(Z)-8-DODECEN-1-OLO

Componente della miscela feromonica impiegata per il monitoraggio, per la
confusione sessuale o per il disorientamento dei maschi di Cydia molesta
(Tignola orientale del pesco), fitofago che puo' attaccare sia il pesco che le
pomacee.

IMPIEGHI AUTORIZZATI E INTERVALLI DI SICUREZZA (gg)

- Decreto 27 agosto 2004 (GU n 292 del 14 dicembre 2004, Suppl Ord n 179):
Pomacee, pesco, pesco da percoche,

pesco da nettarine--
Note:
Applicazione mediante diffusori sui rami
LIMITI MASSIMI DI RESIDUI (mg/kg = ppm)
- Decreto 27 agosto 2004 (GU n 292 del 14 dicembre 2004, Suppl Ord n 179):
Pomacee, pesche-- (1)
Note:
(1) Esente dall'indicazione

AGRICOLTURA BIOLOGICA

Feromoni: sostanze attive utilizzabili in agricoltura biologica a norma del regolamento (CEE) n. 2092/91 poi abrogato e sostituito dal regolamento (CE) n. 834/2007 del 28 giugno 2007 che ne ha confermato l'uso in agricoltura biologica (vedi allegato II del regolamento (CE) n. 889/2008 poi modificato con regolamento n. 354/2014 dell'8 aprile 2014).
Descrizione, requisiti di composizione, condizioni per l'uso: Sostanze attrattive; sostanze che alterano il comportamento sessuale; solo in trappole e distributori automatici. Prodotti specificati nell'allegato del regolamento di esecuzione (UE) n. 540/2011 della Commissione (numeri 255, 258 e 259).

ALTRE DISPOSIZIONI

- Direttiva 2008/127/CE della Commissione del 18 dicembre 2008 recante modifica della direttiva 91/414/CEE del Consiglio per includervi alcune sostanze attive
Questa sostanza attiva è stata iscritta in allegato I con le seguenti disposizioni specifiche (Parte A): possono essere autorizzati soltanto gli usi come sostanza attrattiva.
- DECRETO 22 aprile 2009 (GU n. 147 del 27-6-2009)
Inclusione di alcune sostanze attive nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, in attuazione della direttiva 2008/127/CE del 18 dicembre 2008 della Commissione. (09A07225)

