BIXAFEN

IMPIEGHI AUTORIZZATI E INTERVALLO DI SICUREZZA (gg.)
Si riporta di seguito il riepilogo degli impieghi autorizzati e degli intervalli di sicurezza (min/max) di questa sostanza attiva così come risultano dalle etichette dei prodotti fitosanitari che la contengono da sola o in miscela con altre sostanze attive.
Frumento, orzo-- (sospendere i trattamenti a fine fioritura)
LIMITI MASSIMI DI RESIDUI (in mg/Kg = ppm)
  • Regolamento (UE) n. 834/2013 della Commissione del 30 agosto 2013:
Frutta0,01*
Ortaggi0,01*
Legumi da granela0,01*
Semi di lino, semi di papavero, semi di colza, semi di senape0,07
Altri semi e frutti oleaginosi0,01*
Orzo, avena0,5
Segale, frumento0,05
Altri cereali0,01*
Tè, caffè, infusioni di erbe e cacao0,01*
Luppolo0,01*
Spezie0,01*
Piante da zucchero0,01*
(*) Indica il limite inferiore di determinazione analitica
La definizione dei residui è diversa per le seguenti combinazioni di antiparassitari e numeri di codice: Bixafen - codice 1000000 eccetto 1040000: somma di bixafen e desmetil bixafen espresso come bixafen»
REVISIONE EUROPEA
Sostanza attiva approvata a norma del regolamento (CE) n. 1107/2009, con le seguenti disposizioni specifiche: "Per l’applicazione dei principi uniformi di cui all’articolo 29, paragrafo 6, del regolamento (CE) n. 1107/2009, va tenuto conto delle conclusioni del rapporto di riesame sul bixafen, in particolare delle relative appendici I e II, nella versione definitiva approvata il 15 marzo 2013 dal Comitato permanente per la catena alimentare e la salute degli animali. In tale valutazione globale gli Stati membri prestano particolare attenzione ai seguenti aspetti: a) ai residui della sostanza attiva bixafen e dei suoi metaboliti nelle colture a rotazione; b) alla protezione delle acque sotterranee quando la sostanza viene impiegata in regioni esposte a rischi in relazione alla natura dei suoli e/o alle condizioni climatiche; c) al rischio per gli organismi acquatici; d) al rischio per il suolo e per gli organismi presenti nei sedimenti. Le condizioni d’impiego comprendono, se necessario, misure di attenuazione dei rischi."
Riferimenti normativi:
  • Regolamento di esecuzione (UE) n. 350/2013 della Commissione del 17 aprile 2013 che approva la sostanza attiva bixafen, in conformità al regolamento (CE) n. 1107/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo all’immissione sul mercato dei prodotti fitosanitari, e che modifica l’allegato del regolamento di esecuzione (UE) n. 540/2011 della Commissione
  • Decreto 25 marzo 2014 (GU n. 100 del 2-5-2014) Ri-registrazione provvisoria dei prodotti fitosanitari a base della sostanza attiva «bixafen», approvata con regolamento (UE) n. 350/2013 della Commissione, in conformità al regolamento (CE) n. 1107/2009 e modifi ca dell’allegato del regolamento di esecuzione (UE) n. 540/2011.
La definizione dei residui è diversa per le seguenti combinazioni di antiparassitari e numeri di codice: Bixafen - codice 1000000 eccetto 1040000: somma di bixafen e desmetil bixafen espresso come bixafen»
Prodotti contenenti BIXAFEN