Altri ortaggi0,02*
Fagioli (da granella), piselli da granella0,2
Altri legumi da granella0,01*
Semi di soia0,5
Semi di colza, semi di senape0,05
Semi di cotone1
Altri semi oleaginosi0,02*
Frutti oleaginosi0,02*
Cereali0,01*
5
Caffè, infusioni di erbe, cacao, carruba0,05*
Luppolo0,05*
Barbaforte o cren0,02* (+++)
Altre spezie0,05*
Barbabietole da zucchero0,1
Altre piante da zucchero0,02*
Note:
Somma di indoxacarb e del suo enantiomero R
(F) = Liposolubile
(*) Indica il limite inferiore di determinazione analitica
+) L'Autorità europea per la sicurezza alimentare ha riscontrato la mancanza di alcune informazioni relative all'idrolisi. Al momento del riesame degli LMR, la Commissione terrà conto delle informazioni indicate nella prima frase, se presentate entro il 13 luglio 2015 o, qualora tali informazioni non siano state presentate entro tale termine, della mancanza delle stesse.
(++) L' Autorità europea per la sicurezza alimentare ha riscontrato la mancanza di alcune informazioni relative alle sperimentazioni sui residui. Al momento del riesame degli LMR la Commissione terrà conto delle informazioni indicate nella prima frase se tali informazioni saranno presentate entro il 13 luglio 2015, o, qualora tali informazioni non siano presentate entro tale termine, della mancanza delle stesse.
(+++) Il livello massimo di residui applicabile al barbaforte o cren (Armoracia rusticana) nel gruppo delle spezie (codice 0840040) è quello fissato per il barbaforte o cren (Armoracia rusticana) nella categoria degli ortaggi, gruppo degli ortaggi a radice e tubero (codice 0213040), tenendo conto delle variazioni del tenore di residui conseguenti alla trasformazione (essiccatura) a norma dell'articolo 20, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 396/2005.
Il regolamento (CE) n. 396/2005 nella sua forma precedente alle modifiche introdotte dal presente regolamento continuerà ad applicarsi ai prodotti ottenuti in conformità alla normativa precedentemente vigente prima del 2 febbraio 2014 per quanto riguarda la sostanze attiva indoxacarb in e su tutti i prodotti tranne cavoli cappucci e scarola (indivia a foglie larghe).
LMR in vigore fino al 31 agosto 2008:
  • Decreto 31 marzo 2008 (GU n. 147 del 25-6-2008):
Frutta a guscio0,05 p
Mele0,5 p
Altre pomacee, albicocche, pesche (comprese le nettarine e ibridi simili)0,3 p
Uve da tavola e da vino2 p
Ribes a grappoli (rosso, nero e bianco), uva spina1 p
Banane0,2 p
Altra frutta0,02*
Pomodori, melanzane0,5 p
Peperoni, cavoli a infiorescenza0,3 p
Ravanelli, cucurbitacee con buccia commestibile, cavoli cinesi, cavoli ricci0,2 p
Cucurbitacee con buccia non commestibile, carciofi0,1 p
Cavoli cappucci3 p
Dolcetta1 p
Spinaci2
Lattuga, scarola (indivia a foglie larghe), erbe fresche2 p
Altri ortaggi0,02* p
Legumi da granella0,02* p
Semi di soia0,5 p
Altri semi oleaginosi0,05* p
Patate0,02* p
0,05* p
Luppolo0,05* p
Cereali0,02* p
Vino0,02 (n)
Note:
Somma degli isomeri S ed R.
(p) Indica che le quantità massime di residui sono state fissate provvisoriamente ai sensi dell'articolo 4, paragrafo 1, lettera f), della direttiva 91/414/CEE.
(*) Limite inferiore convenzionale di determinazione analitica
(n) Limiti massimi di residui provvisori nazionali in attesa di armonizzazione comunitaria
I nuovi limiti massimi di residui stabiliti con il Decreto 31 marzo 2008, che trovano applicazione per i trattamenti effettuati dopo l'entrata in vigore dei limiti stessi, si applicano a decorrere dal 15 giugno 2008.
