OLIO MINERALE PARAFFINICO

STATO FISICO
Gli olii minerali si ottengono dalla distillazione frazionata del petrolio grezzo e sono costituiti da una miscela di idrocarburi fra i quali prevalgono quelli saturi (privi di legami liberi).
Il grado di tolleranza degli olii minerali per le piante è legato al livello di affinazione cui vengono sottoposti; con i processi di raffinazione, infatti, vengono saturati, con acido solforico, buona parte dei componenti insaturi responsabili della fitotossicità.
Il grado di solfonazione è l'indice della raffinazione subita dall'olio, in quanto indica la quantità percentuale dello stesso che non reagisce con acido solforico (U.R. o residuo insolfonabile), rappresentata da idrocarburi saturi.
Gli olii bianchi sono olii di petrolio che hanno subito una prolungata raffinazione, in modo da ridurre in genere al 4-5% la percentuale di prodotti caustici (componenti insaturi) e ottenere quindi un U.R. pari a 95-96.
IMPIEGHI AUTORIZZATI E INTERVALLO DI SICUREZZA (gg.)
  • Decreto 23 luglio 2008 (GU n 265 del 12-11-2008, Suppl Ord n 251):
Colture:
Agrumi, mandorlo, noce, nocciolo, pomacee, drupacee, vite, ribes, fico, olivo, actinidia, cachi......................... 20
Pomodoro, peperone, cucurbitacee, fagiolo, sedano, finocchio, carciofo20
Patata20
Mais20
Barbabietola da zucchero20
Floreali, ornamentali, forestali--
Altri impieghi:
Impiego su floreali e ornamentali da appartamento e da giardino domestico.
Coadiuvante nei trattamenti di post-emergenza delle infestanti su cereali autunno-vernini, peperone, pomodoro, patata, fagiolo, carciofo, sedano, finocchio, cucurbitacee, barbabietola da zucchero, mais e soia.
Si segnala che alcuni prodotti a base di olio minerale hanno in etichetta la voce "fruttiferi in genere" e pertanto possono essere impiegati su tutte le piante da frutto.
LIMITI MASSIMI DI RESIDUI (in mg/Kg = ppm)
OLIO DI PARAFFINA (CAS 64742-54-7), OLIO DI PETROLIO (CAS 92062-35-6):
  • Regolamento (UE) 2015/400 della Commissione del 25 febbraio 2015:
Frutta0,01*
Ortaggi0,01*
Legumi da granella0,01*
Semi e frutti oleaginosi0,01*
Cereali0,01*
Tè, caffè, infusioni di erbe, cacao0,01*
Luppolo0,01*
Spezie (escluso barbaforte o cren)0,01*
Barbaforte o cren0,01* (+)
Piante da zucchero0,01*
Note:
(+) Il livello massimo di residui applicabile al barbaforte o cren (Armoracia rusticana) nel gruppo delle spezie (codice 0840040) è quello fissato per il barbaforte o cren (Armoracia rusticana) nella categoria degli ortaggi, gruppo degli altri ortaggi a radice e tubero (codice 0213040), tenendo conto delle variazioni del tenore di residui conseguenti alla trasformazione (essiccatura) a norma dell'articolo 20, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 396/2005.
LMR nazioniali in vigore fino al 31 agosto 2008:
  • Decreto 27 agosto 2004 (GU n 292 del 14 dicembre 2004, Suppl Ord n 179):
Agrumi, mandorle, noci, nocciole, pomacee, drupacee, uve da tavola e vino, ribes, fichi, cachi, olive-- (1)
Pomodori, peperoni, cucurbitacee, fagioli senza baccello, sedani, finocchi, carciofi-- (1)
Patate-- (1)
Mais-- (1)
Barbabietole da zucchero-- (1)
Note:
(1) Esente dall'indicazione
AGRICOLTURA BIOLOGICA
Sostanza attiva (olio di paraffina) utilizzabile in agricoltura biologica a norma del regolamento (CEE) n. 2092/91 poi abrogato e sostituito dal regolamento (CE) n. 834/2007 del 28 giugno 2007 che ne ha confermato l'uso in agricoltura biologica (vedi allegato II del regolamento (CE) n. 889/2008 poi modificato con regolamento n. 354/2014 dell'8 aprile 2014).