Componente della miscela feromonica impiegata per il monitoraggio, per la
confusione sessuale o per il disorientamento dei maschi di Cydia molesta
(Tignola orientale del pesco), fitofago che puo' attaccare sia il pesco che le
pomacee.
CONFUSIONE SESSUALE (mating disruption)
La confusione sessuale è una tecnica che impiega i feromoni secondo il principio per il quale in un ambiente con un'elevata concentrazione di feromone, i maschi non riescono a localizzare le femmine il cui richiamo naturale viene "mascherato". La perdita di sensibilità dei maschi ai richiami delle femmine avviene, in vicinanza della fonte di emissione, anche per "affaticamento" dei sensilli chemiorecettori olfattivi, saturati dall'eccessiva concentrazione di feromone. La concentrazione elevata crea nel frutteto una sorta di "cappa" o "nube" di feromone che nasconde le scie naturali emesse dalle femmine e in tale situazione i maschi non riconoscono nessuna pista odorosa.
Il risultato è una drastica riduzione degli accoppiamenti e quindi della densità di popolazione larvale nella generazione successiva.
Per attuare il metodo della confusione sessuale vengono applicati in campo erogatori di diversa fattura e materiale impregnati con la miscela feromonica specifica per l'insetto che si vuole confondere. Il numero dei diffusori da distribuire in campo, sui rami, prima dell'inizio del volo della specie da controllare, varia, a seconda del tipo, da un minimo di 300 a un massimo di 1000 per ettaro e la quantità di feromone è di circa 100-200 g per ettaro, distribuita con una o due applicazioni. Importante è realizzare un'uniforme distribuzione degli erogatori sulle piante (in particolare nelle parti alte della chioma) in modo da non lasciare zone a minore concentrazione di feromone nelle quali il maschio può individuare le femmine ed accoppiarsi. Il metodo ha maggiori probabilità di successo con basse densità di popolazione del fitofago e quando interessa ampie superfici, a corpo unico o ancora meglio a livello di comprensorio.
DISORIENTAMENTO SESSUALE (false trails following)
Con questa tecnica, denominata anche "distrazione sessuale" si cerca di non permettere la localizzazione delle femmine da parte dei maschi creando nel frutteto una competizione tra segnali naturali e artificiali.
Il metodo è anche definito delle "false tracce o dei falsi richiami" (false trails following) e viene realizzato ponendo nel frutteto, prima dell'inizio del volo dell'insetto bersaglio, un numero di erogatori relativamente elevato ciascuno dei quali ha un potere attrattivo superiore a quello esercitato dalle femmine vergini. La tecnica è stata introdotta nel 1999 con gli erogatori a gancetto ECODIAN, oggi disponibili per la lotta su pesco, contro Cydia molesta e Anarsia lineatella, separatamente o nella versione "Combi" per entrambi i fitofagi; sul susino contro Cydia funebrana (su pomacee contro Cydia molesta. Dal 2003 gli erogatori ECODIAN sono impiegabili su pomacee, sia per la lotta contro Cydia pomonella sia, con il formulato "Star", per combattere contemporaneamente anche la Cydia molesta.
Ciascun diffusore contiene una quantità molto ridotta di feromone (ca. 10 mg),
corrispondente a una dose per ettaro e per applicazione di 20-30 g.
In queste condizioni i maschi sono sempre in grado di riconoscere le scie di
feromone naturali ma vengono "distratti" da quelle artificiali che impediscono
loro di raggiungere le femmine e di accoppiarsi. La distrazione sessuale
ha il vantaggio di essere una tecnica versatile in quanto applicabile anche su superfici relativamente ridotte e in zone collinari. Il numero minimo di erogatori è 2000 per ettaro, per frutteti di superficie adeguata (> 1 ha) e con dimensione regolare, piante di media altezza e vigore e con non elevate densità di popolazione dei fitofagi. Con la distrazione sessuale, a differenza della confusione, un'eventuale situazione di rischio di danno è meglio segnalata
dalle catture nelle trappole Traptest o Carpotrap poste all'interno dell'appezzamento. Siccome gli erogatori standard messi nelle trappole hanno una capacità attrattiva che compete con quella esercitata da una femmina
vergine, la cattura anche di pochi maschi significa che le piste naturali non sono più mascherate dalle scie artificiali rilasciate dai diffusori ECODIAN e quindi possono avvenire gli accoppiamenti. Il regolare controllo delle trappole, che devono essere tenute pulite ed efficienti e non rilevare catture finchè persistono le condizioni di disorientamento, va sempre affiancato a periodiche osservazioni in campo su germogli e frutti.
A differenza della confusione sessuale, il disorientamento permette, nell'anno successivo a quello dell'impiego, di adottare eventuali altre tecniche di difesa in quanto viene mantenuta la capacità attrattiva delle trappole per il monitoraggio, non avendo i diffusori rimasti in campo effetto residuale.
Il metodo ha maggiori probabilità di successo con basse densità di popolazione, come avviene anche per la confusione sessuale, aumentando il numero
degli erogatori per ettaro in funzione dell'altezza e dello sviluppo vegetativo delle piante e assicurando la loro uniforme distribuzione nel frutteto.
Un esclusivo vantaggio ecologico degli erogatori ECODIAN è quello di essere biodegradabili nel terreno essendo realizzati in Mater-Bi, un materiale a base
di amido di mais. Questa caratteristica evita problemi di accumulo nel frutteto quando l'impiego è ripetuto negli anni.
Da: Schiaparelli A., Reggiori F., Rama F., Ponti G.L. - FEROMONI E TRAPPOLE Guida per un corretto impiego in frutticoltura e viticoltura. Edizioni L'Informatore Agrario, 2004, Verona, 188 pp.
Giorni di carenza
Pesche0
Pomacee0