REVISIONE EUROPEA
Sostanza attiva iscritta in allegato I con le seguenti disposizioni specifiche: "Se ne può utilizzare l'impiego unicamente come insetticida." (Parte A)
Riferimenti normativi:
  • Direttiva 2006/10/CE della Commissione del 27 gennaio 2006 che modifica la direttiva 91/414/CEE del Consiglio con l'iscrizione delle sostanze attive forchlorfenuron e indoxacarb.
  • Decreto 8 maggio 2006 (GU n. 170 del 24-7-2006) Inclusione delle sostanze attive «forchlorfenuron» e «indoxacarb», nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, in attuazione della direttiva 2006/10/CE della Commissione del 27 gennaio 2006.
  • Regolamento di esecuzione (UE) n. 540/2011 della Commissione del 25 maggio 2011 recante disposizioni di attuazione del regolamento (CE) n. 1107/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda l'elenco delle sostanze attive approvate
  • Regolamento di esecuzione (UE) n. 533/2013 della Commissione del 10 giugno 2013 che modifica il regolamento di esecuzione (UE) n. 540/2011 per quanto riguarda la proroga dei periodi di approvazione delle sostanze attive 1-metil-ciclopropene, clorotalonil, clorotoluron, cipermetrina, daminozide, forchlorfenuron, indoxacarb, tiofanato metile e tribenuron
ALTRE DISPOSIZIONI
  • Con il Decreto 22 luglio 2003 (G.U. n. 232 del 6.10.2003, s.o. n. 158) sono state aggiunte tra gli impieghi autorizzati le seguenti colture: albicoco, pesco, nettarino, cetriolo, cetriolino, zucchino, melone, cocomero, zucca, cavolo rapa, lattuga, cicoria, spinacio.
  • Con il Decreto 27 agosto 2004 (GU n 292 del 14 dicembre 2004, Suppl Ord n 179) sono stati aggiunti tra gli impieghi autorizzati mais e mais dolce.
  • Direttiva 2007/73/CE della Commissione del 13 dicembre 2007 che modifica alcuni allegati delle direttive 86/362/CEE e 90/642/CEE del Consiglio riguardo alle quantità massime di residui delle sostanze acetamiprid, atrazina, deltametrina, imazalil, indoxacarb, pendimetalin, pimetrozina, piraclostrobin, tiacloprid e triflossistrobina
  • Con Decreto 23 luglio 2008 è stato aggiunto il carciofo tra gli impieghi autorizzati, eliminati gli impieghi su cavoletto di Bruxelles, cavolo verza, cavolo rapa, cicoria e radicchio e portato l'intervallo di sicurezza su spinacio a 10 giorni.
  • Si segnala che il prodotto Steward ha poi ottenuto l'autorizzazione di impiego su radicchio e cicoria (esclusa cicoria witloof); inoltre l'intervallo di sicurezza su spinacio è stato portato a 10 giorni.
  • Con decreto dirigenziale 20 ottobre 2010 il prodotto Steward ha ottenuto l'estensione di impiego su ciliegio (14 gg.) e sulle colture floreali (rosa, crisantemo, gerbera, ciclamino, garofano, saintpaulia, begonia, primula).
  • Con decreto dirigenziale 30 giugno 2011 il prodotto Steward ha ottenuto l'estensione di impiego su nocciolo (35 gg.) mentre è stato eliminato l'impiego sulle colture floreali (rosa, crisantemo, gerbera, ciclamino, garofano, saintpaulia, begonia, primula).
  • Con decreto dirigenziale 23 gennaio 2012 il prodotto Steward ha ottenuto l'estensione di impiego su barbabietola da zucchero (14 gg.) e soia (21 gg.).