Descrizione, requisiti di composizione, condizioni per l'uso: insetticida, acaridica. Prodotti specificati nell'allegato del regolamento di esecuzione (UE) n. 540/2011 (numeri 294 e 295).
REVISIONE EUROPEA
Gli oli di petrolio e di paraffina sono stati oggetto della revisione europea delle sostanze attive che ha determinato l'inclusione in allegato I di alcuni numeri CAS e l'esclusione di altri.
In sintesi, risultano iscritti i seguenti oli: olio di paraffina CAS 64742-46-7 (Direttiva 2009/116/CE del Consiglio del 25 giugno 2009) olio di paraffina CAS 72623-86-0 (Direttiva 2009/116/CE del Consiglio del 25 giugno 2009) olio di paraffina CAS 97862-82-3 (Direttiva 2009/116/CE del Consiglio del 25 giugno 2009) olio di paraffina CAS 8042-47-5 (Direttiva 2009/117/CE del Consiglio del 25 giugno 2009)
Mentre non risultano iscritti in allegato I i seguenti oli:
Olio di paraffina/(CAS 64741-88-4) (Decisione 2007/442/CE del 21 giugno 2007)
Olio di paraffina/(CAS 64741-89-5) (Decisione 2007/442/CE del 21 giugno 2007)
Olio di paraffina/(CAS 64741-97-5) (Decisione 2007/442/CE del 21 giugno 2007)
Olio di paraffina/(CAS 64742-55-8) (Decisione 2007/442/CE del 21 giugno 2007)
Olio di paraffina/(CAS 64742-65-0) (Decisione 2007/442/CE del 21 giugno 2007)
Olio di paraffina/(CAS 8012-95-1) (Decisione 2007/442/CE del 21 giugno 2007)
Oli di petrolio/(CAS 74 869-22-0) (Decisione 2007/442/CE del 21 giugno 2007)
Oli di petrolio/(CAS 64742-55-8/64742-57-7) (Decisione 2007/442/CE del 21 giugno 2007) olio di paraffina CAS 64742-54-7 (Decisione 2009/617/CE del 17 agosto 2009) olio di petrolio CAS 92062-35-6 (Decisione 2009/616/CE del 17 agosto 2009)
Riferimenti normativi:
  • Decisione della Commissione del 21 giugno 2007 concernente la non iscrizione di alcune sostanze attive nell'allegato I della direttiva 91/414/CEE del Consiglio e la revoca delle autorizzazioni di prodotti fitosanitari contenenti dette sostanze.
  • Decreto 20 dicembre 2007 (GU n. 8 del 10-1-2008) Non iscrizione di alcune sostanze attive nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, e revoca dei prodotti fitosanitari contenenti dette sostanze attive, in attuazione della decisione della Commissione 2007/442/CE.
  • Decreto 6 maggio 2008 (GU n. 113 del 15-5-2008) Revoca dei prodotti fitosanitari contenenti olio di paraffina, in attuazione della decisione della Commissione 2007/442/CE.
