PETOXAMIDE

NOME CHIMICO
(2-chloro-N-(2-ethoxyethyl)-N-(2-methyl-1-phenylprop-1-enyl) acetamide)
FORMULA BRUTA
C16 H22 Cl NO2
GRUPPO CHIMICO
Cloroacetamide
CENNI STORICI
Erbicida introdotto in Italia da Siapa nel 2008. La molecola è stata sviluppata da Tokuyama in collaborazione con Stähler International GmbH per il mercato europeo.
NOME COMUNE
pethoxamide
STATO FISICO
Solido rosso bruno.
DENSITA'
1.19
PH
3,32
SOLUBILITA'
In acqua 0,401 g/l
PUNTO DI FUSIONE
37-38°C
PRESSIONE DI VAPORE
3,4 x 10-4 Pa a 25°C
LOG POW
2.96 (n-octanol /acqua)
INFIAMMABILITA'
299°C a 1015 mbar (temperatura di autoaccensione)
IMPIEGHI AUTORIZZATI E INTERVALLI DI SIKCUREZZA (gg.)
  • Decreto 23 luglio 2008 (GU n 265 del 12-11-2008, Suppl Ord n 251):
Soia--
Mais--
Note:
Impiego in pre-emergenza o post-emergenza precoce.
LIMITI MASSIMI DI RESIDUI (mg/kg = ppm)
LMR in vigore dal 1 settembre 2008 come da Regolamento (CE) n 149/2008 della Commissione del 29 gennaio 2008:
Frutta0,01*
Ortaggi0,01*
Legumi da granella0,01*
Semi e frutti oleaginosi0,01*
Cereali0,01*
Tè, caffè, infusioni di erbe e cacao0,02*
Luppolo0,02*
Spezie0,02*
Piante da zucchero0,01*
Note:
(*) Indica il limite inferiore di determinazione analitica
LMR in vigore fino al 31 agosto 2008:
  • Decreto 22 gennaio 2008 (GU n. 84 del 9-4-2008):
Frutta0,01*
Ortaggi0,01*
Legumi da granella0,01*
Semi oleaginosi0,01*
Patate0,01*
0,02*
Luppolo0,02*
Cereali0,01*
Note:
La quantità massima di residui è stata fissata provvisoriamente a norma dell'art 4, paragrafo 1, lettera f), della 91/414/CEE. Salvo modifica, tale quantità massima diverrà definitiva il 25 ottobre 2011.
(*) Limite inferiore convenzionale di determinazione analitica
I nuovi limiti massimi di residui, che trovano applicazione per i trattamenti effettuati dopo l'entrata in vigore dei limiti stessi, si applicano a decorrere dal 6 aprile 2008 (art 1, comma 5, Decreto 22 gennaio 2008).
REVISIONE EUROPEA
Sostanza attiva approvata a norma del regolamento (CE) n. 1107/2009 con la seguente disposizione specifica (Parte A): "Possono essere autorizzati solo gli usi come erbicida."
Riferimenti normativi:
  • Direttiva 2006/41/CE della Commissione del 7 luglio 2006 che modifica la direttiva 91/414/CEE del Consiglio con l'iscrizione delle sostanze attive clothianidin e petoxamide.
  • Decreto 10 novembre 2006 (GU n. 32 del 8-2-2007) Inclusione delle sostanze attive clothianidin e petoxamide nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, in attuazione della direttiva 2006/41/CE della Commissione del 7 luglio 2006.
  • Regolamento di esecuzione (UE) n. 540/2011 della Commissione del 25 maggio 2011 recante disposizioni di attuazione del regolamento (CE) n. 1107/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda l'elenco delle sostanze attive approvate
  • Regolamento di esecuzione (UE) n. 1136/2013 della Commissione del 12 novembre 2013 che modifica il regolamento di esecuzione (UE) n. 540/2011 per quanto riguarda la proroga dei periodi di approvazione delle sostanze attive clothianidin, dimossistrobina, oxamil e petoxamide
CAMPO DI IMPIEGO
Diserbo di mais e soia.
SPETTRO D'AZIONE
Controlla le principali infestanti graminacee (Digitaria spp, Echinochloa crus-galli, Poa annua, Setaria spp, Sorghum halepense, Panicum miliaceum, Panicum spp.) e numerose dicotiledoni (Galinsoga parviflora, Lamium spp, Matricaria spp, Amaranthus spp, Ambrosia spp, Chenopodium spp, Datura stramonium, Solanum nigrum, Stellaria media, Polygonum spp, Portulaca oleracea, Abuthilon theophrasti, Papaver rhoeas, Poligonum aviculare).
MODO D'AZIONE
Pethoxamide viene assorbita principalmente dall'ipocotile, dai giovani germogli e dalle radici. Grazie alla sua selettività non risulta necessaria l'aggiunta di antidoti particolari. Per esplicare al massimo le proprie potenzialità, Pethoxamide necessita di una precipitazione, entro 15-20 giorni dall'applicazione, che ne attivi l'azione erbicida.
FORMULAZIONI
Concentrato emulsionabile (formulato da solo)
Suspoemulsione (formulato in miscela con terbutilazina)
MODALITA' DI IMPIEGO
Modalità e dosi di impiego riferite a prodotti sotto forma di concentrato emulsionabile (600 g/l di p.a.).
  • Impiego su mais in pre-emergenza
1,5-2 l/ha, contro infestanti graminacee e principali dicotiledoni (Amaranto, Chenopodio, etc .).
Per completare lo spettro d'zione si consigliano miscele con prodotti a base di isoxaflutole + terbutilazina, pendimetalin.
  • Impiego su soia in pre-emergenza
1,5-2 l/ha, contro infestanti graninacee e principali dicotiledoni (Amaranto, Chenopodio, etc.).
Per completare lo spettro d'azione si consigliano miscele con prodotti a base di metribuzin, pendimetalin, linuron.
Pethoxamide agisce allo stesso modo delle altre sostanze attive appartenenti alla stessa famiglia (cloroacetamidi): inibisce la biosintesi degli acidi grassi e delle proteine, interrompendo cosi' la divisione cellulare e l'allungamento dei tessuti.
Dissipazione nel suolo, DT50 22 - 24 giorni (1)
Dissipazione nel suolo, DT90 73 - 78 giorni (1)
Degradazione nel sistema acqua/sedimento, DT50 5 - 10 giorni (2)
Fotodegradazione in acqua, DT50 49 giorni (2)
Fotolisi nel terreno, DT50 71 giorni (2)
Idrolisi (2) stabile a pH 5,7 e 9
(1 prove di campo)
(2 prove di laboratorio)
Tossicità acuta orale, LD50, (ratto) 1196 mg/kg
Tossicità acuta dermale, LD50, (ratto) > 2000 mg/kg
Tossicità acuta inalatoria, LD50, (ratto) > 4,16 mg/l
Irritazione cutanea e oculare (coniglio) Non irritante
Test di sensibilizzazione cutanea Sensibilizzante
CL50 trota 96 ore 2,2 mg/l
CE50 daphnia 48 ore 23 mg/l
CL50 lombrico 14 giorni 435 mg/kg