CAMPO DI IMPIEGO
Insetticida per la difesa di melo, pero, pesco, nettarino, albicocco, ciliegio, nocciolo, vite, peperone, pomodoro, peperone, melanzana, cetriolo, cetriolino, zucchino, melone, cocomero, zucca, cavoli (cavolo cappuccio, cavolfiore, cavolo cinese, cavolo broccolo), lattuga, scarola, indivia, cicoria, radicchio, spinacio, carciofo, mais dolce, mais da granella.
SPETTRO D'AZIONE
Specifico per la lotta contro i più comuni lepidotteri e contro le cicaline della vite.
In particolare combatte: Cydia pomonella (carpocapsa), Adoxophyes orana (capua reticulana), Argyrotaenia pulchellana (eulia), Pandemis spp (tortrice gialloverde), Archips podana (cacoecia), Cydia molesta (tignola orientale), Anarsia lineatella (anarsia), Lobesia botrana (tignoletta della vite), Eupoecilia ambiguella (tignola della vite), Empoasca vitis, Scaphoideus titanus, Metcalfa pruinosa (cicaline della vite), Spodoptera exigua e Spodoptera littoralis (nottue delle orticole), Plusia gamma (nottua del pomodoro), Helicoverpa (Heliotis) armigera (nottua del peperone), Ostrinia nubilalis (piralide del peperone e del mais), Chrysodeixis chalcites, Mamestra brassicae (nottua dei cavoli), Pieris brassicae (cavolaia), Pieris rapae (rapaiola), Plutella xylostella, Mythimna unipuncta, Vanessa cardui (vanessa del cardo), Tuta absoluta, Cacoecia pronubana (bega del garofano).
MODO D'AZIONE
Agisce prevalentemente per ingestione e contatto sulle larve (su alcune specie possiede anche attività ovicida) causando il blocco degli impulsi nervosi e provocandone la paralisi e successiva morte.
FORMULAZIONI
Granuli idrodispersibili
MODALITA' DI IMPIEGO
Dosi e modalità di impiego riferite a prodotti al 30% di p.a. sotto forma di granuli idrodispersibili.
Steward può essere applicato durante tutto il ciclo vegetativo delle colture preferibilmente a seguito di monitoraggio mediante trappole a feromoni.
  • Melo e pero: per il controllo dei tortricidi ricamatori sopramenzionati intervenire con le seguenti modalità:
  • larve svernanti: intervenire alla ripresa dell’attività trofica delle larve svernanti nella fase pre o post-fiorale. Effettuare un trattamento utilizzando 16.5 g/hl di prodotto con volumi di 10-12 hl/ha (pari a 165-198 g/ha).
  • generazioni estive: valutare l’intensità dell’attacco con l’ausilio di trappole a feromoni specifiche, intervenendo su ogni generazione dopo circa 6-8 giorni dal picco di volo, più propriamente alla schiusura delle uova-nascita delle prime larve. Utilizzare 16.5 g/hl di prodotto con volumi di 12-15 hl/ha (198-247.5 g/ha). In caso di forte o prolungata presenza larvale effettuare due applicazioni distanziate di 10 giorni.
In caso di infestazioni medio-leggere il fitofago può essere controllato con un unico intervento effettuato alla comparsa delle prime larve.
Per il controllo di C. pomonella utilizzare 16.5 g/hl con volumi di acqua compresi tra 10 e 15 hl/ha (165-247.5 g/ha), intervenendo in prossimità della schiusura delle prime uova. Si raccomanda l’inserimento di Steward in un programma di trattamenti che comprenda anche l’impiego di altri prodotti (ovicidi e/o larvicidi) aventi differente modo d’azione, al fine di controllare il fitofago in tutte le fasi di sviluppo. Si consiglia di porre particolare cura al controllo della prima generazione, al fine di scongiurare infestazioni estive (seconda e terza generazione) di difficile contenimento.