  • Direttiva 2009/116/CE del Consiglio del 25 giugno 2009 che modifica la direttiva 91/414/CEE con l’iscrizione degli oli di paraffina n. CAS 64742-46-7, n. CAS 72623-86-0 e n. CAS 97862-82-3 come sostanze attive
  • Direttiva 2009/117/CE del Consiglio del 25 giugno 2009 che modifica la direttiva 91/414/CEE con l’iscrizione dell’olio di paraffina n. CAS 8042-47-5 come sostanza attiva
  • Comunicato (GU n. 289 del 12-12-2009) Non inclusione della sostanza attiva «olio di paraffina CAS 64742-54-7» nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, e revoca delle autorizzazioni all'immissione in commercio dei prodotti fitosanitari che contengono tale sostanza attiva. (09A14733)
  • Comunicato (GU n. 289 del 12-12-2009) Non inclusione della sostanza attiva «olio di petrolio CAS 92062-35-6» nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, e revoca delle autorizzazioni all'immissione in commercio dei prodotti fitosanitari che contengono tale sostanza attiva. (09A14732)
  • Comunicato (GU n. 289 del 12-12-2009) Non inclusione della sostanza attiva «olio di paraffina CAS 64742-54-7» nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, e revoca delle autorizzazioni all'immissione in commercio dei prodotti fitosanitari che contengono tale sostanza attiva. (09A14733)
  • Comunicato (GU n. 289 del 12-12-2009) Non inclusione della sostanza attiva «olio di petrolio CAS 92062-35-6» nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, e revoca delle autorizzazioni all'immissione in commercio dei prodotti fitosanitari che contengono tale sostanza attiva. (09A14732)
  • Decreto 29 dicembre 2009 (GU n. 134 del 11-6-2010 ) Inclusione dell'olio di paraffina n. CAS 8042-47-5 come sostanza attiva nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, in attuazione della direttiva 2009/117/CE del Consiglio. (10A06874)
  • Decreto 29 dicembre 2009 (GU n. 134 del 11-6-2010 ) Inclusione degli oli di paraffina n. CAS 64742-46-7, n. CAS 72623-86-0 e n. CAS 97862-82-3 come sostanze attive nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, in attuazione della direttiva 2009/116/CE del Consiglio. (10A06875)
  • Decisione della Commissione del 17 agosto 2009 concernente la non iscrizione dell’olio di paraffina CAS 64742-54-7 nell’allegato I della direttiva 91/414/CEE del Consiglio e la revoca delle autorizzazioni di prodotti fitosanitari contenenti detta sostanza
  • Decisione della Commissione del 17 agosto 2009 concernente la non iscrizione dell'olio di petrolio CAS 92062-35-6 nell'allegato I della direttiva 91/414/CEE del Consiglio e la revoca delle autorizzazioni di prodotti fitosanitari contenenti detta sostanza
  • Decreto 23 dicembre 2013 (GU n. 48 del 27-2-2014) Ri-registrazione provvisoria di alcuni prodotti fitosanitari, a base della sostanza attiva oli di paraffi na con n. CAS 97862-82-3.
  • Decreto 24 gennaio 2014 (GU n. 49 del 28-2-2014) Elenco dei prodotti fitosanitari contenenti la sostanza attiva oli di paraffi na (CAS 97862-82-3) revocati ai sensi dell’art. 3, commi 2 e 4 del decreto 29 dicembre 2009 di recepimento della direttiva 2009/116/CE del Consiglio.
  • Decreto 28 gennaio 2014 (GU n. 48 del 27-2-2014) Elenco dei prodotti fitosanitari contenenti la sostanza attiva oli di paraffina (CAS 64742-46-7) revocati ai sensi dell’art. 3, commi 2 e 4 del decreto 29 dicembre 2009 di recepimento della direttiva 2009/116/CE del Consiglio.
  • Decreto 7 febbraio 2014 (GU n. 62 del 15-3-2014) Ri-registrazione provvisoria di alcuni prodotti fitosanitari, a base della sostanza attiva oli di paraffi na con n. CAS 64742-46-7.
  • Decreto 10 febbraio 2014 (GU n. 62 del 15-3-2014) Elenco dei prodotti fitosanitari contenenti la sostanza attiva oli di paraffina (CAS 72623-86-0) revocati ai sensi dell’articolo 3, commi 2 e 4 del decreto 29 dicembre 2009, di recepimento della direttiva 2009/116/CE del Consiglio.
  • Decreto 26 febbraio 2014 (GU n. 82 del 8-4-2014) Elenco dei prodotti fi tosanitari contenenti la sostanza attiva olio di paraffi na con CAS n. 8042-47-5 revocati ai sensi dell’articolo 2, commi 2 e 3 del decreto del Ministero della salute 29 dicembre 2009 relativo all’iscrizione della sostanza attiva stessa nell’allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194.
  • Decreto 10 marzo 2014 (GU n. 100 del 2-5-2014) Elenco dei prodotti fi tosanitari contenenti la sostanza attiva oli di paraffi na (CAS 8042-47-5), revocati ai sensi dell’articolo 3, commi 2 e 4 del decreto 29 dicembre 2009, di recepimento della direttiva 2009/117/CE.
