CIFLUFENAMID

IMPIEGHI AUTORIZZATI E INTERVALLO DI SICUREZZA (gg.)
Si riporta di seguito il riepilogo degli impieghi autorizzati e degli intervalli di sicurezza (min/max) di questa sostanza attiva così come risultano dalle etichette dei prodotti fitosanitari che la contengono da sola o in miscela con altre sostanze attive.
Melo14
Vite21
Fragola3
Pomodoro, peperone, melanzana, cetriolo, zucchino, melone, cocomero, zucca1/3
LMR LIMITI MASSIMI DI RESIDUI (mg/Kg)
  • Regolamento (UE) n. 737/2014 della Commissione del 24 giugno 2014:
Pomacee0,05
Uve da tavola e da vino0,15
Fragole0,04
Altra frutta0,02*
Peperoni, cetrioli, cucurbitacee con buccia non commestibile0,04
Zucchine0,05
Cetriolini0,08
Altri ortaggi0,02*
Legumi da granella0,02*
Semi e frutti oleaginosi0,02*
Orzo, avena0,1
Segale, frumento0,05
Altri cereali0,02*
Tè, caffè, infusioni di erbe e cacao0,05*
Luppolo0,05*
Barbaforte o cren0,02* (+)
Altre spezie0,05*
Piante da zucchero0,02*
Note:
Ciflufenamid: somma di ciflufenamid (isomero Z) e del relativo isomero E
(*) Indica il limite inferiore di determinazione analitica
(+) Il livello massimo di residui applicabile al barbaforte o cren (Armoracia rusticana) nel gruppo delle spezie (codice 0840040) è quello fissato per il barbaforte o cren (Armoracia rusticana) nella categoria degli ortaggi, gruppo degli altri ortaggi a radice e tubero (codice 0213040), tenendo conto delle variazioni del tenore di residui conseguenti alla trasformazione (essiccatura) a norma dell'articolo 20, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 396/2005.
REVISIONE EUROPEA
  • Direttiva 2009/154/CE della Commissione del 30 novembre 2009 che modifica la direttiva 91/414/CEE del Consiglio ai fini dell’inserimento della sostanza attiva ciflufenamid
  • Decreto 18 giugno 2010 (GU n. 238 del 11-10-2010 ) Inclusione della sostanza attiva ciflufenamid nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, in attuazione della direttiva 2009/154/CE della Commissione del 30 novembre 2009. (10A11967)
CAMPO DI IMPIEGO
Fungicida per la difesa di melo, vite, fragola e colture orticole in pieno campo e in serra (pomodoro, peperone, melanzana, cetriolo, zucchino, melone, cocomero e zucca).
SPETTRO D'AZIONE
Specifico per il controllo dell'Oidio.
MODO D'AZIONE
Fungicida ad azione preveentiva e curativa ad elevata persistenza.
FORMULAZIONI
  • Sospensione concentrata
  • Emuslione acquosa
Sono disponibili dformulazioni in miscela con difenoconazolo per la lotta contro Oidio, Black rot e rossore parassitario della vite.
MODALITA' DI IMPIEGO
Modalità e dosi di impiego riferite a prodotti al 10% (100 g/l) di s.a. sottto fforma di sospensione concentrata.
Melone, cocomero e zucca:
  • in pieno campo: impiegare il prodotto alla dose di 150 ml/ha (10-30 ml/hl), utilizzando un volume d'acqua pari a 5-15 hl/ha.
  • in serra o ambientee protetto: impiegare il prodotto alla dose di 150 ml/ha (10-30 ml/hl), utilizzando un volume d'acqua pari a 5-15 hl/ha.
Iniziare i trattameenti in maniera preventiva oppure non oltre la prima comparsa dei sintomi della malattia ripetendo il trattamento dopo 7 giorni, se neecessario.
Cetriolo e zucchino:
  • in pieno campo: impiegare il prodotto alla dose di 150 ml/ha (10-30 ml/hl), utilizzando un volume d'acqua pari a 5-15 hl/ha.
  • in serra o ambientee protetto: impiegare il prodotto alla dose di 150 ml/ha (10-30 ml/hl), utilizzando un volume d'acqua pari a 5-15 hl/ha.
Iniziare i trattameenti in maniera preventiva oppure non oltre la prima comparsa dei sintomi della malattia ripetendo il trattamento dopo 7 giorni, se neecessario.
Pomodoro e peperone:
  • in pieno campo: impiegare il prodotto alla dose di 150 ml/ha (10-30 ml/hl), utilizzando un volume d'acqua pari a 5-15 hl/ha.
  • in serra o ambientee protetto: impiegare il prodotto alla dose di 150 ml/ha (10-30 ml/hl), utilizzando un volume d'acqua pari a 5-15 hl/ha.
Iniziare i trattameenti in maniera preventiva oppure non oltre la prima comparsa dei sintomi della malattia ripetendo il trattamento dopo 7 giorni, se neecessario.
In pieno campo non efffettuare più di 2 trattameenti per stagione. In serra, non effettuare più di 2 trattamenti/anno per coltura.
Modalità e dosi di impiego riferite a prodotti al 5,1% (51,3 g/l) di s.a. sottto forma di emulsione acquosa.
Vite da vino e da tavola
40-50 ml/hl per il controllo di oidio (Uncinula necator). Impiegare 8-10 hl/ha rispettando la dose di 500 ml/ha.
Intervenire in modalità preventiva indicativamente dall’inizio della fioritura (avendo utilizzato in precedenza prodotti antioidici specifici) fino ad ingrossamento acini ad intervalli di 10-14 giorni.
Effettuare al massimo 2 interventi all’anno.
Melo
30-50 ml/hl per il controllo di oidio (Podosphaera leucotricha).
Impiegare 9-15 hl/ha rispettando la dose di 500 ml/ha.
Intervenire in modalità preventiva ad intervalli di 7-10 giorni dalle prime foglie espanse alla pre-raccolta.
Effettuare al massimo 2 interventi all’anno.
Ciflufenamid: somma di ciflufenamid (isomero Z) e del relativo isomero E