SPIROMESIFEN

NOME CHIMICO
Spiromesifen (ISO)
Butanoic acid, 3,3-dimethyl-, 2-oxo-3-(2,4,6-trimethylphenyl)-1-oxaspiro [4,4]non-3-en–4-yl ester (CAS)
FORMULA BRUTA
C23H30O4
GRUPPO CHIMICO
Famiglia chimica derivati degli acidi tetronici spirociclici
CENNI STORICI
Acaricida insetticida introdotto da Bayer Cropscience in Italia nel 2012
NUMERO CAS
283594-90-1
PESO MOLECOLARE
370.48
SOLUBILITA'
Solubilitá in acqua 0,13 mg/L a 20°C
Solubilitá in solventi organici (g/L a 20°C):
N-eptano 23
Diclorometano >250
2-propanolo 110
Xilolo >250
Polietilenglicole 22
PUNTO DI FUSIONE
98,7 °C
PRESSIONE DI VAPORE
7 x 10-6 Pa a 20°C
DENSITA'
1,13 g/cm3 a 20°C
COEFFICIENTE DI RIPARTIZIONE OTTANOLO-ACQUA
Log Pow 4,55 a 20°C
IMPIEGHI AUTORIZZATI E INTERVALLO DI SICUREZZA (gg.)
Si riporta di seguito il riepilogo degli impieghi autorizzati e degli intervalli di sicurezza (min/max) di questa sostanza attiva così come risultano dalle etichette dei prodotti fitosanitari che la contengono da sola o in miscela con altre sostanze attive.
Fragola3
Pomodoro, peperone, melanzana3
Cetriolo, zucchino, melone, cococmero, zucca3
Fagiolino3
Note: impiego solo in coltura protetta
LIMITI MASSIMI DI RESIDUI (mg/kg = ppm)
  • Regolamento (UE) n. 500/2013 della Commissione del 30 maggio 2013:
Fragole, passiflore, papaie1
Altra frutta0,02*
Pomodori, fagioli (con baccello)1
Peperoni, melanzane0,5
Cetrioli, cetriolini, zucchine, cucurbitacee con buccia non commestibile0,3
Altri ortaggi0,02*
Legumi da granella0,02*
Semi e frutti oleaginosi0,02*
Cereali0,02*
50
Caffè, infusioni di erbe e cacao0,02*
Luppolo0,02*
Spezie (esclusa altra frutta e bacche)0,02*
Altra frutta e bacche0,05
Piante da zucchero0,02*
Note:
(*) Indica il limite inferiore di determinazione analitica
REVISIONE EUROPEA
Sostanza attiva approvata a norma del regolamento (CE) n. 1107/2009, con le seguenti disposizioni specifiche: "Per l’applicazione dei principi uniformi di cui all’articolo 29, paragrafo 6 del regolamento (CE) n. 1107/2009 si deve tener conto delle conclusioni del rapporto di riesame sullo spiromesifen, in particolare delle relative appendici I e II, nella versione definitiva elaborata dal comitato permanente per la catena alimentare e la salute degli animali il 15 marzo 2013. In tale valutazione globale gli Stati membri prestano particolare attenzione ai seguenti aspetti: — i rischi a lungo termine per gli invertebrati acquatici; — il rischio per gli imenotteri pronubi e gli artropodi non bersaglio qualora l’esposizione non sia trascurabile; — la protezione dei lavoratori e degli operatori. Le condizioni d’impiego comprendono all’occorrenza misure di attenuazione dei rischi. Il richiedente presente informazioni di conferma per quanto riguarda il ricalcolo della concentrazione prevista nelle acque sotterranee (PECGW) con uno scenario FOCUS GW adattato agli usi indicati e utilizzando un valore Q10 di 2,58. Il richiedente comunica tali informazioni alla Commissione, agli Stati membri e all’Autorità entro il 30 settembre 2015.
Riferimenti normativi:
  • Regolamento di esecuzione (UE) n. 375/2013 della Commissione del 23 aprile 2013 che approva la sostanza attiva spiromesifen, a norma del regolamento (CE) n. 1107/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo all’immissione sul mercato dei prodotti fitosanitari e che modifica l’allegato del regolamento di esecuzione (UE) n. 540/2011 della Commissione
  • Decreto 25 marzo 2014 (GU n. 109 del 13-5-2014) Ri-registrazione provvisoria dei prodotti fi tosanitari a base della sostanza attiva spiromesifen approvata con regolamento (UE) n. 375/2013 della Commissione, in conformità al regolamento (CE) n. 1107/2009 e recante modifi ca dell’allegato del regolamento di esecuzione (UE) n. 540/2011.
ALTRE DISPOSIZIONI
  • Si segnala che con Decreto 5 febbraio 2013 il prodotto Oberon (reg. n. 14136) ha ottenuto l'estensione di impiego su cocomero, melone e zuccca.
CAMPO DI IMPIEGO
Acaricida insetticida specifico per la difesa delle colture protette: pomodoro, peperone, melanzana, cetriolo, zucchino, melone, cococmero, zucca, fragola, fagiolino.
SPETTRO D'AZIONE
Ragnetto rosso coune (Tetranychus urticae) e Aleurodidi (Trialeurodes vaporariorum, Bemisia tabaci).