  • Decreto 10 marzo 2014 (GU n. 100 del 2-5-2014) Ri-registrazione provvisoria di alcuni prodotti fi tosanitari, a base della sostanza attiva oli di paraffi na con (CAS 8042-47-5).
  • Decreto 12 settembre 2014 (GU n. 233 del 7-10-2014) Integrazione al decreto 23 dicembre 2013 di “Ri-registrazione provvisoria di alcuni prodotti fi tosanitari, a base della sostanza attiva oli di paraffina con n. CAS 97862-82-3”.
ALTRE DISPOSIZIONI
  • Con D.M. 8 giugno 2001 (G.U. n. 203 del 1-9-2001- Suppl. Ordinario n.223) è stata approvata l'estensione di impiego su floreali e ornamentali da appartamento e da giardino domestico (PPO).
  • Con Decreto 22 luglio 2003 (G.U. n. 232 del 6.10.2003, s.o. n. 158) sono stati aggiunti i seguenti impieghi autorizzati: coadiuvante nei trattamenti di post-emergenza delle infestanti su cereali autunno-vernini, peperone, pomodoro, patata, fagiolo, carciofo, sedano, finocchio, cucurbitacee, barbabietola da zucchero, mais e soia.
  • Con Decreto 23 luglio 2008 (GU n. 265 del 12-11-2008) è stato aggiunta l'actinidia tra gli impieghi autorizzati.
CAMPO D'IMPIEGO
Insetticida per la difesa dei fruttiferi in genere (tra cui agrumi, mandorlo, noce, nocciolo, pomacee, drupacee, ribes, fico, caco, noce, nocciolo, vite, actinidia, olivo), alcuni ortaggi (pomodoro, peperone, cucurbitacee, fagiolo, sedano, finocchio, carciofo), patata, floreali, ornamentali e forestali.
Trova impiego anche come Coadiuvante nei trattamenti di post-emergenza delle infestanti su cereali autunno-vernini, peperone, pomodoro, patata, fagiolo, carciofo, sedano, finocchio, cucurbitacee, barbabietola da zucchero, mais e soia.
SPETTRO D'AZIONE
Particolarmente indicato per il controllo delle Cocciniglie ma combatte anche Afidi, Psilla, Tignole, uova di Lepidotteri, Acari, Eriofidi, Cicaline, Metcalfa, Tripidi, Cotonello, Minatori fogliari, Cimice Verde, Aleurodidi, Iceria, Mosca bianca, Coleotteri, Ditteri minatori, Lepidotteri, uova di Dorifora, Psille, Tingidi, Cleono, Lisso, Altica, Pegonia betae, Casside, Altomaria, Piralide, Nottue.
Le formulazioni caratterizzate da un alto grado di raffinazione (elevato residuo insolfonabile e ristretto intervallo di distillazione), con conseguente ridotta fitotossicità, possono essere impiegate anche in piena vegetazione oltre che nelle applicazioni invernali.
MODO D'AZIONE
Esercita la sua attività insetticida sulle uova impedendo gli scambi gassosi fra l'embrione e l'atmosfera. Contro gli altri stadi dei fitofagi agisce per asfissia coprendone il corpo con una sottile pellicola e penetrando per capillarità nei loro condotti tracheali, occludendoli.
FORMULAZIONI
¦ Emulsione
¦ Liquido emulsionabile
Sono disponibili formulazioni in miscela con altri p.a.
MODALITA' D'IMPIEGO
Modalità e dosi di impiego riferite a prodotti al 96,5% (800 g/l) di olio minerale paraffinico (insulfonabilità minima 96%) sotto forma di concentrato emulsionabile.
