PYRAFLUFEN ETHYL

IMPIEGHI AUTORIZZATI E INTERVALLI DI SICUREZZA (gg.)
  • Decreto 27 agosto 2004 (GU n 292 del 14 dicembre 2004, Suppl Ord n 179):
Frumento, orzo--
Note:
Applicazione in post-emergenza delle infestanti.
Si segnala la registrazione del prodotto Evolution (reg. 15071 del 5.03.2012) autorizzato per i seguenti impieghi: spollonante per vite, nocciolo, pomacee, drupacee; disseccante fogliare pre-raccolta per patata; sinergizante di erbicidi.
LIMITI MASSIMI DI RESIDUI (in mg/Kg = ppm)
  • Regolamento (UE) n. 703/2014 della Commissione del 19 giugno 2014:
Agrumi, frutta a guscio, pomacee, drupacee, uve da tavola e da vino, ribes a grappoli, uva spina, sambuco, olive da tavola0,02* (+)
Altra frutta0,02*
Patate0,02* (+)
Altri ortaggi0,02*
Legumi da granella0,02*
Semi e frutti oleaginosi (esclusi semi di colza e olive da olio)0,02*
Semi di colza, olive da olio0,02* (+)
Orzo, avena, riso, frumento0,02* (++)
Altri cereali0,02*
Tè, caffè, infusioni di erbe e cacao0,1*
Luppolo0,1* (+++)
Spezie (escluso barbaforte o cren)0,1*
Barbaforte o cren0,02* (++++)
Piante da zucchero0,02*
Note:
Piraflufen-etile (A) (somma di piraflufen-etile e piraflufen, espressa in piraflufen-etile)
(A) =I laboratori di riferimento dell'UE hanno riscontrato la mancanza sul mercato di uno standard di riferimento per piraflufen. Al momento del riesame degli LMR, la Commissione terrà conto della disponibilità commerciale dello standard di riferimento di cui alla prima frase entro il 26 giugno 2015, oppure, qualora tale standard di riferimento non sia disponibile sul mercato entro tale data, la sua mancanza.
(+) L'Autorità europea per la sicurezza alimentare ha riscontrato la mancanza di alcune informazioni relative ai metodi di analisi. Al momento del riesame degli LMR la Commissione terrà conto delle informazioni indicate nella prima frase se tali informazioni saranno presentate entro il 26 giugno 2016 oppure, qualora tali informazioni non siano presentate entro tale termine, della mancanza delle stesse
(++)L'Autorità europea per la sicurezza alimentare ha riscontrato la mancanza di alcune informazioni relative alla stabilità all'immagazzinamento e ai metodi di analisi. Al momento del riesame degli LMR la Commissione terrà conto delle informazioni indicate nella prima frase se tali informazioni saranno presentate entro il 26 giugno 2016 o, qualora tali informazioni non siano presentate entro tale termine, della mancanza delle stesse.
(+++) L'Autorità europea per la sicurezza alimentare ha riscontrato la mancanza di alcune informazioni relative ai metodi di analisi. Al momento del riesame degli LMR la Commissione terrà conto delle informazioni indicate nella prima frase se tali informazioni saranno presentate entro il 26 giugno 2016 o, qualora tali informazioni non siano presentate entro tale termine, della mancanza delle stesse.
(++++) Il livello massimo di residui applicabile al barbaforte o cren (Armoracia rusticana) nel gruppo delle spezie (codice 0840040) è quello fissato per il barbaforte o cren (Armoracia rusticana) nella categoria degli ortaggi, gruppo degli ortaggi a radice e tubero (codice 0213040), tenendo conto delle variazioni del tenore di residui conseguenti alla trasformazione (essiccatura) a norma dell'articolo 20, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 396/2005.
Il regolamento (CE) n. 396/2005, nella versione precedente alle modifiche introdotte dal presente regolamento, continuerà ad applicarsi ai prodotti ottenuti in conformità alla normativa vigente prima del 16 gennaio 2015: in e su tutti i prodotti (art. 2 reg. 703/2014).
(*) Indica il limite inferiore di determinazione analitica
LMR in vigore fino al 31 agosto 2008:
  • Decreto 27 agosto 2004 (GU n 292 del 14 dicembre 2004, Suppl Ord n 179):
Frutta a guscio0,1 (*)
Altra frutta0,02 (*)
Ortaggi0,02 (*)
Legumi da granella0,02 (*)
Semi oleaginosi0,05 (*)
Patate0,02 (*)
0,05 (*)
Luppolo0,05 (*)
Cereali0,02 (*)
Note:
Limiti massimi comunitari provvisori.
(*) Limite inferiore convenzionale di determinazione analitica
REVISIONE EUROPEA
Sostanza attiva iscritta in allegato I con le seguenti disposizioni specifiche: "Possono essere autorizzate solo le utilizzazioni come erbicida."
Riferimenti normativi:
  • Direttiva 2001/87/CE della Commissione, del 12 ottobre 2001, che modifica l'allegato I della direttiva 91/414/CEE del Consiglio relativa all'immissione in commercio dei prodotti fitosanitari con l'iscrizione delle sostanze attive acibenzolar-s-metile, ciclanilide, fosfato ferrico, pimetrozina e piraflufen-etile
  • Decreto 9 agosto 2002 (GU n. 284 del 4-12-2002) "Attuazione della direttiva 2001/87/CE della Commissione del 12 ottobre 2001, concernente l'iscrizione delle sostanze attive acibenzolar-s-metile, ciclanilide, fosfato ferrico, pimetrozina e piraflufen-etile nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194."
  • Direttiva 2010/77/UE della Commissione del 10 novembre 2010 che modifica la direttiva 91/414/CEE del Consiglio per quanto riguarda le scadenze dell'iscrizione di determinate sostanze attive nell'allegato I
  • Decreto 30 dicembre 2010 (GU n. 52 del 4-3-2011) Modifica della data di scadenza d'iscrizione nell'allegato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, di determinate sostanze attive, in attuazione della direttiva 2010/77/UE della Commissione. (11A03058)
Piraflufen-etile (A) (somma di piraflufen-etile e piraflufen, espressa in piraflufen-etile)
(A) =I laboratori di riferimento dell'UE hanno riscontrato la mancanza sul mercato di uno standard di riferimento per piraflufen. Al momento del riesame degli LMR, la Commissione terrà conto della disponibilità commerciale dello standard di riferimento di cui alla prima frase entro il 26 giugno 2015, oppure, qualora tale standard di riferimento non sia disponibile sul mercato entro tale data, la sua mancanza.
Prodotti contenenti PYRAFLUFEN ETHYL