Per il controllo di C. molesta: utilizzare 16.5 g/hl con volumi di acqua compresi tra 10 e 15 hl/ha (165-247.5 g/ha), intervenendo in prossimità della schiusura delle prime uova. In situazione di infestazione elevata e/o prolungata, si raccomanda l’inserimento di Steward in uno specifico programma comprendente anche l’uso di prodotti con differente meccanismo d’azione (ovicidi e/o larvicidi), al fine di controllare il fitofago in tutte le fasi del suo sviluppo.
Per il controllo di O.nubilalis: utilizzare 16.5 g/hl con volumi di acqua compresi tra 10 e 15 hl/ha (165-247.5 g/ha), intervenendo in prossimità della schiusura delle prime uova. Ripetere l’applicazione dopo 10 giorni monitorando la pressione del parassita.
Su colture in produzione e con volumi di acqua inferiori o uguali a 10 hl/ha, applicare comunque una dose minima di Steward corrispondente a 165 g/ha.
Effettuare massimo 4 applicazioni per anno.
  • Pesco, Nettarine: per il controllo di C. molesta, A. orana e A. lineatella utilizzare 16.5 g/hl con volumi di acqua compresi tra 10 e 15 hl/ha (pari a 165-247.5 g/ha), intervenendo in prossimità della schiusura delle uova o sulla generazione svernante (A. lineatella e A. orana). Nei confronti di C. molesta ed A. lineatella, in situazioni di infestazioni elevate e/o prolungate su varietà medio-tardive e tardive, si raccomanda l’inserimento di Steward in uno specifico programma comprendente anche l’uso di prodotti aventi differente meccanismo d’azione (ovicidi e/o larvicidi).
Su colture in produzione e con volumi di acqua inferiori o uguali a 10hl/ha, applicare comunque una dose minima di Steward corrispondente a 165 g/ha.
Effettuare massimo 4 applicazioni per anno.
  • Albicocco: per il controllo di C. molesta, A. orana e A. lineatella utlizzare 16.5 g/hl con volumi di acqua compresi tra 10 e 12 hl/ha (pari a 165-198 g/ha), intervenendo in prossimità della schiusura delle uova o sulla generazione svernante (A. lineatella e A. orana).
Su colture in produzione e con volumi di acqua inferiori o uguali a 10hl/ha, applicare comunque una dose minima di Steward corrispondente a 165 g/ha.
Effettuare massimo 2 applicazioni per anno.
  • Ciliegio: per il controllo di A. Pulchellana, A. orana, Archips spp. e lepidotteri geometridi utlizzare 16.5 g/hl con volume di acqua pari a 10 hl/ha, intervenendo in prossimità della schiusura delle uova o sulla generazione svernante. Su colture in produzione e con volumi di acqua inferiori o uguali a 10 hl/ha, applicare comunque una dose minima di Steward corrispondente a 165 g/ha.
Effettuare massimo 2 applicazioni per anno.
Vite da vino: per il controllo di E. ambiguella e L. botrana ; in 1^ generazione utilizzare 15 g/hl con volumi d’acqua compresi tra 10 e 12 hl/ha (pari a 150-180 g/ha), effettuando 1 trattamento in pre-fioritura alla comparsa delle prime larvette; in 2^ e 3^ generazione utilizzare 15 g/hl effettuando 1 o 2 applicazioni in funzione del grado di infestazione o della contemporanea presenza di entrambi i fitofagi. L’intervento unico va’ effettuato tra la fase di ovideposizione (3-7 giorni dopo l’inizio delle catture) e lo stadio di sviluppo embrionale detto di “testa nera”. In caso di doppia applicazione effettuare la prima durante la fase di ovideposizione e la seconda 8-10 giorni dopo.
Vite da tavola: per il controllo di E. ambiguella e L. botrana ; in 1^ generazione utilizzare 15 g/hl con volumi d’acqua di 10 hl/ha (pari a 150 g/ha), effettuando 1 trattamento in pre-fioritura alla comparsa delle prime larvette; in 2 ^ e 3 ^ generazione utilizzare 15 g/hl (150 g/ha), effettuando 2 applicazioni, la prima delle quali durante la fase di ovideposizione (3-7 giorni dopo l’inizio delle catture) e la seconda 7-10 giorni dopo.