  • Agrumi (arancio, limone, mandarino, clementino, bergamotto, cedro, pompelmo, tangerino, limetta, chinotto, kumquat, arancio amaro): contro acari, ragno rosso, minatori fogliari, afide verde, cimice, cocciniglie, aleurodidi, tripidi in primavera-estate 1,5-2 l/hl, in inverno 2,5-3,5 l/hl
  • Drupacee (albicocco, ciliegio, pesco, susino, mandorlo): contro cicaline, acari, eriofidi, metcalfa, cocciniglie, afidi, tripidi, uova di lepidotteri, in primavera-estate 1,5-2 l/hl, in inverno 2,5-3,5 l/hl
  • Pomacee (melo, pero, cotogno): contro cocciniglie, cicaline, eriofidi, acari, metcalfa, afidi, psilla, tignole, uova di lepidotteri in primavera-estate 1,5-2 l/hl, in inverno 2,5-3,5 l/hl
  • Caco, Fico, Ribes, Noce, Nocciolo: contro cocciniglie, cicaline, cimici, eriofidi, psilla, metcalfa, afidi, uova di lepidotteri, acari, in primavera-estate 1,5-2 l/hl, in inverno 2,5-3,5 l/hl
  • Vite (uva da vino e da tavola): contro afidi, tripidi, cocciniglie, uova di lepidotteri, cicaline , tignole, metcalfa, acari, in primavera-estate 1,5-2 l/hl; in inverno 2,5-3,5 l/hl
  • Actinidia: contro cocciniglia bianca, 1 l/hl in periodo vegetativo
  • Olivo (olive da olio e da tavola): contro cocciniglie, tignole, in primavera-estate 1,5-2 l/hl, in inverno 2,5-3,5 l/hl
  • Fagiolo: contro afidi, acari, tripidi, ditteri, aleurodidi, uova di lepidotteri e coleotteri in periodo vegetativo 1-2,5 l/hl
  • Cucurbitacee (cocomero, melone, zucca, zucchino, cetriolo): contro afidi, tripidi, mosca bianca, minatori delle foglie, aleurodidi, uova di lepidotteri e coleotteri, acari, ditteri, in periodo vegetativo 1-2,5 l/hl
  • Sedano, finocchio: contro afidi, tripidi, ditteri, lepidotteri, mosca bianca, uova di minatori delle foglie, acari in periodo vegetativo 1-2,5 l/hl
  • Carciofo: contro afidi, mosca bianca, uova di lepidotteri, tripidi, ditteri minatori, acari, in periodo vegetativo 1-2,5 l/hl
  • Peperone, Pomodoro, Patata: contro afidi, uova di dorifora, acari, ditteri, tripidi, aleurodidi, uova di lepidotteri e coleotteri nel periodo vegetativo 1-2,5 l/hl
  • Barbabietola da zucchero: contro afidi, adulti di altica e cassida, mosca delle bietole, in periodo vegetativo 1-2,5 l/hl
  • Floreali, ornamentali e forestali: contro afidi, tripidi, cocciniglie, lepidotteri, ditteri, psille, cicaline, tingidi, metcalfa, tignole, aleurodidi, acari, in fase vegetativa 1,5-2,5 l/hl, in inverno 2-2,5 l/hl
Si consiglia di effettuare i trattamenti con temperature comprese tra 7 e 25°C.
COMPATIBILITA'
Miscibile con esteri fosforici (tali miscele prendono il nome di Olii attivati) allo scopo di potenziarne lo spettro d' azione su altre forme svernanti (soprattutto uova di Acari e Afidi).
Evitare le miscele con prodotti contenenti Zolfo, compresi i Polisolfuri. Qualora si fossero eseguiti trattamenti con prodotti contenenti Zolfo, l'applicazione dell'Olio minerale deve essere distanziata di almeno 15 giorni.
Non è compatibile, inoltre, con prodotti a base di altri p.a., quali Captano, Calce, Dinocap, Zineb, Chinometionato, Folpet, Maneb, Dicloran, Propargite, Triclorfon, Mancozeb e derivati.
MECCANISMO D'AZIONE
Esplica la sua azione insetticida sulle uova invernali impedendo gli scambi gassosi tra l'embrione e l'atmosfera. Contro gli altri stadi degli insetti agisce per asfissia coprendone il corpo con una sottile pellicola e penetrando per capillarità nei condotti tracheali, occludendoli.
INFORMAZIONI MEDICHE
In caso di intossicazione chiamare il medico per i consueti interventi di pronto soccorso.
PROPRIETA' TOSSICOLOGICHE
DL 50 orale acuta su ratto e topo > 4300 mg/Kg