Sugli acari il prodotto esplica la sua azione su tutti gli stadi di sviluppo:
• stadi giovanili (larve, ninfe): inibisce il processo di muta;
• femmine adulte: interferisce con la formazione e la deposizione delle uova;
• uova: blocca la schiusura
Sugli aleurodidi agisce principalmente sugli stadi giovanili (neanidi e ninfe) e manifesta parziale attività ovicida. L’azione adulticida è limitata
MODO D'AZIONE
Agisce principalmente per contatto e parzialmente per ingestione ed è dotato anche di attività translaminare.
E' caratterizzato da una lunga durata della protezione.
MODALITA' DI IMPIEGO
Modalità e dosi di impiego riferite a prodotti al 22,9% (240 g/l) di s.a. sotto forma di sospensione concentrata
Per esclusivo impiego in serra.
  • Pomodoro, peperone, melanzana, cetriolo, zucchino: contro acari tetranichidi (Tetranychus urticae) utilizzare 45-60 ml/hl di prodotto (0,45-0,9 l/ha di prodotto in 1000-1500 l/ha di acqua in relazione allo sviluppo vegetativo della coltura); contro aleurodidi (Trialeurodes vaporariorum, Bemisia tabaci) utilizzare 60 ml/hl di prodotto (0,6-0,9 l/ha di prodotto in 1000-1500 l/ha di acqua in relazione allo sviluppo vegetativo della coltura).
  • Melo,e cocomero, fragola, fagiolino: contro acari tetranichidi (Tetranychus urticae) utilizzare 45-60 ml/hl di prodotto (0,45-0,6 l/ha di prodotto in 1000 l/ha di acqua); contro aleurodidi (Trialeurodes vaporariorum, Bemisia tabaci) utilizzare 60 ml/hl di prodotto (0,6 l/ha di prodotto in 1000 l/ha di acqua).
  • Zucca: contro acari tetranichidi (Tetranychus urticae) utilizzare 45-50 ml/hl di prodotto (0,45-0,5 l/ha di prodotto in 1000 l/ha di acqua); contro aleurodidi (Trialeurodes vaporariorum, Bemisia tabaci) utilizzare 50 ml/hl di prodotto (0,5 l/ha di prodotto in 1000 l/ha di acqua).
Intervenire alla comparsa degli stadi giovanili degli artropodi nocivi, ripetendo l’applicazione dopo almeno 10 giorni, se necessario.
Effettuare al massimo 2 applicazioni peer anno su zucca e 4 applicazioni per anno sulle altre colture.
Avvertenze: il prodotto si impiega da solo.
FITOTOSSICITA'
Dato l’ampio numero e la continua introduzione di nuove varietà di colture orticole, si consiglia di effettuare saggi preliminari di selettività su alcune piante prima di trattare tutta la coltura.
ALTRE NOTIZIE
Grazie alla selettività nei confronti dei bombi e degli organismi utili, è ideale per i programmi di difesa integrata comprendenti l’impiego di pronubi e antagonisti naturali.
Per il nuovo meccanismo d’azione il prodotto risulya anche idoneo per la gestione di programmi antiresistenza.
Peculiarità di questo prodotto è la contemporanea efficacia elevata e duratura sia contro gli acari che gli aleurodidi che permette i ridurre il numero di trattamenti con vantaggi ambientali ed economici.
Spiromesifen agisce sugli organismi target impedendo il completamento della muta con l'inibizione della lipogenesi a livello dell'acetil CoA-carbossilasi. Questo è l'enzima che governa la biosintesi delle lunghe catene di acidi grassi che costituiscono i lipidi. Spiromesifen, grazie alla spiccata lipofilia, si lega alle cere delle foglie e successivamente penetra e si distribuisce nel mesofillo fino a raggiungere la pagina fogliare opposta.
PROFILO TOSSICOLOGICO DEL FORMULATO (22,9% di s.a. (240 g/l) sotto forma di sospensione concentata)
Tossicità orale acuta su ratto DL50 > 2.500 mg/kg
Tossicità dermale acuta su ratto DL50 > 4.000 mg/kg
Tossicità inalatoria (4 ore) su ratto CL50 > 2.759 mg/m3 aria (massima concentrazione ottenibile)
Irritazione cutanea e oculare su coniglio: non irritante
Sensibilizzazione cutanea su porcellino d’India: sensibilizzante
Neurotossità (sostanza attiva): non neurotossico
Tossicità cronica (sostanza attiva): non cancerogeno, non mutageno, non tossico per la riproduzione
PROFILO AMBIENTALE ED ECOTOSSICOLOGICO
Comportamento nel suolo: non percolante
Comportamento nell’acqua: rapida degradazione sia in acqua sterile che in sistema acqua-sedimento.
Tossicità per i pesci: CL50 96 h: 0,0155 mg s.a./L (trota iridea (Oncorynchus mykiss))
Tossicità per la dafnia (Daphnia magna): EC50 48 h: > 0,0923 mg s.a./L
Tossicità per le alghe: ErC50 72 h: > 0,094 mg s.a./L (Pseudokirchneriella subcapitata)
Tossicità per gli uccelli (Colinus virginianus): DL50 > 2.000 mg s.a./kg
Tossicità per i lombrichi (Eisenia foetida): 14 giorni CL50 > 1000 mg s.a./kg terreno
Microorganismi del terreno: Nessuna influenza sui microorganismi responsabili della trasformazione dell’azoto e del carbonio esposti ad una dose di 2,160 kg s.a./ha
Tossicità per impollinatori e insetti utili:
Selettivo per la maggior parte delle specie esaminate
Note: informazioni fornite a titolo indicativo tratte dalla brochure di Bayer Cropscience rlativa al prodotto Oberon (anno 2012)
Prodotti contenenti SPIROMESIFEN