Cicaline: sia su vite da vino che vite da tavola le applicazioni suggerite per il controllo delle tignole in seconda generazione controllano efficacemente le principali cicaline presenti nel vigneto (E. vitis, S. titanus, M. pruinosa).
Su colture in produzione e con volumi di acqua inferiori o uguali a 10hl/ha, applicare comunque una dose minima di Steward corrispondente a 125 g/ha.
Effettuare massimo 3 applicazioni per anno.
  • Nocciolo: per il controllo di C. nucum, Nezara viridula e Palomina prasina, utilizzare 16.5 g/hl con volumi di acqua compresi tra 10 e 15 hl/ha effettuando il trattamento alla comparsa del parassita.
Effettuare 1 sola applicazione per anno.
  • Pomodoro, peperone e melanzana: per il controllo di P. gamma. utilizzare 85 g/ha, mentre per quello di H. armigera., S. exigua, S.littoralis, O. Nubilalis, C. chalcites e Tuta absoluta utilizzare 125 g/ha in 5-10 hl/ha ; iniziare le applicazioni alla fase di schiusura delle uova o su larve ai primissimi stadi di sviluppo ed effettuare gli eventuali successivi trattamenti ad intervallo di 8-10 giorni.
Effettuare massimo 4 applicazioni per anno.
  • Cetriolo, cetriolino, zucchino, melone, cocomero, zucca: per il controllo di H.armigera, S. littoralis, S. exigua, C. chalcites, M. unipuncta, P. gamma, utilizzare 125 g/ha disciolti in 5-10 hl/ha; iniziare le applicazioni nella fase di schiusura delle uova o su larve ai primissimi stadi di sviluppo ed effettuare gli eventuali successivi trattamenti ad intervallo di 7-10 giorni.
Effettuare massimo 3 applicazione per anno.
  • Cavolo cappuccio, cavolfiore, cavolo cinese, broccoli: per il controllo di M. brassicae, P. brassicae, P. rapae e P. xylostella utilizzare 85 g/ha disciolti in 3-7 hl/ha ; iniziare le applicazioni nella fase di schiusura delle uova o su larve ai primissimi stadi di sviluppo ed effettuare gli eventuali successivi trattamenti adottando un intervallo di 8-10 giorni.
Effettuare massimo 3 applicazioni per anno.
  • Lattuga, scarola, indivia, cicoria, radicchio: per il controllo di H armigera, S. littoralis, C. chalcites e M. unipuncta utilizzare 125 g/ha disciolti in 3-7 hl/ha; iniziare le applicazioni nella fase di schiusura delle uova o su larve ai primissimi stadi di sviluppo ed effettuare gli eventuali successivi trattamenti ad intervallo di 8-10 giorni.
Effettuare massimo 3 applicazioni per anno.
  • Spinacio: per il controllo di S. littoralis, S. exigua, M. brassicae, P. gamma utilizzare 125 g/ha disciolti in 5-6 hl/ha; iniziare le applicazioni nella fase di schiusura delle uova o su larve ai primissimi stadi di sviluppo ed effettuare gli eventuali successivi trattamenti ad intervallo di 7-10 giorni.
Effettuare massimo 3 applicazioni per anno.
  • Carciofo: per il controllo di S. littoralis, M. brassicae, V. cardui utilizzare 125 g/ha disciolti in 8-10 hl/ha; iniziare le applicazioni nella fase di schiusura delle uova o su larve ai primissimi stadi di sviluppo ed effettuare gli eventuali successivi trattamenti ad intervallo di 7-10 giorni.
Effettuare massimo 2 applicazioni per anno.
  • Mais da granella: per il controllo di O. nubilalis e lepidotteri nottuidi utilizzare 125 g/ha disciolti in 4-10 hl/ha bagnando bene la vegetazione. Con riferimento al monitoraggio dei voli, iniziare le applicazioni alla schiusura delle prime uova e prima della penetrazione delle larve.
Effettuare massimo 2 applicazioni di Steward per anno, alternandole con insetticidi aventi differente modo d’azione.
  • Mais Dolce: per il controllo di O. nubilalis utilizzare 125 g/ha disciolti in 700 – 800 l di acqua/ha se si impiegano attrezzature ad alto volume.
Con irroratrici specifiche a manica d’aria e con carica elettrostatica è possibile utilizzare anche volumi più bassi, fino a 400 l/ha.
Si raccomanda in ogni caso di bagnare bene la vegetazione.
Iniziare le applicazioni alla schiusura delle prime uova e prima della penetrazione delle larve.
Effettuare le applicazioni a distanza di circa 8-10 giorni. Si consiglia di inserire i trattamenti con Steward all’interno di un programma di difesa che contempli principi attivi a diverso meccanismo d’azione.
Effettuare massimo 2 applicazioni per anno.
Avvertenze agronomiche: allo scopo di evitare la comparsa di fenomeni di resistenza e’ consigliabile alternare prodotti aventi differente meccanismo d’azione. Si consiglia di non effettuare il trattamento in caso di pioggia imminente.
COMPATIBILITA'
Non è compatibile con formulati a reazione alcalina.
ALTRE NOTIZIE
Selettivo nei confronti dei principali artropodi utili.
Risulta attivo anche alle alte temperature.
Indoxacarb (somma di indoxacarb e del suo enantiomero R)
(F) = Liposolubile
INFORMAZIONI PER IL MEDICO
Informazioni di pronto soccorso
  • In caso di inalazione: portare all'aria aperta. Se necessario somministrare ossigeno o praticare la respirazione artificiale. Consultare immediatamente il medico. - In caso di prolungato contatto con la pelle: lavare immediatamente ed abbondantemente con acqua e sapone. - In caso di contatto con gli occhi: risciacquare immediatamente ed abbondantemente con acqua, anche sotto le palpebre, per almeno 15 minuti. Se necessario, consultare un medico. - In caso di ingestione: bere 1 o 2 bicchieri di acqua. Non provocare il vomito senza il parere di un medico. Non somministrare nulla per via orale ad una persona in stato di incoscienza. In caso di malessere, consultare un medico (se possibile, mostrargli l'etichetta).
Terapia: sintomatica. Consultare un Centro Antiveleni.
DL 50 orale acuta ratto maschio 1732 mg/kg (DPX-MP062)
DL 50 orale acuta ratto femmina 268 mg/kg (DPX-MP062)
DL 50 dermale acuta coniglio > 5000 mg/kg (DPX-MP062)
Irritazione dermale (coniglio): non irritante (DPX-MP062)
Irritazione oculare (coniglio): non irritante (DPX-MP062)
CL 50 inalatoria ratto > 2 mg/l (DPX-KN128)
Tossicità per gli uccelli:
DL 50 orale acuta Colinus virginianus 98 mg/kg (DPX-MP062)
CL 50 (5 gg.) Anas platyrhnynchos > 5620 ppm (DPX-MP062)
CL 50 (5 gg.) Colinus virginianus 808 ppm (DPX-MP062)
Tossicità per i pesci ed altri organismi acquatici:
CL 50 (96 h) Lepomis macrochirus 0.9 ml/l (DPX-MP062)
CL 50 (96 h) Salmo gairdneri 0.65 mg/l (DPX-MP062)
CL 50 (48 h) Daphnia 0.60 mg/l (DPX-MP062)
Tossicità per le api:
DL 50 orale 23.33 µg/ape (DPX-MP062)
DL 50 contatto 1.34 µg/ape (DPX-MP062)
Prodotti contenenti INDOXACARB
STEWARDInsetticida di Du pont de nemours...
Altri prodotti